Informazione creata ad arte (e cultura)

Vitaliano Gallo dirige all’Opera Don Orione il 21 maggio

Vitaliano Gallo dirige la Banda Pasquale Anfossi di Taggia, domenica 21 Maggio 2023 alle ore 16,00 nel Chiostro dell’Opera Don Orione di San Remo via G. Galilei 713 in occasione dei Festeggiamenti del 150° anno dalla nascita di San Luigi Orione. Musiche di: D. Tepasso, G. Donizetti, F. Brezzo, N. Bartolucci, K. Scott, S. Pucci, Pooh. Ingresso libero
Foto

Vitaliano Gallo dirige all’Opera Don Orione il 21 maggio

Foto
Vitaliano Gallo dirige la Banda Pasquale Anfossi di Taggia, domenica 21 Maggio 2023 alle ore 16,00 nel Chiostro dell’Opera Don Orione di San Remo via G. Galilei 713 in occasione dei Festeggiamenti del 150° anno dalla nascita di San Luigi Orione. Musiche di: D. Tepasso, G. Donizetti, F. Brezzo, N. Bartolucci, K. Scott, S. Pucci, Pooh. Ingresso libero

San Luigi Orione “sviluppi apostolici”:

Dopo la prima guerra mondiale (1914-1918) si moltiplicarono scuole, collegi, colonie agricole, opere caritative e assistenziali. In particolare, Don Orione fece sorgere alla periferia delle grandi città i Piccoli Cottolengo: fu così a Genova e a Milano; fu così a Buenos Aires, a San Paulo del Brasile, a Santiago del Cile. Tali istituzioni, destinate ad accogliere i fratelli più sofferenti e bisognosi, erano da lui intese come «nuovi pulpiti» da cui parlare di Cristo e della Chiesa, «fari di fede e di civiltà».

Lo zelo missionario di Don Orione, che già si era espresso con l’invio in Brasile nel 1913 dei primi suoi religiosi, si estese poi in Argentina e Uruguay (1921), in Palestina (1921), in Polonia (1923), a Rodi (1925), negli Stati Uniti d’America (1934), in Inghilterra (1935), in Albania (1936). Egli stesso, nel 1921-1922 e nel 1934-1937, compì due viaggi missionari nell’America Latina, in Argentina, Brasile, Uruguay, spingendosi fino al Cile.

Godette della stima personale di Pio X, di Benedetto XV, di Pio XI, Pio XII e delle Autorità della Santa Sede che gli affidarono molti delicati incarichi per risolvere problemi e sanare ferite sia all’interno della Chiesa che nei rapporti con il mondo civile. Si prodigò con prudenza e carità nelle questioni del modernismo, nella promozione della Conciliazione tra Stato e Chiesa in Italia, nell’accoglienza e riabilitazione dei sacerdoti «lapsi».

Fu predicatore, confessore e organizzatore instancabile di pellegrinaggi, missioni, processioni, presepi viventi e altre manifestazioni popolari della fede. Grande devoto della Madonna, ne promosse la devozione con ogni mezzo. Con il lavoro manuale dei suoi chierici innalzò i Santuari della Madonna della Guardia a Tortona (1931) e della Madonna di Caravaggio a Fumo (1938).



Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da vitaliano gallo
ID: 376527
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.