Informazione creata ad arte (e cultura)

Taormina Film Fest: il bilancio

Taormina Arte: inizia la stagione estiva di musica, prosa e danza. Annunciate le linee artistiche de “il Trittico” pucciniano, in prima l’8 luglio.
fonte ufficio stampa
Photo credits: fonte ufficio stampa

Taormina Film Fest: il bilancio

fonte ufficio stampa
Photo credits: fonte ufficio stampa
Taormina Arte: inizia la stagione estiva di musica, prosa e danza. Annunciate le linee artistiche de “il Trittico” pucciniano, in prima l’8 luglio.

Bilancio positivo per la 69esima edizione del Taormina Film Fest per la sovrintendente della Fondazione Taormina Arte Sicilia, Ester Bonafede, il direttore artistico della Fondazione, Beatrice Venezi, e il direttore esecutivo e co-direttore artistico del festival cinematografico, Barrett Wissman, che hanno indetto una conferenza stampa di chiusura per tirare le somme sulla kermesse. Un festival che, con l’obiettivo di voler comunque dare continuità alla sua storia, è stato organizzato in poco tempo e con non poche difficoltà, offrendo comunque una programmazione internazionale di qualità e molto gradita:

“In meno di due mesi – ha dichiarato Wissman – siamo riusciti a stilare un calendario ricco di numerose prime mondiali e attenzionare un pubblico interessante e multigenerazionale come ha dimostrato la cospicua affluenza registrata non solo al Teatro Antico ma durante le masterclass, con un target di spettatori che andava da studenti del liceo a persone della terza età. Ringrazio per questa opportunità ed indimenticabile esperienza la Fondazione, le Istituzioni e la stampa intervenuta e mi auguro che in futuro, con molto più tempo a disposizione, ci possano essere maggiori ambiti per offrire anche ai giovani – magari in altri periodi dell’anno – la possibilità di frequentare nuovi laboratori di ricerca sulle professioni dello spettacolo, non esclusivamente legate al cinema”.

La stagione di spettacolo dal vivo della Fondazione Taormina Arte partirà l’8 luglio e terminerà il 18 agosto con un cartellone che segna il ritorno alla produzione diretta della Fondazione nell’ambito dell’opera lirica: “Non vogliamo certo escludere i privati dal linguaggio delle arti – ha sottolineato la sovrintendente Ester Bonafede – ma semplicemente riportare la Fondazione ai suoi parametri originari, quale organo primario di creazione e promozione delle arti sceniche”.

Il primo allestimento in programma, Il Trittico pucciniano, è una coproduzione Taormina Arte e Opéra-théâtre de Metz, in collaborazione con la Fondazione Luciano Pavarotti: a presentarlo alla stampa, ieri mattina, c’erano il M.o Beatrice Venezi, che dirigerà la Taormina Arte Festival orchestra, il regista belga Paul-Emile Fourny, lo scenografo Patrick Méeüs, la costumista Giovanna Fiorentini e i protagonisti, un ensemble di note star della lirica – Marcelo Àlvarez, Massimo Cavalletti, Marco Ciaponi, Francesca Tiburzi e Annunziata Vestri – e giovani talenti selezionati dalla Fondazione Pavarotti. Lo spettacolo prevede una replica il 13 luglio e conta la partecipazione del coro lirico “Francesco Cilea” diretto da Claudio Bagnato.

“Per realizzare questo meraviglioso sogno – ha commentato Beatrice Venezi – abbiamo avuto un immenso capitale umano che è stato un significativo elemento propulsore e che ci ha consentito di lavorare insieme nel massimo afflato e anche divertimento. Con Nicoletta Mantovani abbiamo creato un’atmosfera da bottega per i giovani talenti, perché compito di un direttore artistico deve essere anche quello di ponderare le sue scelte già dalla selezione del cast. Questo modello di artigianato nel fare teatro rispecchia la nostra volontà di sviluppare e far crescere le maestranze del nostro “made in Italy” di eccellenza: non è un caso che il cast sia totalmente italiano e che tra i nostri principali obiettivi ci sia quello di supportare e far circolare le produzioni nazionali”.

“Montare un’opera in un sito archeologico – ha continuato Venezi – è decisamente una sfida, considerando non solo le questioni tecniche ma le avversità climatiche.”

In tale ambito lo studio della scena e dei movimenti è stato studiato attentamente dal regista, di origine belga, che ha raccontato la sua idea dell’acqua, sul proscenio del palcoscenico, in entrambe le opere.

