Informazione creata ad arte (e cultura)

“Urgente restare”. Alla rassegna “Campi Ardenti” del Teatro Serra (NA) uno spettacolo di danza che racconta l’amore

Una poesia di urgente e ostinata bellezza a cura di Chiara Alborino e Fabrizio Varriale, in scena il 3, 4 e 5 febbraio.
Foto

“Urgente restare”. Alla rassegna “Campi Ardenti” del Teatro Serra (NA) uno spettacolo di danza che racconta l’amore

Foto
Una poesia di urgente e ostinata bellezza a cura di Chiara Alborino e Fabrizio Varriale, in scena il 3, 4 e 5 febbraio.

Con “Urgente restare” Chiara Alborino e Fabrizio Varriale portano al Teatro Serra (a Fuorigrotta, in Via Diocleziano 316) una storia d’amore. Una poesia del corpo di urgente e ostinata bellezza. Un processo danzato fatto di riflessioni sulla distanza interiore che può segnare lo spazio della relazione tra due persone ed il desiderio di trattenere i momenti vissuti passati e presenti, facendo in modo che restino impressi nella memoria. È il racconto di “Urgente Restare” una produzione Akerusia Danza premiata nel 2018 a Zdar (Praga), al Festival Internazionale Korespondance dedicato alla danza contemporanea, a cura di Chiara Alborino e Fabrizio Varriale, ballerini e performers napoletani, in scena al Teatro Serra, venerdì 3 e sabato 4 alle 21:00 e domenica 5 febbraio alle 18:00. Info e prenotazioni: teatroserra@gmail.com, 347.8051793

«Ringraziamo il Teatro Serra per averci accolti nel loro cartellone come unico progetto di danza – dicono i due artisti – “Urgente Restare” è uno spettacolo che parla della relazione tra un uomo e una donna e della loro volontà di restare legati a delle memorie vissute, raccontate e rievocate attraverso la fisicità e la visione dei corpi. Crediamo che questo accada in ogni rapporto umano e d’amore». Lo spazio spoglio si riempie della danza flessibile e connessa; un contesto coreografico che si immerge in sonorità di festa, di balli, voci e convivialità sovrapposte e alternate a tracce di silenzio o di attesa. Il senso di immediatezza evocato nel titolo si realizza nella partitura di gesti, di passi e sguardi tra una donna e un uomo, due identità che vogliono stare e restare in ascolto sempre alla ricerca di momenti di unione e di contatto.

«È urgente l’amore
È urgente una barca in mare
È urgente distruggere certe parole odio, solitudine e crudeltà
alcuni lamenti molte spade moltiplicare i baci
Cade il silenzio sulle spalle e la luce impura, fino a dolere
È urgente l’amore, è urgente Restare
(cit. E. De Andrade)

Contatti: 347.8051793, teatroserra@gmail.com
Ufficio Stampa: 334.3224441, simona.pasquale@gmail.com

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Simona Pasquale
ID: 372216
Licenza di distribuzione:
Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.