Informazione creata ad arte (e cultura)

Signorie rurali e aristocrazie nell’Italia padana (secc. X-XIII)

Signorie rurali e aristocrazie nell’Italia padana (secc. X-XIII)

Signorie rurali e aristocrazie nell’Italia padana (secc. X-XIII)
di Giancarlo Andenna
a cura di Nicolangelo D’Acunto
pp. XVIII-332, € 49,00
Cisam, 2023
ISBN: 978-88-6809-376-1

Il volume raccoglie alcune ricerche sulle signorie rurali e sui ceti dominanti dell’Italia padana nel medioevo, temi correlati tra loro, sui quali la migliore medievistica italiana ha compiuto progressi significativi a partire dagli anni Settanta del Novecento. Gli studi qui ripubblicati si muovono in una prospettiva che privilegia i cosiddetti documenti privati con una rinnovata attitudine metodologica, tesa al superamento del rigido formalismo con il quale fra Otto e Novecento aveva trattato questi temi la gloriosa scuola economico-giuridica e a vantaggio di una considerazione del tutto peculiare della dimensione sociale. La territorializzazione delle signorie rurali e l’evoluzione delle dinamiche interne ai ceti dominanti dimostrano che il secolo XII costituì un tournant decisivo per la storia d’Italia, con una declinazione in certo modo ambigua del rapporto tra città e campagna e le forze vive della società ancora in bilico tra disinvolte strategie di radicamento nel contado e consolidamento delle loro posizioni nei contesti urbani.

Indice:
N. D’Acunto, Giancarlo Andenna storico della società medievaleAvvertenzaParte prima: signorie ruraliLa signoria ecclesiastica nell’Italia settentrionaleDal regime curtense al regime signorile e feudale. Progetti di signoria territoriale di banno di un ente ecclesiastico: il capitolo cattedrale di Novara (secoli X-XII)Società cittadina e poteri signorili del contado nell’età del romanico in Italia settentrionaleAspetti e problemi dell’organizzazione pievana milanese nella prima età comunaleParte seconda: formazione e strutture dei ceti dominantiUna famiglia milanese di « cives » proprietari terrieri nella pieve di Cesano Boscone: i CagapistoGrandi patrimoni, funzioni pubbliche e famiglie su di un territorio: il “comitatus plumbiensis” e i suoi conti dal IX all’XI secolo – Adelaide e la sua famiglia tra politica e riforma ecclesiasticaI conti di Biandrate e le città della Lombardia occidentale (secoli XI e XII) – I conti di Biandrate e le loro clientele vassallatiche alla prima crociata – Indice dei nomi.

Fonte

Informazioni sulla pubblicazione

Associazione Culturale Italia Medievale

Associazione Culturale Italia Medievale

L’ACIM ha come principale obiettivo la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico e artistico del Medioevo italiano. Organizza eventi e manifestazioni, quali feste e rievocazioni storiche, conferenze, mostre, visite guidate, viaggi, corsi e banchetti.