Informazione creata ad arte (e cultura)

Rinvenuta nella città di Davide di Gerusalemme una scatola di 2000 anni fa

Un’enigmatica scatola di pietra con 9 scomparti risalente al periodo del secondo tempio è stata portata alla luce da scavi della Città di Davide a Gerusalemme Un raro contenitore in pietra multi-scomparto, risalente ai tempi del Secondo Tempio, ovvero circa 2.000 anni fa, è stata presentata al pubblico per la prima volta a Gerusalemme al Museo di Israele.
fonte ufficio stampa
Photo credits: fonte ufficio stampa

Rinvenuta nella città di Davide di Gerusalemme una scatola di 2000 anni fa

fonte ufficio stampa
Photo credits: fonte ufficio stampa
Un’enigmatica scatola di pietra con 9 scomparti risalente al periodo del secondo tempio è stata portata alla luce da scavi della Città di Davide a Gerusalemme Un raro contenitore in pietra multi-scomparto, risalente ai tempi del Secondo Tempio, ovvero circa 2.000 anni fa, è stata presentata al pubblico per la prima volta a Gerusalemme al Museo di Israele.

La scatola è stata scoperta durante gli scavi condotti dall’Autorità israeliana per le antichità nel Parco Nazionale delle Mura di Gerusalemme. Gli scavi sono stati finanziati dalla Fondazione Città di David in collaborazione con il Ministry of Heritage.

Quadrata, grande 30 x 30 cm, è scolpita in pietra calcarea tenera e divisa all’interno in nove scomparti di uguali dimensioni. Il contenitore è stato scoperto all’interno di un antico magazzino datato alla fine del periodo del Secondo Tempio che un tempo si trovava lungo la Strada del Pellegrinaggio nella Città di Davide.

I lati della scatola sono anneriti, a indicare che fu bruciata, probabilmente, durante gli eventi della Grande Rivolta Ebraica, che portò alla distruzione di Gerusalemme. I ricercatori ritengono che la scatola sia stata utilizzata per scopi commerciali come l’esposizione di merci.

Yuval Baruch e Ari Levy, direttori dello scavo per conto dell’Autorità israeliana delle Antichità hanno dichiarato che “Durante gli scavi della via del Pellegrinaggio, dove è stata rinvenuta la scatola, sono stati rinvenuti molti oggetti, a testimonianza della fiorente attività commerciale che si svolgeva lungo la strada durante il periodo del Secondo Tempio. Durante gli scavi, abbiamo scoperto vasi di ceramica e vetro, strutture per la produzione e la cucina, vari strumenti di misurazione, pesi di pietra e monete.
Tutti questi oggetti suggeriscono che la strada era collegata ad attività commerciali come un vivace mercato urbano.
La via del Pellegrinaggio, che collegava la Piscina di Siloe al Monte del Tempio era, 2000 anni fa, l’arteria principale della città.

Sembra che la scatola appena scoperta fosse correlata a questa attività commerciale che si svolgeva lungo la via del Pellegrinaggio”.

Il sistema economico e commerciale della città di Gerusalemme del Secondo Tempio era simile a quello di altre grandi città del mondo romano e vantava grandi mercati con merci locali e importate, alcune addirittura esotiche. In quanto città tempio e centro di pellegrinaggio, i mercati dell’antica Gerusalemme dovevano contenere articoli specializzati, non comuni in altre aree. La vita quotidiana e il commercio all’epoca del Secondo Tempio di Gerusalemme dovevano essere condotti nel rigoroso rispetto delle leggi sulla purezza ebraica. La prova di ciò può essere vista da una serie di reperti archeologici distinti come migliaia di frammenti di vasi di pietra calcarea scoperti negli scavi in tutta la città antica e nei suoi dintorni.

L’uso diffuso di vasi di pietra può essere spiegato dalla legge ebraica (halacha) che stabilisce che la pietra, a differenza dell’argilla o del metallo, non può diventare impura. Pertanto, è possibile che i vasi di pietra siano stati riutilizzati più e più volte per lunghi periodi di tempo.

Secondo Yuval Baruch e Ari Levy: “Sembra che la scatola di pietra a più scomparti della Città di Davide fosse collegata all’economia unica di Gerusalemme condotta all’ombra del tempio mantenendo una stretta osservanza e in conformità con le leggi di purezza. Pertanto, possiamo considerare questa scatola come un ritrovamento specifico nella città di Gerusalemme”.

Parti di un’altra scatola simile furono scoperti circa 50 anni fa dall’archeologo Nachman Avigad durante gli scavi nel quartiere ebraico. Dopo la scoperta, Avigad chiamò scherzosamente l’oggetto una “ciotola di noci e semi”, un nome che da allora è rimasto. È interessante notare che tutte le scatole simili sono state scoperte a Gerusalemme, soprattutto nella Città di Davide.
La scatola appena scoperta è l’unico esempio completo.

In questa fase della ricerca, gli archeologi si chiedono ancora a cosa potesse servire e hanno formulato solamente delle ipotesi.

Secondo Dudi Mevorah, curatore senior del Dipartimento di Archeologia del Museo di Israele a Gerusalemme: “La scatola è stata trovata rotta in pezzi con parti mancanti. I frammenti sono stati portati a Victor Uziel, ambientalista del Laboratorio di Conservazione degli Artifatti del Museo di Israele, specializzato nel trattamento e restauro di manufatti direttamente dal campo. Abbiamo messo la scatola di pietra in mostra permanente insieme a spettacolari affreschi colorati, lampadari e magnifici vasi di ceramica, pietra e metallo provenienti dalle case di lusso di Gerusalemme risalenti alla fine del periodo del Secondo Tempio”.

In foto: La scatola in mostra alla galleria archeologica del Museo di Israele. Fotografia Zohar Shemesh, Museo di Israele, Gerusalemme

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Mariella Belloni
Photo credits: fonte ufficio stampa
ID: 392598
Licenza di distribuzione:
Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.