Informazione creata ad arte (e cultura)

Un convegno per le scuole alla Borsa Merci con padre Daniele Moschetti

Un convegno per educare le giovani generazioni ai valori di pace, solidarietà, tolleranza e giustizia sociale. Venerdì 23 febbraio, a partire dalle 9.30, la Borsa Merci in piazza Risorgimento sarà sede dell’incontro dal titolo “Essere costruttori di pace” che troverà il cuore nelle parole del missionario comboniano Daniele Moschetti che condividerà la propria esperienza con gli studenti delle scuole superiori per educare su strumenti e strategie orientati all’affermazione di una cultura ispirata alla “non-violenza”.
Foto

Un convegno per le scuole alla Borsa Merci con padre Daniele Moschetti

Foto
Un convegno per educare le giovani generazioni ai valori di pace, solidarietà, tolleranza e giustizia sociale. Venerdì 23 febbraio, a partire dalle 9.30, la Borsa Merci in piazza Risorgimento sarà sede dell’incontro dal titolo “Essere costruttori di pace” che troverà il cuore nelle parole del missionario comboniano Daniele Moschetti che condividerà la propria esperienza con gli studenti delle scuole superiori per educare su strumenti e strategie orientati all’affermazione di una cultura ispirata alla “non-violenza”.

La mattinata, aperta alla partecipazione di ogni cittadino, è promossa dall’ANVCG – Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra con il patrocinio della Camera di Commercio Arezzo-Siena ed è inserita tra gli appuntamenti della Giornata Nazionale delle Vittime Civili di Guerra 2024.

“Essere costruttori di pace” permetterà di ascoltare le parole di padre Moschetti che oggi svolge la propria attività pastorale a Castel Volturno, nella Terra dei Fuochi, dopo una vita passata in zone di conflitto e estrema povertà in Africa. La sua missione si è svolta soprattutto nelle baraccopoli di Kibera e Korogocho a Nairobi, in Kenya, dove ha prima coadiuvato e poi raccolto il testimone di padre Alex Zanotelli, e successivamente è stato in un Paese martoriato dalla guerra civile come il Sud Sudan dove è rimasto per sette anni anche come superiore provinciale dei comboniani. In questo percorso ha fatto tappa anche negli Stati Uniti per un ministero di Giustizia, Pace e Riconciliazione presso l’Onu e il Parlamento Americano.

L’esperienza diretta nelle zone di conflitto e il costante operato orientato all’affermazione del dialogo tra i popoli saranno condivisi nel corso di un incontro dove gli studenti verranno coinvolti in prima persona per individuare, insieme, come ognuno possa diventare concretamente testimone e costruttore di pace già con le proprie azioni quotidiane.

Il convegno, aperto dai saluti di Ulisse Domini e Aldo Ierardi (rispettivamente presidente provinciale e regionale dell’ANVCG), terminerà con la consegna degli attestati a studenti e classi che hanno partecipato al concorso nazionale “1944-2024: le stragi e le violenze sui civili in Italia nella Seconda Guerra Mondiale e nei conflitti armati recenti” indetto dall’associazione per stimolare un percorso di riflessione, condivisione e confronto sulle drammatiche conseguenze della guerra e sulla necessità di conservare la memoria. L’appuntamento alla Borsa Merci sarà seguito alle 10.00 di sabato 24 febbraio dalla cerimonia commemorativa al monumento alle vittime civili di guerra di Arezzo che unirà la memoria e il raccoglimento con la deposizione di una corona d’alloro e che sarà seguita dalla Santa Messa in suffragio delle vittime di tutte le guerre nella chiesa di San Bernardo.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Marco Cavini
ID: 392203
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.