Informazione creata ad arte (e cultura)

Essere o non essere umani di Björn Larsson

Edito Raffaello Cortina Editore, a Febbraio in libreria.
fonte ufficio stampa
Photo credits: fonte ufficio stampa

Essere o non essere umani di Björn Larsson

fonte ufficio stampa
Photo credits: fonte ufficio stampa
Edito Raffaello Cortina Editore, a Febbraio in libreria.

Cosa ci rende umani? Cosa distingue l’homo sapiens sapiens dagli altri primati? Nel plasmare la nostra esistenza individuale e collettiva, noi esseri umani abbiamo un margine di scelta o siamo solamente pedine sulla scala dell’evoluzione?

In contrasto con le scienze che vedono la natura umana come un risultato dell’adattamento evoluzionistico, l’autore sostiene che la specificità dell’essere umano dipende in larga parte da quella grande innovazione che è stata la rappresentazione simbolica, dall’idea cioè che tutto – un suono, un gesto, un oggetto – possa essere usato per rappresentare qualunque altra cosa. È proprio da essa che dipendono l’immaginazione, il linguaggio, la coscienza, il dubbio, un certo grado di libertà, il senso del futuro, la comprensione di sé e degli altri, credenze, miti e fedi religiose.

Se insomma la natura dell’uomo non è riducibile deterministicamente alla biologia, alla chimica e alla fisica, come possiamo concepire una scienza nuova, che descriva e spieghi accuratamente cosa vuol dire essere umani? È fattibile? E, se sì, a cosa dovrebbe servire? Potrebbe davvero contribuire a rendere il mondo un posto migliore, più umano, più giusto, più libero per tutti?

L’autore

Björn Larsson, docente di Letteratura francese all’Università di Lund, filologo e traduttore, è un romanziere molto noto in Italia, dopo il successo internazionale di “La vera storia del pirata Long John Silver”.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni
ID: 390761
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.