“Se devo considerare un compositore di riferimento per come ha concepito l’azione da un punto di vista cinematografico – ha dichiarato Fourny – non posso non far riferimento a Puccini e in queste tre opere che metteremo in scena abbiamo dunque una prospettiva dal forte impatto visivo: la tragedia nel “Tabarro”, il misticismo in “Suor Angelica” e la commedia in “Gianni Schicchi”. Entrambe sono collegate da questo fiume che scorre inesorabilmente partendo dalla Senna, scenario della prima storia, per arrivare al convento e, da simbolo dell’acqua benedetta, trasformarsi nell’ultima opera in acqua putrida, fogna dei bassifondi di “Gianni Schicchi”.

Se il baritono lucchese Massimo Cavalletti è alla sua prima volta a Taormina, intensa è la collaborazione già vissuta sul palco insieme a Marcelo Àlvarez, originario di Cordoba ma residente in Italia da svariati anni. E con loro il tenore Marco Ciaponi, il soprano Francesca Tiburzi e il contralto Annunziata Vestri che ieri hanno ricordato i diversi ruoli da loro interpretati nei tre atti unici, e parlato del loro afflato e dell’energia positiva che si è sprigionata fin dal primo momento, incrementata anche grazie a fortuiti e apprezzati incontri in città, in questi giorni di prova, con gli stessi Taorminesi. Apprezzato molto anche il lavoro del metteur en scène:

“Una regia che ci dà la possibilità di esprimere appieno le varie corde della nostra personalità, passando dal passato al futuro, dalla commedia dell’arte al verismo; un lavoro – hanno aggiunto – in assoluta sinergia con tutte le componenti di questo numeroso organico che dimostra le migliori qualità che ogni artista dovrebbe possedere: amore, dedizione, generosità”.

Durante la conferenza stampa conclusiva, un premio alla determinazione artistica è stato consegnato a Beatrice Venezi e Barrett Wissman dallo scultore Nino Ucchino, autore della celebre statua dedicata a Francis Ford Coppola a Savoca, che ritraeva una miniatura del grande regista de Il Padrino e numerosi altri capolavori. Il riconoscimento è nato tre anni fa e ha visto premiare in precedenza Ester Bonafede e lo stesso Coppola.

L’ultimo atto del Taormina Film Fest si è svolto ieri sera al Teatro Antico e ha registrato il sold out. Soddisfatta Ester Bonafede che ha introdotto il gran finale – l’evento speciale dei Nastri d’Argento con la premiazione dell’intero cast tecnico e artistico de “La stranezza” – lodandone i contenuti – “una scelta che inorgoglisce la Fondazione da sempre vicina alla promozione e tutela dell’identità siciliana”.

La serata è stata condotta dalla Presidente dei Giornalisti cinematografici Laura Delli Colli. In tale ambito sono stati consegnati anche il Premio Taormina Arte, realizzato dalla Maison Damiani, a Ficarra & Picone (premiati dall’assessore regionale al Turismo Elvira Amata); il Premio Nino Manfredi a Paola Minaccioni (che lo ha ricevuto dalla figlia dell’attore, Roberta) e il Premio Nastri d’Argento/Pinko a Lucrezia Guidone per la ‘performance dell’anno’.

Presente sul palco per portare i saluti istituzionali il sindaco di Taormina, Cateno De Luca.

Le serate del 69esimo Taormina Film Fest sono state condotte da Elvira Terranova.

Si ricorda che il programma del festival internazionale di musica, prosa e danza “Taormina Arte” è consultabile online sul sito sotto riportato. I biglietti sono in vendita sui circuiti Ticket One e CT Box

Taormina Film Fest è prodotto e organizzato dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia.

Una manifestazione realizzata grazie al supporto di Regione Siciliana, Ministero della Cultura, Ministero del Turismo / Italia.it, Città di Taormina, Parco Archeologico Naxos Taormina.

In collaborazione con Sicilia, See Sicily, Italiafestival.

Main Sponsor: Domus Artium, Villa Bibbiani

Con il sostegno di ENIT

Sponsor: Damiani, Aria di Sicilia, Dr Automobiles, Associazione Provinciale Cuochi e Pasticceri di Messina, Trenitalia, Morgana Lounge Bar, Ristorante La Botte

Sponsor tecnici: Casa Cuseni, Acqua Fontalba

Con il patrocinio di RAI Sicilia.

Media partner: RAI, Deadline, Variety, Taxi Drivers, Gazzetta del Sud, Live Sicilia.

Radio Ufficiale: Radio Monte Carlo

FONDAZIONE TAORMINA ARTE SICILIA

Sovrintendente: Ester Bonafede

Direttore artistico: Beatrice Venezi

TAORMINA FILM FEST

Direttore esecutivo e co-direttore artistico: Barrett Wissman

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Mariella Belloni
Photo credits: fonte ufficio stampa
ID: 380100
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.