Informazione creata ad arte (e cultura)

Pulse Luce e Gas VIAPADOVAMONDO giunge alla tappa conclusiva, svelata anche la terza opera vincitrice del contest artistico di rigenerazione urbana

La terza opera del contest di Pulsee Luce e Gas, scelta per l’esposizione sulla Tunnel Boulevard di Via Pontano, porta la firma di una coppia artistica al femminile.
fonte ufficio stampa Havas PR
Photo credits: fonte ufficio stampa Havas PR

Pulse Luce e Gas VIAPADOVAMONDO giunge alla tappa conclusiva, svelata anche la terza opera vincitrice del contest artistico di rigenerazione urbana

fonte ufficio stampa Havas PR
Photo credits: fonte ufficio stampa Havas PR
La terza opera del contest di Pulsee Luce e Gas, scelta per l’esposizione sulla Tunnel Boulevard di Via Pontano, porta la firma di una coppia artistica al femminile.

VIAPADOVAMONDO, il progetto di rigenerazione urbana promosso da T12 Lab, in partnership con Pulsee Luce e Gas – brand per le utenze domestiche full digital di Axpo Italia – e patrocinato dal Comune di Milano, giunge alla sua fase conclusiva. In occasione della Milano Green Week – conclusasi ieri, la settimana di eventi e iniziative pensata per scoprire, vivere e raccontare una Milano consapevole e sostenibile e che quest’anno ha avuto come focus il cambiamento climatico che ha portato al violento nubifragio dello scorso luglio – è stata annunciata la terza ed ultima opera vincitrice del progetto. Le autrici questa volta sono due, una coppia al femminile formata dalle studentesse di Social Design alla NABA, Martina Petiti e Marta Prati.

VIAPADOVAMONDO ha visto la luce poco più di un anno fa, quando è stato lanciato tramite una call to action rivolta ai giovani talenti del mondo dell’arte e del design. Nello scorso ottobre la premiazione e esposizione della prima opera vincitrice, che ha evidenziato valori importanti per Milano e per il quartiere ponendo l’accento, tramite la grafica, sull’importanza delle connessioni e su temi come l’inclusione e l’interscambio socioculturale. La seconda opera vincitrice, anche questa realizzata da una giovane studentessa, è stata esposta lo scorso aprile e valorizzava, attraverso la metafora figurata del gioco del Tetris, le diverse culture che compongono il quartiere meneghino creando un incastro perfetto.

La contaminazione etnica e culturale torna ad essere il filo conduttore anche nella terza ed ultima opera vincitrice, proposta da Martina Petiti e Marta Prati – entrambe impegnate nel corso di studi in Social Design presso la Nuova Accademia delle Belle Arti di Milano – che hanno scelto di utilizzare il cibo come strumento iconografico per raccontare le diverse anime del quartiere e le diverse espressioni culturali da cui è caratterizzato; frutta e verdura diventano così parole di una storia comune, un insieme di ingredienti, odori e sapori, che insieme vanno a formare un’unica ricetta. Diverse etnie e provenienze vanno così a dare forma al quartiere di Via Padova, un meltin pot di culture che hanno imparato a parlare la stessa lingua e condividere gli stessi luoghi di ritrovo e aggregazione.

Come le prime due opere vincitrici, anche questa rimarrà esposta sulla Tunnel Boulevard di Via Pontano: lo spazio dei tunnel ferroviari che rappresenta l’espressione artistica di strada a partire dagli anni 90. Questo punto, oltre ad essere emblema dei valori della diversità e dell’incrocio di differenti culture, è anche un luogo di grande visibilità per le opere degli artisti emergenti che hanno preso parte al progetto. A circa un anno di distanza dalla prima esposizione, infatti, si stima che le opere siano state viste da circa mezzo milione di persone.

“È stato formativo e interessante veder nascere e poter sviluppare insieme ai partner T12 Lab e Comune di Milano questo progetto e, come in ogni attività in cui ci impegniamo, l’augurio è di lasciare al territorio e alle persone testimonianza di come, con la giusta energia, ogni cosa sia possibile. VIAPADOVAMONDO è un progetto che unisce valori importanti e che fanno parte del corredo genetico di Pulsee Luce e Gas: vicinanza alle comunità, sostenibilità, ricerca e valorizzazione dei giovani talenti. Siamo orgogliosi di ciò che ha rappresentato per la zona, le sue persone e i ragazzi vincitori. Commenta Alicia Lubrani, Chief Marketing Officer & Country Corporate Communication Director di Axpo Italia. “L’augurio è che possa essere solo un altro esempio virtuoso del costante lavoro di sviluppo di questo contesto urbano tramite l’arte, il talento e le idee”.

“Quando abbiamo iniziato a lavorare a questo progetto non sapevamo dove ci avrebbe portati, quale sarebbe stato il suo futuro. Oggi siamo ancora più consapevoli e convinti dell’enorme potenziale che questa iniziativa, anche grazie al contributo di un’azienda come Pulsee Luce e Gas, ha per la città e per il quartiere di Via Padova.” spiega Elisabetta Bianchessi, Presidente dell’Associazione T12 Lab. “Siamo già al lavoro affinché l’installazione artistica possa diventare stabilmente un’Insegna d’Arte: un’opera che dunque continui ad ospitare creazioni di giovani street artist. Stiamo lavorando affinché tutte le verifiche in merito alla disponibilità delle diverse parti coinvolte diano esito positivo così da dare continuità al lavoro della Tunnel Boulevard”.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Mariella Belloni
Photo credits: fonte ufficio stampa Havas PR
ID: 384282
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.