Informazione creata ad arte (e cultura)

“Se dicessimo la verità. Ultimo capitolo” al Teatro Studio Melato di Milano, 27 febbraio – 3 marzo 2024

Da oltre dieci anni, storie di resistenza e lotta alla criminalità organizzata, in collaborazione con le università e le associazioni a presidio del territorio. «Il teatro – spiegano le autrici Giulia Minoli ed Emanuela Giordano – non dà lezioni di vita e non offre soluzioni a buon mercato, ma stimoli e opportunità per conoscere e riflettere.»
Foto

“Se dicessimo la verità. Ultimo capitolo” al Teatro Studio Melato di Milano, 27 febbraio – 3 marzo 2024

Foto
Da oltre dieci anni, storie di resistenza e lotta alla criminalità organizzata, in collaborazione con le università e le associazioni a presidio del territorio. «Il teatro – spiegano le autrici Giulia Minoli ed Emanuela Giordano – non dà lezioni di vita e non offre soluzioni a buon mercato, ma stimoli e opportunità per conoscere e riflettere.»

Dal 27 febbraio al 3 marzo 2024 al Teatro Studio Melato, torna in scena l’opera-dibattito sulla legalità che debuttò nella stagione 2011 al Teatro di San Carlo di Napoli, approdando nel 2017 al Piccolo, dove compì un’ulteriore evoluzione narrativa, in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano e, in particolare, con il Corso di Sociologia della Criminalità organizzata di Nando dalla Chiesa.

Dopo tante storie raccontate, la forma scenica si è modificata grazie a una narrazione segnata dal bisogno di capire il nostro prossimo futuro, minacciato da un disimpegno che lascia ancora più spazio al potere criminale, alla “prassi” della corruzione come modus vivendi.

«Purtroppo, non possiamo più parlare solo di “infiltrazioni del crimine” – spiegano le autrici – ma di “complicità con il crimine”, di “prassi criminale” a cui ci stiamo abituando, con distratta colpevolezza. Il teatro non dà lezioni di vita e non ci offre soluzioni a buon mercato, offre stimoli e opportunità di conoscere e di riflettere, questo noi cerchiamo di fare, con convinzione, pensando soprattutto ai ragazzi. E proprio ai ragazzi ci rivolgiamo con un lavoro che, parallelamente, realizziamo nelle scuole di tutta Italia perché lo spettacolo non sia solo un’occasione isolata ma parte di un percorso di avvicinamento a temi fondamentali per la loro crescita».

La drammaturgia dello spettacolo di volta in volta si arricchisce di storie riguardanti la regione in cui è presentato. Il lavoro di ricerca e di scrittura si avvale della collaborazione delle università partner: CROSS-Osservatorio sulla Criminalità Organizzata, LARCO-Laboratorio Analisi e ricerca sulla criminalità organizzata – Università degli Studi di Torino, Università di Pisa – Master in Analisi, prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione, Università di Bologna – Master Gestione e Riutilizzo di Beni e Aziende confiscati alle mafie.

Durata: 60’ senza intervallo

Biglietti
A partire da €20

———————

Se dicessimo la verità
Ultimo capitolo

da un’idea di Giulia Minoli
drammaturgia Emanuela Giordano e Giulia Minoli
regia Emanuela Giordano
musiche originali Tommaso Di Giulio
con Daria D’Aloia, Jonathan Lazzini, Lucia Limonta, Simone Tudda
e con Leonardo Ceccarelli chitarra, Paolo Volpini batteria.

Una produzione Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, Centro Teatrale Bresciano, Teatro Stabile di Bolzano, Fondazione TRG

con il patrocinio di Fondazione della Comunità Bresciana

Se dicessimo la verità. Ultimo capitolo è parte integrante de Il Palcoscenico della legalità, un progetto di CCO-Crisi Come Opportunità

Spettacolo consigliato dai 12 anni in su per una buona comprensione dei temi affrontati

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giancarlo Garoia
ID: 391720
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.