Informazione creata ad arte (e cultura)

“Ricordati di noi”, il nuovo romanzo di Maria Antonietta

Torna Maria Antonietta con un nuovissimo romance – age gap, slow burn, second chance – ambientato nella splendida Scilla! Stefano, ex vigile del fuoco, e Anna, insegnante della scuola primaria, sono i protagonisti di una storia d’amore tutt’altro che semplice. Il loro incontro è voluto dal destino, ma il passato di lui e il presente di lei intralciano quello che potrebbe essere l’amore della loro vita.
Foto

“Ricordati di noi”, il nuovo romanzo di Maria Antonietta

Foto
Torna Maria Antonietta con un nuovissimo romance – age gap, slow burn, second chance – ambientato nella splendida Scilla! Stefano, ex vigile del fuoco, e Anna, insegnante della scuola primaria, sono i protagonisti di una storia d’amore tutt’altro che semplice. Il loro incontro è voluto dal destino, ma il passato di lui e il presente di lei intralciano quello che potrebbe essere l’amore della loro vita.

Un terribile fatto di cronaca sconvolge la vita di Stefano, valoroso capitano dei Vigili del Fuoco di Verona, costringendolo a trasferire armi, bagagli e famiglia nella splendida Scilla, borgo marino ammantato di mito e storia. Non è la prima volta che il destino gioca con la sua esistenza e quella delle persone che ama, ma qualcosa sta per cambiare.

Anna è una maestra che sprizza idee e progetti da tutti i pori. L’insegnamento e le attenzioni che dedica agli alunni sono l’unico vero balsamo per le sue ferite. Perché Anna è anche una donna che non potrà mai avere figli, nonostante li desideri. La sua vita è destinata a subire una forte scossa quando accetta un’inaspettata supplenza in una scuola primaria al di là dello Stretto di Messina.

Matteo e Carlotta, due gemelli che più diversi non si può, sono il filo rosso che intreccia in un istante i destini di Anna e Stefano. Il loro incontro a Scilla è il preludio di un percorso complesso e irto di ostacoli. Quando il passato sconvolge il presente con i suoi segreti e le sue bugie, è possibile ancora sperare di conquistarsi un futuro insieme?

Estratto dal romanzo:
A ripiglino abbiamo finito per giocarci io e Stefano. Sento ancora sulle mani il calore delle sue che hanno sfiorato la mia pelle più e più volte in un intreccio di dita, carezze sottese, percorsi in avanti e a ritroso. È stato come tessere un arazzo la cui trama complessa intrecciava le nostre sensazioni. Ci siamo persi spesso negli abissi dei nostri sguardi mentre fingevamo di riflettere sul gioco e invece ci tormentavamo sulla realtà. Quando ho dovuto alzarmi dal loro banco e procedere con la mia ispezione, ho sentito come uno strattone e con gli occhi della mente ho visto ogni filo di quell’arazzo slacciarsi.

L’autrice:
Maria Antonietta vive a Villa San Giovanni, un paesino baciato dal sole dodici mesi l’anno affacciato sul suggestivo Stretto di Messina. Scrive da quando sa farlo, più precisamente dopo essersi innamorata del personaggio di Jo March del romanzo Piccole Donne. Già a 10 anni tormenta la sorella e la cugina, costringendole a mandare giù a memoria copioni di sceneggiature scritte da lei e ispirate ai personaggi di Lady Oscar. Cresce a pane e Liala, e nonostante gli studi in ragioneria informatica, una volta ottenuto il diploma si mette in testa di realizzare il suo sogno di diventare scrittrice. Lavora come insegnante privata, ogni tanto riesce a dare un esame all’università, e comincia a scrivere sul serio. I suoi primi romanzi sono parecchio acerbi e influenzati dalla sua visione tragico romantica dell’amore. Li conserva in una pennetta USB e qualche anno dopo scopre il mondo dei romanzi M/M. Ne rimane folgorata; il lavoro di correttrice di bozze presso Dreamspinner Press Italia e Triskell Edizioni la catapulta in una realtà che sente sua. Scrive così il suo primo romanzo a tematica LGBT, che un giorno spera riuscirà a revisionare, e poi a settembre del 2018 nasce Blue Swan. Lo butta giù in soli quattro mesi. Sono i protagonisti a dettarglielo, giorno e notte. Nel 2022 pubblica sempre con Triskell Edizioni un secondo romanzo a tematica LGBT, To the moon and back, ispirato al cantante trap Achille Lauro.

Quando non corregge o insegna, si dedica alle sue altre passioni: gli anime e le serie televisive. Ogni tre mesi si innamora di un personaggio televisivo. Ha mille storie in testa e un giorno spera di riuscire a raccontarle tutte.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: LCS – Ufficio Stampa
ID: 374016
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.