Informazione creata ad arte (e cultura)

Richard Strauss: Maestro di concerti, sinfonie, sonate ed opere

Ricordo del grande compositore e direttore d’orchestra tedesco
Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci

Richard Strauss: Maestro di concerti, sinfonie, sonate ed opere

Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
Ricordo del grande compositore e direttore d’orchestra tedesco

Oggi è l’11 giugno e in questa data, nel 1864, a Monaco di Baviera, in Germania, nasceva il grande musicista Richard Strauss, compositore e direttore d’orchestra. Figlio d’arte (il padre era primo corno dell’Orchestra del Teatro di Corte di Monaco), si appassionò presto alla musica e iniziò a comporre già all’età di sei anni. Ricevette lezioni di composizione e iniziò a scrivere concerti, sonate e sinfonie. Nel 1885 fu assunto come maestro di cappella del Meiningen Hof e, dopo essersi ispirato a Brahms e Schumann, e successivamente anche a Richard Wagner, Strauss riuscì a trovare il suo stile, evidenziato nel “Don Juan” (1888/89) e nel “Tod und Verklärung” (1888/89), che lo resero rapidamente celebre.

Consolidò il successo con “Also sprach Zarathustra” (Così parlò Zarathustra), che divenne uno dei suoi poemi sinfonici più famosi (utilizzato anche nel film “2001: Odissea nello Spazio” di Stanley Kubrick). Nel 1887 compose la sua prima opera “Guntram”, ma il grande successo in ambito operistico gli arrivò con “Salome” (1905) ed “Elektra” (1909). Ci furono variazioni di stile nell’opera compositiva di Strauss, che andarono dal romanticismo tedesco (con riferimenti a Schubert, Schumann e Brahms) ad ambientazioni che ricordavano Liszt e Wagner, per poi toccare il primo espressionismo e la politonalità del primo Schönberg, e infine tornare, nell’ultimo periodo, a ambientazioni settecentesche e ottocentesche, anche se in chiave ironica, senza rinunciare a momenti di modernità, come con i Lieder del 1918 e le “Metamorfosi” del 1946.

Nel 1948 completò i “Vier letzte Lieder” per voce femminile e orchestra, considerata la sua ultima opera più importante. Richard Strauss non è da confondere con gli Strauss viennesi (famosi compositori di valzer), con i quali non aveva parentela. Morì nel 1949 a Garmisch-Partenkirchen, in Baviera.

Questa mia opera a seppia è in suo omaggio e memoria.

Bruno Pollacci
Direttore dell’Accademia d’Arte di Pisa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
ID: 399386
Licenza di distribuzione:
Picture of Bruno Pollacci

Bruno Pollacci

Pittore. Nato a Lucca nel 1954, vive e lavora a Pisa. Ha conseguito il Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lucca ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Maestro Fernando Farulli. Ha iniziato l'attività artistica nel 1968. Nel 1978, con il pittore Marco Menghelli, ha fondato l'Accademia d'Arte di Pisa, che tutt'ora dirige e nella quale insegna Pittura e Disegno.