Informazione creata ad arte (e cultura)

Ugo Foscolo: “Neoclassicismo” e “Preromanticismo”

Ricordo del grande poeta, scrittore e traduttore
Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci

Ugo Foscolo: “Neoclassicismo” e “Preromanticismo”

Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
Ricordo del grande poeta, scrittore e traduttore

Il 6 febbraio del 1778, sull’isola nota con il nome italiano di Zante, allora territorio della Repubblica di Venezia (e in seguito divenuta isola greca con il nome di Zàkynthos, nell’arcipelago delle Isole Ionie, nel Mar Ionio), nasceva il grande poeta Ugo Foscolo. Fu anche scrittore e traduttore, considerato tra i principali esponenti del Neoclassicismo e del Preromanticismo. Fu costretto fin da giovane a lasciare l’isola, e ciò lo fece sentire un esule per tutta la vita, avvertendo profondamente lo strappo dalla cultura ricca d’ideali classici della sua terra natale, pur considerando l’Italia la sua madrepatria. La sua vita fu caratterizzata da fughe e viaggi, sempre per motivi politici: fu militante delle forze armate napoleoniche, seppur in modo critico, ed un forte oppositore degli austriaci, per i suoi fieri sentimenti italiani e le sue convinzioni repubblicane. Privo di fede religiosa e dell’amore di una donna, visse intense passioni interiori, caratterizzate da contrasti tra il razionalismo e il titanismo di stampo romantico e la serena compostezza neoclassica. Visse per un periodo nel Lombardo-Veneto, ma nel 1813 partì per un nuovo volontario esilio, per poi morire povero nel 1827 nel sobborgo londinese di Turnham Green. Nel 1871, dopo l’Unità d’Italia, per decreto del governo italiano, le sue ceneri furono riportate in Italia e custodite definitivamente nella Basilica di Santa Croce a Firenze. Scrisse vari componimenti poetici, tra cui odi e sonetti, romanzi (come “Il sesto tomo dell’Io” e “Le ultime lettere di Jacopo Ortis”), tragedie teatrali (tra cui “Tieste”, “Aiace”, “Ricciarda” e l’attribuita “Edippo”) e molti altri scritti, oltre a curare importanti traduzioni. Morì a Londra, in Inghilterra, nel 1827.

Questa mia opera a grafite è in suo omaggio e memoria.

Bruno Pollacci
Direttore dell’Accademia d’Arte di Pisa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
ID: 391425
Licenza di distribuzione:
Bruno Pollacci

Bruno Pollacci

Pittore. Nato a Lucca nel 1954, vive e lavora a Pisa. Ha conseguito il Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lucca ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Maestro Fernando Farulli. Ha iniziato l'attività artistica nel 1968. Nel 1978, con il pittore Marco Menghelli, ha fondato l'Accademia d'Arte di Pisa, che tutt'ora dirige e nella quale insegna Pittura e Disegno.