Informazione creata ad arte (e cultura)

Valencia: la destinazione perfetta in ogni periodo dell’anno

Feste, cultura, sport, gastronomia… una città con tanti programmi, quanti sono i motivi per tornare Valencia è ora!
Woman traveling in Valencia city

Valencia: la destinazione perfetta in ogni periodo dell’anno

Woman traveling in Valencia city
Feste, cultura, sport, gastronomia… una città con tanti programmi, quanti sono i motivi per tornare Valencia è ora!

Valencia non si ferma mai.

“Tra vent’anni non sarete delusi delle cose che avrete fatto, ma di quelle che non avrete fatto. Allora levate l’ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele. Esplorate. Sognate. Scoprite”, così Mark Twain. Con l’approssimarsi della primavera bisogna incominciare a programmare un viaggio per uscire dal grigio rigore dell’invero e lasciare indietro tutte le preoccupazioni e andare a ricaricare le batterie. La città spagnola di Valencia è pronta a spalancarci le porte dei suoi tesori. Siamo vicini alle vacanze di Pasqua una destinazione vicina e dal gusto mediterraneo, come piace a noi, dove non occorre un capitale per portare tutta la famiglia, facilmente raggiungibile attraverso in voli diretti da Napoli. Una città dove si respira “aria di casa nostra” per le tante somiglianze con la nostra città e con la nostra cucina.
Tanti i motivi per effettuare il viaggio, qui vogliamo dare solo qualche spunto. Valencia è stata fondata nell’anno 138 a.C. dai Romani, i quali stabilirono il Foro in quella che attualmente è la plaza de la Almoina. Dopo i Romani giunsero i Visigoti, poi vi fu il dominio musulmano e successivamente il cristianesimo. Il passaggio degli arabi ha lasciato nella città un’impronta profonda, influenzandone la cucina, l’arte e i metodi di irrigazione. Duemila anni di storia con monumenti di tutte le epoche che contrastano con l’avanguardia architettonica di edifici come la Città delle Arti e delle Scienze. Dal XIV al XVI secolo Valencia ha vissuto la sua età d’oro, la città diventò il fulcro commerciale di tutta l’Europa, nonché il luogo di nascita del mercato della seta. A quel tempo la città era racchiusa nell’attuale centro storico, uno dei più grandi d’Europa. Valencia non si ferma mai, con un’offerta culturale e di svago che ogni anno si arricchisce di tante novità. Ecco dieci buoni motivi per andare a Valencia.

Valencia festeggia l’anno di Sorolla

Nel 2023 si festeggia il centenario della morte di Joaquín Sorolla, il pittore che, nei suoi quadri, plasmò la luce del Mediterraneo in un modo davvero magistrale. Il museo delle Belle Arti ha una collezione permanente dell’artista con l’esposizione immersiva “Sorolla a través de la luz”. Visite guidate alla Valencia di Sorolla vengono effettuate la prima domenica del mese, con tappa al ristorante Vertical con un menù ispirato alla sua opera.

Capitale Verde europea 2024

La Commissione Europea ha nominato la città Capitale Verde per il 2024 per il suo impegno per la sostenibilità e per aver introdotto progetti per ridurre l’impatto ambientale e migliorare la qualità della vita. La Commissione nel 2022 aveva già proclamata la città Capitale del Turismo Intelligente, insieme a Bordeaux. Uno dei modi migliori per esplorare Valencia è a piedi o in bicicletta, perdersi nelle viuzze del centro storico o passeggiare nei parchi e negli ampi viali con oltre 30.000 metri quadrati di nuove aree pedonali. Una vasta rete di piste ciclabili e il nuovo anello verde di oltre 56 chilometri intorno alla città consentono ai ciclisti e ai pedoni di raggiungere l’orto e il mare.

Il gigante Gulliver torna nei giardini del Turia

I più piccini saranno felici, il popolare parco di Gulliver dei giardini del Turia riapre completamente restaurato. Si potrà di nuovo scivolare nella giacca del gigante Gulliver, arrampicarsi tra la barba o correre tra le sue gambe. Nello spazio interno del gigante è stata creata una nuova zona giochi per i più piccoli, che ancora non possono salire sul Gulliver.

Nuovo centro di arte contemporanea nel palazzo di Valeriola

Il Centro di arte moderna Hortensia Herrero riaprirà a fine 2023, riunirà opere di Andreas Gursky, Anselm Kiefer, Georg Baselitz e Anish Kapoor. L’arte moderna si può ammirare nell’IVAM e nel centro artistico Bombas Gens, due esempi della vasta offerta museale della città, che spazia dalle grandi pinacoteche a curiose collezioni come quella dei soldatini di piombo del museo l’Iber o quella dei pupazzi di cartapesta del Museo Fallero. Valencia è stata scelta come sede del Congresso del Consiglio Internazionale dei Musei ICOM-CC che si terrà a settembre.

