Informazione creata ad arte (e cultura)

SPIDERMAN, l’eroe più popolare dei fumetti che ha conquistato anche le nuove generazioni

Spiderman o Spider-Man (come era scritto inizialmente in inglese), in Italia conosciuto anche come l’Uomo Ragno, è sicuramente l’eroe mascherato più popolare dei fumetti e del cinema. Basta pronunciare il suo nome per evocare nei ricordi di giovani e meno giovani le sue storie a fumetti o i suoi film. Un personaggio evergreen che non stanca mai e che ha conquistato anche le generazioni successive a quella per la quale era stato creato.

SPIDERMAN, l’eroe più popolare dei fumetti che ha conquistato anche le nuove generazioni

Spiderman o Spider-Man (come era scritto inizialmente in inglese), in Italia conosciuto anche come l’Uomo Ragno, è sicuramente l’eroe mascherato più popolare dei fumetti e del cinema. Basta pronunciare il suo nome per evocare nei ricordi di giovani e meno giovani le sue storie a fumetti o i suoi film. Un personaggio evergreen che non stanca mai e che ha conquistato anche le generazioni successive a quella per la quale era stato creato.

Spiderman viene ideato dal soggettista Stan Lee (1922-2018) e creato graficamente dal disegnatore Steve Ditko (1927-2018) entrambi statunitensi. Il personaggio fa il suo esordio nella collana Amazing Fantasy pubblicata dalla Marvel Comics nel 1962. Da allora, il suo successo è inarrestabile. Come molti eroi mascherati, Spiderman ha una doppia vita. 

È il timido studente Peter Parker, orfano e allevato dagli zii, che un giorno viene punto da un ragno che gli trasmette i superpoteri che Parker utilizzerà per combattere contro i criminali che infestano la città di new York ma anche contro avversari dotati a loro volta di superpoteri.  A differenza di altri supereroi precedenti, Spiderman non ha un altro supereroe che gli insegna il mestiere, per cui deve imparare da solo ad usare i suoi superpoteri, come l’uso delle ragnatele di cui è dotato e la sua agilità che ricorda, appunto, quella di un ragno.

Stan Lee ebbe l’idea della sua creazione osservando una mosca che camminava sul muro. Pensò che sarebbe stato bello se un essere umano avesse potuto fare la stessa cosa. Gli venne l’idea di applicare questa capacità ad un adolescente con problemi personali, cosa che inizialmente non fu approvata dall’editore. Comunque, Lee riuscì a far passare la sua idea, creando così il primo eroe adolescente del mondo dei fumetti.

Il metodo di lavoro di Lee non era quello tradizionale dei soggettisti e sceneggiatori di fumetti. Lee raccontava i soggetti a voce a Ditko che provvedeva a realizzare le sceneggiature mentre disegnava. Successivamente, Lee scriveva i dialoghi. Il successo della prima storia fu enorme al punto che già nel 1963, anno successivo alla sua creazione, gli fu dedicata una testata autonoma: “The Amazing Spider-Man”.

In Italia, col nome di” L’Uomo Ragno”, il personaggio ebbe una sua testata a partire dal 1970, inizialmente pubblicata dall’ Editoriale Corno, per passare poi ad altre case editrici fino ad arrivare alla Panini Comics. La sua popolarità nel nostro Paese è tale che nel 1992 gli 883 gli dedicarono la celebre canzone “Hanno Ucciso l’Uomo Ragno”, rimasta come evergreen della musica italiana.

Non solo sulla carta stampata, ma anche al cinema Spiderman fa da padrone avendo avuto ben dodici trasposizioni cinematografiche, tre delle quali a cartoni animati, le altre con attori in carne ed ossa. Vediamone alcune: si inizia nel 1977 con la serie televisiva “The Amazing Spider-Man” con Nicholas Ammond nel ruolo del protagonista, il cui episodio pilota viene distribuito come film; nel 1978, sempre tratto dalla stessa serie, esce al cinema “L’Uomo Ragno colpisce ancora”, seguito nel 1981 da “L’Uomo Ragno sfida il drago”; nel 2002 ha inizio la trilogia diretta da Sam Raimi col primo film “Spider-Man” con Toby Maguire nella parte del protagonista, seguito da “Spider-Man 2” nel 2004 e successivamente da “Spider-Man 3” nel 2007; nel 2012 e nel 2014 altri due film vengono diretti da Marc Webb: “The Amazing Spider-Man” e “The Amazing Spider-Man2 – Il potere di Electro”.  Oltre al regista, cambia anche l’attore protagonista che è Andrew Garfield. A questi sono seguiti altri tre film diretti da Jon Watts: “Spider-Man: Homecoming” nel 2017, “Spider-Man: Far From Home” del 2019 e “Spider-Man: No Way Home” nel 2021 con Tom Holland nel ruolo del protagonista che nel terzo film è interpretato anche da Toby Maguire in un universo alternativo.

Spiderman, grazie all’intuizione iniziale di Lee, si configura quindi come il personaggio più popolare e più amato del genere fumettistico e cinematografico di cui fa parte

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Raimondo Banchetti
Picture of Raimondo Banchetti

Raimondo Banchetti

Laureato in lettere ad indirizzo storico-artistico, appassionato di musica, ha studiato diversi strumenti, sia a fiato che a corda.