Informazione creata ad arte (e cultura)

“TEMPI D’ACCIAIO”, Fabrizio Spadini a Palazzo Merulana

Testo inviato da: Medina Art Gallery
Foto
Mostra d’Arte Contemporanea. Dal 29 Gennaio al 5 Marzo 2023 Palazzo Merulana, Fondazione Elena e Claudio Cerasi e Coop Culture presentano la mostra personale di Fabrizio Spadini a Palazzo Merulana “TEMPI D’ACCIAIO. Dal potenziale al crossover” a cura di Valeria Rufini Ferranti organizzata da Medina Art Gallery.

Classe 1975, Fabrizio Spadini nasce a Casorate Primo, in provincia di Pavia. Dopo una carriera come illustratore freelance per agenzie di pubblicità e case editrici, collabora come concept artist con aziende che operano nel settore dell’animazione e dei videogames. Nel 2009 si trasferisce in Toscana con la famiglia dedicandosi alla pittura ed al suo percorso artistico. Nel 2016, con il progetto “Oilrobots – Futuro Anteriore” al Lucca Comics, viene conosciuto dal grande pubblico: presenta icone delle serie animate giapponesi degli anni ‘70-’80 inserite in atmosfere che rimandano alla tradizione pittorica dei Macchiaioli Toscani. Da lì, varie mostre, eventi ed esposizioni in Italia ed all’estero (ricordiamo il Future Film Festival di Bologna, i Cantieri Culturali di Zisa a Palermo, l’Export Gallery in Austria, la mostra alla Galleria DeniArte di Roma, San Marino Comics, “Deus ex Machina” personale al Castello di Belgioioso a Pavia nel 2021, promossa da ArteAtelier e curata da Cesare Orler con la partecipazione di Gabriele Boni, fino a “LAME ROTANTI” nel 2022, mostra organizzata da Medina Art Gallery Roma come mostra-evento-fuori salone del Romics, con stand alla Fiera di Roma curato da ArteAtelier).

La curatrice Valeria Rufini Ferranti parla delle icone pop nelle opere di Spadini come “[…] mute sentinelle poste a guardia di un ordine cosmico che è sempre sul punto di disfarsi. Ed è proprio sulla cresta sottile di questo imminente disfacimento che si regge l’armonia di ciascun’opera […]” ed ancora “[…] questa consapevole alterazione si nutre della tensione tra reale e immaginario […] attraversando serie di universi distopici con la medesima straniante naturalezza con cui le icone della cultura mediatica pop sono accostate ai pilastri della Storia dell’Arte: Spadini parte infatti dai Macchiaioli Toscani fino alle Avanguardie del ‘900 con Giacomo Balla, Mario Sironi e Giorgio De Chirico fra tutti, con una connessione emozionante e profonda con i grandi Maestri che costituiscono la collezione Cerasi in mostra permanente museale a Palazzo Merulana”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Telegram
Stampa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Medina Art Gallery
ID: 371951
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.