Campionato del mondo di ginnastica ritmica dal 23 al 27 agosto

Qui lo sport si vive con passione: le partite di calcio della Liga ( lo stadio Mestalla festeggia il centenario); quelle di pallacanestro, e le gare di moto nel circuito Ricardo Tormo. A Valencia si potranno vedere ad agosto anche le più brave ginnaste del mondo che parteciperanno al Campionato mondiale. Inoltre, gli appassionati della corsa possono partecipare a più di 50 gare in città, tra cui la maratona e la mezza maratona Trinidad Alfonso; mentre le spiagge e il porto turistico attirano chi vuole praticare sport acquatici come SUP (stand up paddle) e kayak.

Nuovi locali di svago alternativo tra il mare e l’orto

Il tempo libero sarà sempre più “occupato” da tanti svaghi nei bar, ristoranti e spazi culturali alternativi. Nel Gran Martínez, un’ex farmacia della fine del XIX secolo, buona musica e cocktail. A Villa Indiano, con vista sull’orto e la Sierra Calderona, un ristorante di cucina tradizionale valenciana con un giardino culturale di 2.500 metri quadrati dove si può assistere a concerti o degustare una rinfrescante horchata nei mesi estivi, in un’atmosfera rilassata. Nella zona commerciale della città il nuovo ristorante Begin unisce prodotti locali e prodotti biologici oltre al rispetto per il benessere degli animali.

Più treni ad alta velocità low cost da altre parti della Spagna

Ora è molto più facile raggiungere Valencia in modo sostenibile, veloce ed economico, grazie alla nuova offerta di treni ad alta velocità, con collegamenti tra Madrid e Valencia. Anche muoversi in città con i mezzi pubblici è più facile grazie all’ampliamento della rete metropolitana, la nuova linea 10 collega il centro con la città delle Arti e delle Scienze, oltre alla rete di autobus notturni.

Tra le migliori destinazioni universitarie del mondo

Valencia è entrata nella classifica delle cento migliori destinazioni studentesche del mondo, in base alla classifica della QS Best Student Cities delle opinioni degli studenti Erasmus che considera l’accessibilità economica e la convenienza. Visit Valencia ha recentemente lanciato un nuovo servizio per agevolare il soggiorno degli studenti in città, attraverso un portale informativo su www.visitvalencia.com/.

Punto di riferimento internazionale per l’innovazione e tecnologia

La città ha consolidato la sua leadership in innovazione e tecnologia grazie ai progressi nella digitalizzazione, che ha messo al servizio di abitanti e turisti, e al suo potente ecosistema imprenditoriale. A marzo ospiterà The Next Web Conference, un evento tecnologico promosso dal Financial Times, che da 16 anni si tiene ad Amsterdam con oltre 10.000 partecipanti. Inoltre, è stata scelta come una delle tre città più innovative d’Europa per la sua strategia di innovazione Missions Valencia, una tabella di marcia per avere una città più sana, sostenibile e condivisa.

Capitale della gastronomia mondiale

La città ospiterà la premiazione di The World’s 50 Best Restaurants, conosciuta come gli Oscar della ristorazione. La città torna così ad essere la capitale gastronomica mondiale a seguito dei numerosi valori gastronomici, tra cui: la lunga tradizione culinaria; la creatività mediterranea; il forte impegno per una gastronomia sostenibile; la qualità della sua cucina grazie a nomi come Quique Dacosta, Ricard Camarena o Begoña Rodrigo e il suo dinamismo, con continue aperture di ristoranti per tutti i gusti.
Venti chilometri di spiaggia, oltre due milioni di metri quadrati di giardini, il trasporto pubblico accessibile e l’assistenza sanitaria di qualità fanno di Valencia la migliore città al mondo in cui vivere, secondo la classifica di InterNations, che valuta i pareri di persone di più di cento nazionalità diverse che vivono o lavorano fuori del loro luogo di nascita, pertanto non è un caso che sia stata scelta come miglior città dove vivere al mondo. Mediterranea, autentica e ricca di storia, Valencia sta diventando una delle mete più ambite di tutta Europa, con 300 giorni di sole all’anno e una temperatura media di 17°, Valencia è una città fatta per godersi la vita all’aria aperta, in ogni stagione dell’anno.

Harry di Prisco

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Harry di Prisco
ID: 373836
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.