Informazione creata ad arte (e cultura)

Siracusa – “Dislikeme”, personale di Giancarlo Marcali alla Montevergine artecontemporanea

“Dislikeme” è il rifiuto di un mondo dominato dalla ricerca incontrollata dei Like sui Social. I Like trasmettono un senso di piacere che è alla base dei fenomeni di dipendenza.
Foto

Siracusa – “Dislikeme”, personale di Giancarlo Marcali alla Montevergine artecontemporanea

Foto
“Dislikeme” è il rifiuto di un mondo dominato dalla ricerca incontrollata dei Like sui Social. I Like trasmettono un senso di piacere che è alla base dei fenomeni di dipendenza.

Siracusa – Dall’8 giugno al 12 luglio la galleria Montevergine artecontemporanea (via Serafino Privitera, 6/8 Ortigia Siracusa) ospiterà la personale dell’artista Giancarlo Marcali dal titolo “Dislikeme”, a cura di Marilena Vita. La mostra sarà inaugurata sabato 8 giugno alle ore 18. L’evento, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Siracusa, è inserito nel calendario del Siracusa Pride 2024.

“Dislikeme” è il rifiuto di un mondo dominato dalla ricerca incontrollata dei Like sui Social. I Like trasmettono un senso di piacere che è alla base dei fenomeni di dipendenza. Dislike è un neologismo creato dall’artista, un pollice verso, simbolo di denuncia contro la perdita di autenticità dell’individuo, un’attenzione dedicata ai problemi d’identità e di genere, che denunciano un forte dissenso nei confronti di una cultura votata all’omologazione.

Tre le installazioni in mostra, realizzate con l’impiego di luci al neon dislocate in tre ambienti diversi che richiamano spazi industriali o commerciali dai colori acidi. Le installazioni entrano in relazione con l’ambiente dove sono collocate, creando atmosfere suggestive e quasi mistiche.

Nel primo ambiente azzurro una scritta a neon “Dislikeme” poggia su un letto di spilli d’acciaio. Nel secondo, di colore rosso, due opere fotografiche dal titolo “You dare b’cause You are” e “Do not lie to me” mettono in risalto l’unicità nella diversità, con un’attenzione al corpo come luogo politico.

L’installazione è attraversata dalla proiezione video di un muro che si contrae e si espande in continuazione come un polmone, al ritmo del respiro. Il terzo ambiente, infine, è la stanza della cura di colore verde. Combina oggetti di consumo di massa, non più in uso ma ancora funzionanti, presentati sottovuoto in un’installazione composta da sette portaflebo, quasi a volerli preservare dal macero. Marcali, con il suo percorso espositivo, accompagna lo spettatore in un “viaggio” immersivo e sensoriale in cui sperimenta lo spazio e il tempo in una rappresentazione bidimensionale e tridimensionale dell’opera.

«Tutti noi componenti del Siracusa Pride 2024 – ha dichiarato Armando Caravini, presidente di Arcigay Siracusa – siamo orgogliosi per la collaborazione con la Montevergini artecontemporanea in vista della mostra “Dislikeme” che sarà inaugurata nel giorno della grande parata del Pride a Siracusa. L’evento, così vicino al tema del nostro Pride, è quasi come se fosse una sua naturale prosecuzione».

Dopo gli studi presso la New South Wales University a Sidney in arti aborigene e le culture delle Isole del sud pacifico, Giancarlo Marcali si è stabilito a Milano dove vive e lavora. La sua arte esplora il corpo, il dolore e le complesse sfaccettature dell’essere umano. Ha esposto il suo lavoro in numerose mostre personali e collettive in Italia e in molte città europee.

Visite: dal lunedì al sabato, dalle ore 16 alle 20 o su appuntamento (0931 453505 / 348 3312032).

PER INFO E APPUNTAMENTI:
Galleria Montervergine artecontemporanea
via Serafino Privitera, 6/8 Ortigia Siracusa
Tel: 0931 453505 / 3483312032
montevergineartecontemporanea@gmail.com

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giovanni Criscione
ID: 398350
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.