Informazione creata ad arte (e cultura)

Si conclude domenica al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma l’esposizione del progetto La Processione Mistica di Valentina Vannicola, parte della mostra Fuori Tutto

Grande successo per l’evento del 24 febbraio al Teatro Claudio di Tolfa dove Valentina Vannicola ha presentato l’imponente opera comunitaria di 7 metri realizzata nelle campagne tolfetane con oltre 50 attori e maestranze, esposta fino a domenica 3 marzo al Museo MAXXI di Roma insieme a materiali, bozzetti e costumi utilizzati durante la lavorazione.
Foto

Si conclude domenica al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma l’esposizione del progetto La Processione Mistica di Valentina Vannicola, parte della mostra Fuori Tutto

Foto
Grande successo per l’evento del 24 febbraio al Teatro Claudio di Tolfa dove Valentina Vannicola ha presentato l’imponente opera comunitaria di 7 metri realizzata nelle campagne tolfetane con oltre 50 attori e maestranze, esposta fino a domenica 3 marzo al Museo MAXXI di Roma insieme a materiali, bozzetti e costumi utilizzati durante la lavorazione.

Domenica 3 marzo si conclude al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma l’esposizione del progetto di staged photography La Processione mistica: un’opera fotografica lunga oltre 7 metri creata dell’artista Valentina Vannicola nell’ambito della sua ricerca sulla Divina Commedia di Dante.

Realizzata con il sostegno del MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo e acquisita nel 2022 nella Collezione di Fotografia del Museo stesso, La Processione mistica si ispira in particolare alla processione descritta da Dante nel XXIX Canto del Purgatorio, ed è ospitata insieme a quattro ritratti di personaggi danteschi, una video installazione, disegni, materiali di lavoro, costumi e accessori utilizzati durante la lavorazione e il documentario di Alessandro Toscano che racconta la sua genesi e la realizzazione.

L’esposizione è nell’ambito della mostra Fuori Tutto: il nuovo allestimento della Collezione che mette in mostra la sperimentazione della scena creativa più attuale, tra le acquisizioni più recenti, i grandi maestri e le giovani generazioni.

Valentina Vannicola: “Con La Processione Mistica e le nuove immagini di Purgatorio riprendo la mia ricerca su La Divina Commedia di Dante Alighieri iniziata nel 2011 con la traduzione in immagine della prima Cantica. Il sostegno del MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo è stato decisivo per realizzare un’opera così imponente, di uguale importanza è stata la collaborazione della comunità di Tolfa che si è lasciata completamente coinvolgere in questo processo corale e partecipativo.”

Lo scorso 24 febbraio Valentina Vannicola ha presentato l’intero progetto a Tolfa (Roma) con un evento speciale al Teatro Claudio che ha registrato il tutto esaurito, concepito come una restituzione alla cittadinanza: le campagne di Tolfa sono state il set naturale di molte opere di Valentina Vannicola, tra cui L’Inferno di Dante (2011) e La Processione Mistica, realizzata in collaborazione del Museo Civico Archeologico di Tolfa, dell’Accademia d’alta moda e d’arte del costume Koefia di Roma e con il supporto del Comune di Tolfa. L’evento – moderato dalla docente universitaria e storica dell’arte Benedetta Cestelli Guidi, con ospiti Simona Antonacci, Responsabile Fotografia MAXXI Architettura e Giordano Iacomelli, direttore del Museo Civico Archeologico di Tolfa – è stato l’occasione per raccontare l’importanza della dimensione partecipativa del lavoro di Vannicola, rivelando quanto possa essere sfaccettata la ricerca sul paesaggio contemporaneo.

Al centro della foresta del Paradiso terrestre si dispiega un corteo di simboli: i sette candelabri, che segnano il passaggio dalla ragione alla luce della fede; i ventiquattro bianchi seniori; gli animali dell’Apocalisse, con le loro ali riveste di occhi; il grifone dorato, bianco e vermiglio, simbolo della natura terrena e divina di Cristo. Questi elementi sono tradotti in un vero e proprio tableau vivant messo in scena con il coinvolgimento di 49 figuranti, tutti attori non professionisti scelti nella comunità locale, e di diverse maestranze come modellisti, sarte e artigiani.

Esponente della staged photography – la tendenza della fotografia contemporanea a presentare come reali scene costruite secondo le dinamiche proprie della cinematografia – Valentina Vannicola ha esposto i suoi progetti in diverse gallerie e festival in Italia e all’estero: Brasile, Australia, Germania, Quatar, Francia, Spagna, Portogallo, Austria, Malta. Si è laureata con una tesi in Filmologia presso l’Università La Sapienza di Roma e successivamente si diploma alla Scuola Romana di Fotografia. La sua intera pratica artistica è riconducibile al genere della staged photography.

Il suo lavoro è stato ospitato in diverse gallerie e Festival tra cui: Museo MAXXI, Roma; Museo MAAT, Lisbona; Casa Fiat de Cultura, Belo Horizonte; Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro; Galleria Reserva Cultural, Niteroi; Centro Cultural de Justiça Federal, Rio de Janeiro; Istituto Italiano di Cultura La Valletta, Malta; AuditoriumArte, Roma; Msheireb Museums, Doha, Qatar; festival Todos con Istituto Italiano di Cultura di Lisbona; Festival Head On di Sydney; Festival Circulation(s), Parigi; IIC di Melbourne; Gallery Central di Perth, Australia; Photo Città della Pieve (PG) La Triennale di Milano; Palazzo Ducale di Genova; Espace André Malraux Herblay, Francia; Vision Lab/Triennale di Milano presso la Mediateca di S. Teresa, Milano; Arte Fiera Bologna; Vienna Fair; Il Bellaria Film Festival; Galleria Al Blu di Prussia, Napoli; Galleria Wuderkammern, Roma; Urban Center di Rovereto; Mia Art Fair; CiternaFotografia-Festival; Fotografia Festival, Museo MACRO Testaccio, Roma; Centro italiano della fotografia d’autore, Bibbiena; Auditorium Parco della Musica, Roma; s.t. Galleria, Roma.

Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private.

Ufficio stampa:
Fiorenza Gherardi De Candei
tel. 328.1743236 | e-mail info@fiorenzagherardi.com

CONTATTI

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Fiorenza Gherardi De Candei
ID: 392881
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.