Informazione creata ad arte (e cultura)

Segnali di Vita. Dal 22 Luglio al 27 Agosto Studio la Linea Verticale sarà ospitata in Sicilia

La Cooperativa Etica Oqdany accoglierà la galleria come tappa dell’itinerario del Museo Diffuso del centro storico di Noto (SR). Il temporary space si svilupperà all’interno del suggestivo scenario della Chiesa di Montevergini dove, nella Sacrestia e sale ad essa attigue, presenteremo cinque artisti esposti nella nostra sede di Bologna in questo primo anno di attività.
Studio la Linea Verticale
Photo credits: Studio la Linea Verticale

Segnali di Vita. Dal 22 Luglio al 27 Agosto Studio la Linea Verticale sarà ospitata in Sicilia

Studio la Linea Verticale
Photo credits: Studio la Linea Verticale
La Cooperativa Etica Oqdany accoglierà la galleria come tappa dell’itinerario del Museo Diffuso del centro storico di Noto (SR). Il temporary space si svilupperà all’interno del suggestivo scenario della Chiesa di Montevergini dove, nella Sacrestia e sale ad essa attigue, presenteremo cinque artisti esposti nella nostra sede di Bologna in questo primo anno di attività.

Dal 22 Luglio al 27 Agosto Studio la Linea Verticale sarà ospitata in Sicilia. La Cooperativa Etica Oqdany accoglierà la galleria come tappa dell’itinerario del Museo Diffuso del centro storico di Noto (SR). Il temporary space si svilupperà all’interno del suggestivo scenario della Chiesa di Montevergini, dove nella Sacrestia e sale ad essa attigue presenteremo cinque artisti esposti nella nostra sede di Bologna in questo primo anno di attività.

La mostra nasce dall’idea di omaggiare un grande cantautore siciliano, Franco Battiato, che ha dedicato la vita e l’arte al lavoro sulla propria coscienza e al quale la galleria deve il suo nome: La linea orizzontale ci spinge verso la materia, quella verticale verso lo spirito*.

É proprio la direzione verticale che determina la cifra stilistica della galleria, che si è proposta di essere vero e proprio luogo di studio e di ricerca, attraverso l’arte, di questa linea di pensiero. Allo stesso modo la spiritualità è il comune denominatore che unisce i cinque artisti in mostra, ognuno dei quali la pratica in maniera con intensità differente.
Ad accompagnare il fruitore in un viaggio all’interno di sé stesso sono ritratti divini, portali metafisici, icone scarlatte, simboli orientali e paesaggi interiori che reinterpretano il brano Segnali di Vita (1981), scelto tra la produzione di Battiato perché ancor meglio degli altri disegna il cammino evolutivo dell’umanità tra difficoltà e grazia. Attraverso la rilettura delle cinque strofe che lo compongono, ritornello incluso, gli artisti manifestano la loro personale ascesa interiore.

Le opere di Alberto Colliva sono la dimostrazione pratica di come l’arte possa trascendere dalla vita terrena per ancorarsi ad un universo altro, ad un cosmo fatto di energia. L’artista, attraverso i suoi volti, manifesta la necessità di distacco dalle difficoltà della vita terrena, che distraggono l’anima dai pensieri alti, raggiungendo la sommità dell’eterno. Francesca Dondoglio, tramite la simbologia del colore, indaga quella sottile zona che intercorre tra la vita terrena (il rosso) e l’ultraterreno (il blu). Il tempo si ferma e il confine sfuma nell’unione delle parti, generando un costante bisogno di cambiamento e di passaggio tra gli stati dell’essere. Un oltreuomo, evoluzione della coscienza del domani, affiora dalle stratificazioni vermiglie delle opere di Vale Palmi. Abbandonata la carnalità del corpo l’artista, col suo segno turbinoso, sprigiona l’energia dell’anima; l’uomo è estroflesso verso l’Immaterialità. Interpellare l’ambivalenza di territori sacri e gettare un ponte, metafora proverbiale di congiunzione di unità differenti, è il proposito della ricerca di Navid Azimi Sajadi. Storia, mitologia, religione, esoterismo, vissuto personale, galassie quanto mai vicine tra loro e quanto mai in costante, lenta, espansione. Claudio Valerio si perde nei paesaggi oscuri delle sue tele, cerca l’affetto di una presenza nell’assenza totale, tocca punte di lucidità iridescente. Dalle forme rabbuiate emergono scintille di possibili presenze, di possibili mondi che rispondono inesorabilmente alle meccaniche dell’infinito.

*Franco Batiato, Inneres Auge, 2009.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giovanni Avolio
Photo credits: Studio la Linea Verticale
ID: 380629
Licenza di distribuzione:
Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.