Informazione creata ad arte (e cultura)

Un’onda: il nuovo singolo del cantautore sardo Sono sulla scia della bellezza dei ricordi

Uscito lo scorso 26 Maggio 2023, a distanza di circa un anno dal suo precedente lavoro, Un’onda è il nuovo singolo di Sono – nome d’arte di Alessio Seu – dall’omonimo album.
Foto

Un’onda: il nuovo singolo del cantautore sardo Sono sulla scia della bellezza dei ricordi

Foto
Uscito lo scorso 26 Maggio 2023, a distanza di circa un anno dal suo precedente lavoro, Un’onda è il nuovo singolo di Sono – nome d’arte di Alessio Seu – dall’omonimo album.

Le atmosfere pop/rock lo-fi (low fidelity) tornano in una veste rinnovata, insieme al delay di una chitarra pop e scanzonata vagamente anni ’80 (vedi il primo Vasco Rossi).

L’onda di Sono porta con sé il profumo dei buoni sentimenti, del ricordo piacevole in cui cullarsi. Quante volte allontanandoci da persone che vogliamo bene, abbiamo coltivato solo ricordi negativi?

La lirica è un invito a rivedere i nostri ricordi, filtrare via il dispiacere, il disappunto, continuando a vivere i nostri giorni in armonia con il passato. Perché in fondo il passato è Un’onda che ci trasporta continuamente e deve avere la bellezza e il dolce movimento di un bel ricordo.

Il singolo è prodotto e arrangiato nello studio del cantautore (bedroom pop/rock, appunto) e distribuito dalla Discogomma. Sarà il primo di una serie di singoli che ci accompagneranno durante la seconda metà dell’anno. Sono continua a vivere, produrre e arrangiare la sua musica in Inghilterra, nella verde contea del Bedfordshire.

Un’onda (testo)

Volerti vicino e cadendo lontano
Tu hai perso la testa ed io la mia voce
Dicevi “non posso” per me era bellissimo
camminare con te in un banale negozio
Questo ritorna da me
Un’onda che ritorna da me
I miei finti miti, i fantasmi di plastica
Il sorriso sulla tua faccia che ora solo immagino
Mi facevo vicino se scappavi lontano
I segni nel cuore che ora chiamo fratelli
Questo ritorna da me
Come un’onda che ritorna da me
Ero un fantasma o una delle tue voci?
Puoi sentirle nella testa quando uccido zanzare?
Che assediano il mio posto
Che vogliono casa mia
Non penso sia sicuro accendere le luci
Stanotte
Ho letto le tue parole, ho studiate le frasi
Trovo tutto bellissimo, la mia è una vita tragica
Lungo una strada o dentro gli aerei
Vedrai starò bene
Se ti ricorderai di me
Un’onda che ritorna da me
Va tutto bene?
Va tutto bene!
Va tutto bene?
Va tutto bene!
tutto bene….

https://drive.google.com/file/d/10BchgRFe7J5YHo9OCJ7U7v1NxLiUBAT4/view?usp=sharing



Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Elena Pinti
ID: 378224
Licenza di distribuzione:
Picture of Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.