Informazione creata ad arte (e cultura)

“Walkers in Amazonia”: la proposta peruviana e la sua sfida per salvare le origini amazzoniche alla 18ª Edizione della Biennale di Venezia

La mostra internazionale si svolge dal 20 maggio al 26 novembre 2023. La proposta peruviana si impegna contro la deforestazione, il degrado ambientale e si adopera per la tutela delle conoscenze tradizionali.
Foto

“Walkers in Amazonia”: la proposta peruviana e la sua sfida per salvare le origini amazzoniche alla 18ª Edizione della Biennale di Venezia

Foto
La mostra internazionale si svolge dal 20 maggio al 26 novembre 2023. La proposta peruviana si impegna contro la deforestazione, il degrado ambientale e si adopera per la tutela delle conoscenze tradizionali.

Con una riflessione sul cambiamento climatico e un appello all’azione, è così che il Perù si presenta attraverso “Walkers in Amazonia”, il padiglione della 18a Biennale di Architettura di Venezia.

La deforestazione, il degrado ambientale delle foreste amazzoniche e la perdita interculturale sono al centro dell’evento di quest’anno, che cerca di risvegliare una risposta-azione di fronte al cambiamento climatico.

L’architetto José Orrego è il direttore della mostra, mentre l’architetto Alexia León ne è la curatrice con la collaborazione di Lucho Marcial, entrambi professionisti selezionati dopo un rigoroso concorso organizzato dal Patronato Cultural del Perú.

La presenza del Perù in questa importante esposizione è sostenuta da PROMPERÚ e mette in luce un esempio contemporaneo di gestione collettiva del territorio nel dipartimento di San Martín e un’alleanza strategica tra lo Stato (Ministero dell’Educazione/UGELES), l’ONG Waman Wasi, i rappresentanti delle comunità indigene Kichwa, Awajún e Shawi, le comunità meticce e le istituzioni educative delle province di El Dorado, Lamas e San Martín, che si impegnano a costruire un legame tra comunità, scuola e territorio.

Il Padiglione presenta 64 calendari comunitari che danno visibilità a un fenomeno contemporaneo di resistenza collettiva nella lotta per i diritti territoriali indigeni e civili, evidenziando una tecnologia che rischia di scomparire e che valorizza e reinventa le pratiche ancestrali.

“Il Laboratorio del Futuro”
La 18a edizione della Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia si svolge dal 20 maggio al 26 novembre 2023 e prevede la partecipazione di 64 Paesi.
Ogni anno vengono sollevati argomenti di riflessione che diventano poi tendenze volte a orientare il pensiero artistico e architettonico a livello internazionale. La scrittrice e architetto anglo-ghanese Lesley Lokko, curatore generale della Biennale di Architettura di Venezia 2023, ha proposto un tema intitolato “Il laboratorio del futuro”, che mette al centro l’Africa. “C’è un luogo in cui tutti i temi dell’equità, delle risorse, della razza, della speranza e della paura convergono e si fondono. L’Africa. A livello antropologico, siamo tutti africani. E ciò che accade in Africa accade a tutti noi”: così Lokko descrive questa esposizione.
Per PROMPERÚ, manifestazioni di questa portata rappresentano un’opportunità nel settore culturale, che possono consentire di migliorare le proprie quotazioni internazionali e contribuire alla promozione del Perù nel mondo.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Global Tourist
ID: 378088
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.