Informazione creata ad arte (e cultura)

ORTICOLARIO 2024 TERRAE

Nello showroom milanese di Ethimo, Orticolario, l’evento culturale che celebra la natura in tutte le sue forme, svela le sembianze della quattordicesima edizione. Dal 3 al 6 ottobre a Villa Erba, sul Lago di Como, per ribadire la priorità della terra, da cui tutto ha origine.
Foto

ORTICOLARIO 2024 TERRAE

Foto
Nello showroom milanese di Ethimo, Orticolario, l’evento culturale che celebra la natura in tutte le sue forme, svela le sembianze della quattordicesima edizione. Dal 3 al 6 ottobre a Villa Erba, sul Lago di Como, per ribadire la priorità della terra, da cui tutto ha origine.

La nostra tendenza è di interessarci a qualcosa che cresce nel giardino, non nella nuda terra in sé stessa. Ma se vuoi avere un buon raccolto, la cosa più importante è rendere il terreno fertile e coltivarlo bene. Shunryu Suzuki

Una talea ha la capacità di generare e, allo stesso tempo, di suscitare stupore. Orticolario 2024 vuole essere talea, propagare riflessioni e innestare meraviglia. Per quattro giorni, da giovedì 3 a domenica 6 ottobre, vuole tornare all’essenza di tutto, alla terra. Come? Facendo cultura con le proposte degli espositori, i progetti e le installazioni, i laboratori per bambini e ragazzi, e con un multiforme programma eventi.

SOLIDA FISIONOMIA – Ampia offerta di piante rare, insolite e da collezione, proposte da vivaisti nazionali e internazionali, oltre che di artigianato artistico: la cura nella selezione degli oltre 250 espositori è volta alla diffusione di un’attenta consapevolezza del paesaggio e di un’elevata qualità artistica. E poi, i giardini e le installazioni nel parco, ispirati al tema dell’anno e selezionati tramite il Concorso Internazionale Spazi Creativi (il vincitore si aggiudica il premio “La Foglia d’oro del Lago di Como”), i progetti d’arte e di design, e il programma eventi che coinvolge esperti del settore, paesaggisti, agronomi, visionari. Le performance, le esperienze e i laboratori emozionano e sorprendono. E ancora, altro punto saldo dell’evento, le attività per i bambini, per scoprire il mondo del giardinaggio evoluto.

LE COORDINATE 2024 – Il titolo è Orticolario “Terrae”, il tema è la “terra”, le piante protagoniste sono quelle per la fitodepurazione

La quattordicesima edizione si propone come un itinerario nella profondità della terra, non quella con la T maiuscola, che gira, maestosa. L’altra, la grande sconosciuta, che sporca, si sbriciola, “è bassa”, fa fare fatica. Orticolario 2024 vuole tornare a madre terra, al luogo segreto in cui avviene la magia potente a noi invisibile: dove tutto comincia e tutto finisce. Il suolo è portatore sano di semina, attesa, nascita. Ospita le radici, accoglie una miriade di organismi viventi, regola il ciclo naturale dell’acqua, dell’aria, delle sostanze organiche e minerali. L’evento vuole celebrarne l’importanza. Ribadirne la priorità. Ricordare l’urgenza di non darlo per scontato, di proteggerlo, di trattarlo bene.

La manifestazione è anche occasione per conoscere le piante fitodepuratrici, per affidarsi alle loro capacità trasformative e immaginare una natura meno contaminata dall’uomo: sentinelle che non solo intercettano l’inquinante, ma lo contrastano con i mezzi a disposizione. Sono state individuate oltre 400 specie adatte alla fitodepurazione di acque e suoli. Tra queste, ce ne sono alcune molto comuni, usate anche negli orti casalinghi e in giardino. Qualche esempio? Il cavolo, la rapa, il girasole, il mais, le felci, i pioppi, i salici, la canapa, gli Iris e la paludosa Canna indica.

Ecco cosa si osserva a Orticolario: quanto le piante possano fare per l’ambiente, per l’uomo e per riportare l’equilibrio nella natura.

