Informazione creata ad arte (e cultura)

Said William Legue, il cinema e il suo progetto di produzione Min Ort

Questa e’ la storia di un giovane di quartiere, divenuto attore che ha portato i giovani di oggi sul grande schermo.
The Orion Star Awards, Said William Legue
Photo credits: The Orion Star Awards, Said William Legue

Said William Legue, il cinema e il suo progetto di produzione Min Ort

The Orion Star Awards, Said William Legue
Photo credits: The Orion Star Awards, Said William Legue
Questa e’ la storia di un giovane di quartiere, divenuto attore che ha portato i giovani di oggi sul grande schermo.

Said William Legue, è un attore svedese, nato e cresciuto Gothenburg in povertà in un “quartiere” indesiderabile. Dopo essere diventato un attore di grande successo, con ruoli nelle serie di Netflix artistici e non, Snabba Cash e Caliphat, William ha creato “Min Ort” e si è dedicato a rafforzare i giovani che hanno un disperato bisogno di aiuto e di un modello positivo; qualcuno che li capisca.

Premiato a Cannes, all’Orion Stars Award nel 2022, come “Miglior Attore”, affianca la sua attività cinematografica al suo progetto di supporto ai giovani della sua città natale.

Oggi, vogliamo raccontarvi la storia di questo progetto, “Min Ort”.

Cos’è “Min Ort”?

E’ la storia di un’organizzazione dedicata a ispirare membri di gang e piantagrane a cambiare i loro modi e diventare leader nei loro quartieri.

Il progetto e’ composto da un team di persone che la pensano allo stesso modo e che lavorano con Legue per toccare i cuori e cambiare la vita dei giovani che vivono nei peggiori ambienti possibili. Lui e il suo team desiderano espandere “Min Ort” in ogni quartiere indesiderabile di ogni nazione. Questo è il loro sogno.

Il progetto gode della collaborazione di Global Prosperity and Peace Initiative e numerosi partner nel mondo.

Said, sei passato da attore a produttore, come è avvenuto questo cambiamento?

Sono nato a Gothenburg da genitori immigrati, ho origini marocchine, cresciuto vivendo il quartiere ma con la possibilità di crescere e costruire il mio futuro, non lo nascondo è stato faticoso, i valori trasmessi dalla mia famiglia e l’istruzione mi hanno portato a raggiungere i miei traguardi lavorativi, ho deciso guardandomi attorno, di trasmettere questi valori anche ai giovani della mia città natale utilizzando l’esperienza acquisita nella mia carriera.

Pensi che questa iniziativa cinematografica possa essere riproposta in altri paesi?

In tutte le città mondiali esiste la realtà di quartiere, soprattutto al giorno d’oggi, dove internet propone una realtà distorta, la quale viene trasmessa negativamente ai giovani che per copiare i loro idoli, si ritrovano a vivere vite di disagio e criminalità.

Stiamo lavorando al progetto, l’obiettivo è quello di raggiungere una partnership di produzione mondiale in modo da dar vita a nuove produzioni cinematografiche, il desiderio è quello di poter per ora, dar vita a film con protagonisti ragazzi del quartiere, in Italia, Francia e Spagna dove la realtà di periferia e’ molto sentita, vedi Napoli, Parigi o Barcellona come esempio.

Stai lavorando a un progetto cinematografico come attore al momento?

Ad oggi, sto valutando degli script per ruoli che ho ricevuto e lavorando per una serie che uscirà presto, siamo prossimi al Festival di Cannes, diciamo che e’ un periodo molto frenetico, ma ne sono felice, mi piace quello che faccio.

Non ci resta dunque che attendere e vedere come questo progetto e le storie di questi giovani arriveranno anche qui da noi nel bel paese.

Vi consigliamo di dare un’occhiata alle prime due produzioni, “Min Ort This is Sweden” e “Min Ort Ghost Town”, sono storie che meritano di essere raccontate.

John Cohen, Beyourdream Multimedia Group
johncohen@beyourdreamrecords.it



Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da John Cohen – Beyourdream Publishing
Photo credits: The Orion Star Awards, Said William Legue
ID: 375357
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.