Informazione creata ad arte (e cultura)

Pablo Picasso: genio creativo del ‘900

Ricordo del grande artista spagnolo di origini italiane
Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci

Pablo Picasso: genio creativo del ‘900

Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
Ricordo del grande artista spagnolo di origini italiane

Il 25 aprile 1973, a Mougins, in Francia, ci lasciava Pablo Picasso, illustre figura di pittore, scultore, ceramista, disegnatore e litografo. Nato a Málaga, in Spagna, nel 1881, Picasso è universalmente riconosciuto come uno dei giganti dell’arte del XX secolo. Optò per il cognome materno, Picasso, anziché quello paterno, Ruiz Blasco, ed ebbe ascendenti italiani, essendo il bisnonno materno, Tommaso Picasso, originario della provincia di Genova. Fin dalla giovane età, Picasso dimostrò un talento straordinario, affinato sotto la guida del padre, pittore e docente di disegno presso la scuola di belle arti. Nel 1900, il giovane artista si trasferì a Parigi, dove la sua curiosità intellettuale e la propensione alla sperimentazione lo portarono a esplorare diversi stili e tecniche.

Il percorso artistico di Picasso si articola in diverse fasi: il “periodo blu” (1901-1904), seguito dal “periodo rosa” (1905-1907), il “periodo africano” (1907-1909), il “cubismo analitico” (1909-1912) e il “cubismo sintetico” (1912-1914). Gli anni trenta furono segnati dalla “minotauromachia”. Nel 1937, Picasso realizzò “Guernica”, capolavoro in cui si riflette il terrore del bombardamento della città basca omonima durante la guerra civile spagnola, il 26 aprile 1937. Quest’opera, esposta originariamente al Padiglione spagnolo dell’Esposizione Internazionale di Parigi, rappresenta una potente denuncia dei conflitti bellici.

Negli anni cinquanta, l’artista sperimentò nuovamente, evolvendo verso uno stile distintivo che lo accompagnò fino agli ultimi anni della sua carriera, tra il 1968 e il 1971, periodo in cui realizzò numerose opere e centinaia di acqueforti. L’eredità artistica di Picasso è immortalata nel Musée Picasso di Parigi, fondato nel 1985, e nel Museo Picasso Málaga, inaugurato nel 2003, che rende omaggio all’artista nella sua città natale.

Questa mia opera a carboncino, che è stata esposta nella mia mostra personale al “Museo della Grafica” di Pisa nel 2021, è in suo omaggio e memoria.

Bruno Pollacci
Direttore dell’Accademia d’Arte di Pisa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
ID: 395260
Licenza di distribuzione:
Picture of Bruno Pollacci

Bruno Pollacci

Pittore. Nato a Lucca nel 1954, vive e lavora a Pisa. Ha conseguito il Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lucca ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Maestro Fernando Farulli. Ha iniziato l'attività artistica nel 1968. Nel 1978, con il pittore Marco Menghelli, ha fondato l'Accademia d'Arte di Pisa, che tutt'ora dirige e nella quale insegna Pittura e Disegno.