Informazione creata ad arte (e cultura)

Vivaldi Festival: il concerto a Venezia nel giorno della morte del Prete Rosso

Venerdì 28 luglio 2023 nella chiesa di San Salvador si conclude la terza edizione del festival dedicato al compositore veneziano con la regia di Enrico Castiglione
Foto

Vivaldi Festival: il concerto a Venezia nel giorno della morte del Prete Rosso

Foto
Venerdì 28 luglio 2023 nella chiesa di San Salvador si conclude la terza edizione del festival dedicato al compositore veneziano con la regia di Enrico Castiglione

Nella notte tra il 27 e il 28 luglio 1741, a Vienna moriva Antonio Vivaldi. Una morte dolorosa e improvvisa. Lontano da Venezia Vivaldi fu sepolto in una fossa comune al Spitaller Gottsacker di Vienna. Da tre anni, a Venezia, il Vivaldi Festival si conclude il 28 luglio con un grande concerto in memoria del Prete Rosso. Venerdì alle 20.30, nella monumentale Chiesa di San Salvador è atteso il gran finale del festival con il concerto straordinario per il 282° anniversario della morte di Antonio Vivaldi: il Gaulitanus Choir, formazione corale proveniente da Gozo, Malta, e l’Orchestra del Vivaldi Festival renderanno omaggio alla Musica Sacra di Vivaldi sotto la direzione di Colin Attard, con la partecipazione del violinista Pierre Louis Attard. Il concerto, offerto a ingresso libero, prevede l’esecuzione di numerosi brani di Vivaldi, tra cui numeri dal Gloria, ma anche brani di Johann Sebastian Bach, Johann Pachelbel, Antonio Lotti, Alessandro Stradella, Luigi Cherubini, Wolfgang Amadeus Mozart e Giovanni Battista Pergolesi. In occasione del concerto, lo stesso Gaulitanus Choir si esibirà il 29 luglio alla Messa delle ore 18 alla Basilica di Sant’Antonio a Padova e, sempre sotto la direzione di Colin Attard, alla Messa delle ore 18.45 domenica 30 luglio alla Basilica di San Marco a Venezia: in programma anche musiche di Antonio Vivaldi per due ulteriori momenti di musica in omaggio al Prete Rosso.

Proseguiranno poi fino al 28 luglio (tutti i giorni alle ore 15.30, con ingresso gratuito, esclusi il sabato e la domenica), la serie di concerti pomeridiani dedicati ad Antonio Vivaldi sotto le volte maestose della Basilica di Santa Maria della Salute, grazie all’impegno dell’organista Paola Talamini, che eseguirà le sue più celebri composizioni sull’organo di Dacci del 1782.

“Concludiamo la terza edizione nella monumentale Chiesa di San Salvador nel giorno esatto della ricorrenza della morte di Vivaldi – ha dichiarato Enrico Castiglione, fondatore del Vivaldi Festival – dopo oltre un mese di intensa programmazione che ha registrato una grande partecipazione di pubblico a tutti i concerti, tra cui moltissimi veneziani: un dato che ci rende molto soddisfatti perché la Città di Venezia inizia a vivere il Festival e a sentirlo proprio. Il prossimo anno il Vivaldi Festival si svolgerà dal 21 giugno al 28 luglio 2024 e la novità sarà finalmente la nostra prima messa in scena di un’opera di Antonio Vivaldi, il cui teatro è ancora del tutto sconosciuto: l’opera è ancora top secret, sarà una bellissima sorpresa”.

Il Vivaldi Festival si conferma così una festa della musica nel segno della straordinaria vitalità musicale di Antonio Vivaldi e dei luoghi simbolo della Città di Venezia, nato dalla volontà di creare a Venezia un festival permanente che ogni anno offra la riscoperta del suo patrimonio musicale, dalla musica concertistica e strumentale a quella operistica attraverso la migliore prassi esecutiva dando spazio a diversi modi e stili di interpretare ed eseguire oggi Vivaldi: dal rigore filologico alle più recenti tendenze interpretative dei migliori strumentisti e solisti della musica colta.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Vivaldi Festival
ID: 381346
Licenza di distribuzione:
Picture of Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.