Informazione creata ad arte (e cultura)

“Un cielo stellato sopra il ghetto di Roma” la Shoah raccontata con il cinema

Testo inviato da: Marco Cavini
Foto
La Shoah raccontata attraverso il cinema.

Venerdì 27 gennaio, alle 17.00, il cinema Eden ospiterà la proiezione del film “Un cielo stellato sopra il ghetto di Roma” con la presenza in sala del regista Giulio Base, nel corso di un’iniziativa promossa da Acli di Arezzo, ANVCG – Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, Cisl e Mcl per celebrare il Giorno della Memoria. L’evento, a partecipazione libera e gratuita, permetterà di andare a riflettere su una delle cicatrici insanabili della storia dell’umanità che viene proposta in una dimensione inedita attraverso l’avventura e la ricerca della verità da parte di un gruppo di giovani ragazzi.

Presentato in anteprima alla quindicesima edizione della Festa del Cinema di Roma e poi trasmesso su Rai1, “Un cielo stellato sopra il ghetto di Roma” restituisce la drammaticità della storia attraverso un viaggio introspettivo nella coscienza di un gruppo di adolescenti ebrei e cristiani. Il ritrovamento di una lettera e di una misteriosa foto, infatti, motiva questo gruppo di giovani ad avviare delle indagini in cui fanno i conti con le memorie di un passato difficile e doloroso che non deve essere cancellato, andando a ripercorrere episodi tragici dell’olocausto quale il rastrellamento del quartiere ebraico di Roma. Il viaggio di questi ragazzi sarà caratterizzato da un’unica, comune, destinazione finale: la volontà di costruire una nuova speranza. Questo film è frutto del lavoro del regista e sceneggiatore Giulio Base che, dagli esordi con Vittorio Gassmann, vanta una trentennale carriera in cui è stato autore di numerose produzioni cinematografiche e televisive di grande successo, meritando riconoscimenti di livello internazionale e ricoprendo nel 2022 il ruolo di presidente di giuria della Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia.

La serata al Cinema Eden sarà introdotta dalle parole dell’attore Paolo Fosso e dell’esperto cinematografico Luca Bindi, poi troverà il proprio cuore nella presenza di Giulio Base che, dopo la visione del suo film, sarà intervistato dalla giornalista Barbara Perissi e sarà protagonista di un dibattito volto ad accompagnare all’interno delle tematiche, delle dinamiche e delle finalità del suo film. L’appuntamento sarà ulteriormente arricchito dalle testimonianze e dalle storie di altri relatori. Questo incontro testimonia l’intenzione di Acli, ANVCG, Cisl e Mcl di mantenere vivi i temi della memoria e di trattare il dramma dell’olocausto: la possibilità di fare affidamento sull’opera e sulla presenza di Base si colloca sul solco di questa finalità, andando a proporre esperienze e strumenti di racconto innovativi capaci di interessare e di coinvolgere anche le giovani generazioni.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Telegram
Stampa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Marco Cavini
ID: 372003
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.