Informazione creata ad arte (e cultura)

Bad Ischl – Salzkammergut in Austria, Capitale Europea della Cultura 2024, importante meta turistica per il ricco patrimonio culturale e non solo

Numerose le iniziative organizzate dall’Ente Nazionale Austriaco per il Turismo (ENAT), per promuovere questa località e tutto il territorio austriaco. Tra queste il progetto “Wirtshauslabor” che vede protagoniste le osterie rendendo più dinamica la gastronomia regionale tradizionale.
fonte ufficio stampa Zedcomm
Photo credits: fonte ufficio stampa Zedcomm

Bad Ischl – Salzkammergut in Austria, Capitale Europea della Cultura 2024, importante meta turistica per il ricco patrimonio culturale e non solo

fonte ufficio stampa Zedcomm
Photo credits: fonte ufficio stampa Zedcomm
Numerose le iniziative organizzate dall’Ente Nazionale Austriaco per il Turismo (ENAT), per promuovere questa località e tutto il territorio austriaco. Tra queste il progetto “Wirtshauslabor” che vede protagoniste le osterie rendendo più dinamica la gastronomia regionale tradizionale.

Il progetto Capitale Europea della Cultura 2024 rappresenta per Bad Ischl un’opportunità unica; per far conoscere la propria storia, farsi portavoce della bellezza e della ricchezza artistica dell’Austria, grazie a un programma curato e innovativo.

Bad Ischl si trova nella regione di Salzkammergut, che si estende tra le regioni federali dell’Alta Austria, della Stiria e del Salisburghese, è una regione che non conosce confini. Qui si incontrano tre regioni federali in un’area relativamente piccola, e non solo dal punto di vista puramente geografico. Questo è, infatti, il luogo in cui l’incredibile bellezza dei laghi abbraccia i tratti dolci del paesaggio prealpino, e dove si incrociano culture diverse, assaporando e condividendo piatti tipici delle varie regioni.

Il programma dei prossimi eventi, organizzati dall’Ente Nazionale Austriaco per il Turismo (ENAT), legati alla Capitale Europea della Cultura 2024, comprende:

“Wirtshauslabor Salzkammergut 2024” a Bad Ischl e Gmunden fino al 22 novembre 2024

In Austria l’osteria è molto più di un luogo in cui recarsi per mangiare e bere. È un punto di incontro sociale arricchito dall’elemento culinario. Il progetto “Wirtshauslabor” offre a chef di alto livello, tirocinanti ambiziosi e artisti/e un campo di gioco per rendere più dinamica la gastronomia regionale tradizionale grazie a una nuova arte culinaria e a concetti innovativi. Nell’ambito del progetto per la Capitale della Cultura, gli studenti e le studentesse delle scuole turistiche di Bad Ischl sperimentano nuove idee insieme al famoso chef “Krauli” (Christoph Held) e ai ragazzi della scuola Don Bosco di Vöcklabruck con Jochen “Joe” Neustifter. Come sedi pop-up sono state scelte l’ex ristorante della stazione a Bad Ischl e l’ex osteria “Rosenkranz” a Gmunden.

La mostra “sudhaus – kunst mit salz & wasser”, fino al 31 ottobre 2024

Il sale e l‘acqua, elementi essenziali per la vita, sono da sempre fattori fondamentali nel Salzkammergut. La mostra principale presso la Sudhaus a Bad Ischl è dunque dedicata a questi ambiti tematici, con oggetti, opere cinematografiche e fotografiche nonché installazioni. Senza il legno, presente in abbondanza nel Salzkammergut, l’estrazione del sale non sarebbe stata possibile. Per questo, a completare la mostra, anche cenni storici su questo materiale e il suo contributo fondamentale all’economia della regione.

Ai Weiwei– Transcending Borders, dal 13 giugno al 27 ottobre 2024

Cosa divide e cosa unisce invece la cultura e la storia austriaca con quella delle antiche dinastie cinesi? L’artista Ai Weiwei dà vita a un incontro avvincente tra il palazzetto Marmorschlössl e un tempio cinese originale nel Kaiserpark a Bad Ischl. Inoltre, le opere del rinomato artista cinese si affiancano a reperti archeologici significativi della Cultura di Hallstatt (800 – 450 a.C.), creando uno spazio unico per il dialogo tra arte e storia.

L’iniziativa Plätte-Taxi*

Progetto inaugurale legato alle iniziative culturali volte a promuovere Bad Ischl, è stata una straordinaria iniziativa in occasione della pre-apertura della 60esima edizione della Biennale di Venezia, tenutasi lo scorso 18 aprile. Protagonista, sotto i riflettori internazionali, il cosiddetto “Plätte-Taxi”, tipico dell’area di Salzkammergut, che ha navigato tra i canali veneziani insieme alle classiche gondole della città. Tipica imbarcazione in legno della regione di Salzkammergut, vicino a Salisburgo, la Plätte è realizzata a mano dai mastri artigiani della zona. Grazie al suo “cameo” alla Biennale di Venezia, la Plätte assume un ruolo unico nel contesto artistico internazionale come testimonianza autentica dell’importanza del patrimonio culturale.

*Il Plätte-Taxi è un’iniziativa di ENAT attuata esclusivamente nell’ambito dell’attività autorizzata dalle autorità locali. La Plätte non è stata utilizzata come mezzo di trasporto ufficiale a Venezia.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Mariella Belloni
Photo credits: fonte ufficio stampa Zedcomm
ID: 398107
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.