Pisa in Arte

L'arte a Pisa e dintorni

PISA: Bellezza, Cultura, Storia e Tradizione

Si inaugurerà SABATO 8 Giugno 2024 ore 18, presso gli storici spazi del GAMeC CentroArteModerna di Pisa (Lungarno Mediceo n. 26), curata e ordinata da Massimiliano Sbrana la mostra “PISA: Bellezza, Cultura, Storia e Tradizione” edizione 2024 che permetterà di scoprire le opere che numerosi autori hanno dedicato a Pisa.

PISA: Bellezza, Cultura, Storia e Tradizione

Si inaugurerà SABATO 8 Giugno 2024 ore 18, presso gli storici spazi del GAMeC CentroArteModerna di Pisa (Lungarno Mediceo n. 26), curata e ordinata da Massimiliano Sbrana la mostra “PISA: Bellezza, Cultura, Storia e Tradizione” edizione 2024 che permetterà di scoprire le opere che numerosi autori hanno dedicato a Pisa.

Pisa, gioiello dell’Italia, è un crogiolo di storia e modernità, un luogo dove il passato si intreccia con il presente in un mosaico di esperienze culturali. La Torre Pendente, simbolo universale di Pisa, è solo l’inizio di un viaggio attraverso secoli di ingegno umano e bellezza artistica.

Pisa non è solo un museo a cielo aperto; è una città viva, pulsante di eventi, mercati, caffè e ristoranti dove si può gustare la cucina toscana, famosa per i suoi sapori robusti e la sua semplicità. La città invita a essere esplorata senza fretta, a immergersi nelle sue strade, a scoprire angoli nascosti e a lasciarsi sorprendere dalle storie che ogni pietra sembra raccontare.

In definitiva, Pisa è una città che incarna lo spirito dell’Italia: un luogo di bellezza senza tempo, di passione per la conoscenza e di celebrazione della vita. È una città che accoglie ogni visitatore con la promessa di un’esperienza indimenticabile, un viaggio attraverso la storia, l’arte e la cultura che rimarrà impresso nel cuore di chi la visita. Pisa è, senza dubbio, una città da amare e da custodire come un tesoro prezioso. Conosciuta in tutto il mondo per la sua famosa torre pendente, Pisa è molto di più di un monumento. È una città ricca di bellezza, cultura, storia e tradizioni, che in questa importante mostra si manifesteranno in ogni sua trasfigurazione artistica, dalla più tradizionale alla più contemporanea.

In questa occasione sono in mostra le opere di:

Sergio Andreozzi, Alberto Berti, Davide Berti, Giuseppe Biondi, Gino Bonfanti, Michele Bracciotti, Renzo Bussotti, Barbara Calabi , Giancarlo Carmignani, Daniela Carta,  Mimmo Corrado, Carlo D’Orta, Perseo Favilla, Renzo Galardini, Giovanni Giuliani, Marilena Luongo, Bruno Magoni, Alberto Martini, Uliano Martini, Lucia Merli, Mario Meucci, Luigi Norelli, Maria Teresa Pannunzio, Silvia Pierucci Sapio, Senio Pratesi, Giovanni Ortensio Sapio, Giulio Sbrana, Piero Semeraro, Aspreno Simonelli, Annamaria Taddei, Shmagin Viacheslav, Vanni Viviani.

Per appuntamenti o informazioni tel + 39 3393961536 (Whatapps, Telegram. Signal)

La mostra proseguirà fino 19 Giugno 2024 con ingresso libero. Aperture straordinarie Domenica 9 e 16 Giugno 2024: 17-19 Orari: 10-12,30/16-18,30 (feriali). Chiuso lunedì. Festivi verificare.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Massimiliano Sbrana
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.