L’OSPITE D’ONORE – Tra i tratti distintivi di Orticolario emerge la concezione del giardino non come un prolungamento della casa, ma come una parte totalmente integrata che va a completare il progetto abitativo nel suo insieme. Soprattutto, non un supplemento stagionale, ma un ambiente in cui sostare con il pensiero e con l’azione tutto l’anno. Questa edizione racconta questo modo di concepire il giardino invitando, come ospite d’onore, Michele De Lucchi, architetto, designer e fondatore di AMDL CIRCLE, tra i protagonisti indiscussi dell’architettura e del design italiano. Vincitore per due volte del Premio Compasso d’oro, oltre ad altri prestigiosi premi, ha progettato oggetti di design che hanno fatto storia e numerosi edifici e allestimenti espositivi, attraversando settori e culture distanti tra loro

Nelle sue architetture predilige materiali naturali e, se può, sta ben lontano dal cemento. Avverte la necessità di ripensare gli spazi in cui viviamo per renderli parte di un tutto più ampio, in grado di rispettare il ciclo vitale dell’ecosistema. La natura è silenziosa musa nei suoi progetti. A Orticolario, Michele De Lucchi, oltre a essere insignito del premio “Per un Giardinaggio Evoluto” 2024, mette in atto la sua inarrestabile creatività con oggetti da lui disegnati, alcuni in anteprima assoluta.

LE NOVITÀ – Quattro le novità sostanziali. Prima tra tutte, il ruolo differente del Padiglione Centrale che, vestito del progetto “Semi a terra, parole alate” firmato da Vittorio Peretto di Hortensia, si trasforma in una vera agorà, dove hanno luogo alcuni degli eventi culturali in programma. Significa posizionare al centro la cultura, in modo simbolico e concreto. Seconda novità: il Gazebo nel parco diventa una singolare wunderkammer, dove i visitatori possono ammirare rarità botaniche accuratamente selezionate tra gli esemplari portati dai vivaisti. Profuma di nuovo anche l’assegnazione del progetto che narra le piante dell’anno ad Annalisa Ferraris e Lino Zubani di Flora Conservation, vincitori del Concorso Internazionale Spazi Creativi 2023, come a tessere un filo tra il concorso stesso e l’edizione dell’anno successivo: ed ecco nella Piazza del Grande Prato, nel parco, “Altro Livello”, esercizio d’immaginazione sulla fitodepurazione, progetto che rende omaggio alla straordinaria attività compiuta dalle piante e dai microrganismi. Infine, un’altra prima volta, un programma di incontri e attività dedicato specificamente ai ragazzi dai 14 ai 19 anni. Insomma, la cultura al centro, sempre e per chiunque.

PER LA CULTURA E IL SOCIALE – Limpido, il “manifesto” di Orticolario: un viaggio intorno alla natura, tra giardinaggio, paesaggio, arte e design, tutti elementi che contribuiscono a solleticare una certa sensibilità, a creare un’idea evoluta di giardino, che può essere fuori e dentro le mura di casa. Non è solo un garden show, né tantomeno una mostra-mercato, è soprattutto un evento dal doppio valore: le finalità benefiche e di supporto sociale incontrano la volontà di diffondere la cultura del paesaggio. Le attività culturali in scena a Villa Erba sono realizzate infatti attraverso il Fondo Amici di Orticolario presso la Fondazione Provinciale della Comunità Comasca, che devolve poi i contributi a cinque associazioni del territorio lariano, impegnate a loro volta nell’evento.

Da segnalare inoltre che la manifestazione rappresenta un importante momento didattico e di formazione per gli studenti coinvolti nella sua realizzazione.

Più info: https://www.orticolario.it/it/cultura-e-sociale/

LA PAROLA A… – Moritz Mantero, presidente di Orticolario: “L’anno scorso, commentando l’edizione 2023, ho affermato: abbiamo fatto 13! Ebbene, tutti sappiamo che una stessa combinazione vincente difficilmente si presenta e così l’edizione 2024, la quattordicesima, vuole essere differente dalle precedenti, anche se in realtà non ce n’è mai stata una uguale all’altra. Un aspetto, questo, che ci ha sempre caratterizzato e che ci ha fatto crescere negli anni, da quando, nel 2009, abbiamo deciso di avviare questa avventura: voler fare di Orticolario un contenitore di suggestioni sempre nuove”.

ORTICOLARIO IN NUMERI

  • Oltre 250 espositori coinvolti
  • Più di 2.500 bambini nel 2023
  • Oltre 300.000 euro i contributi donati alle associazioni nel corso degli anni

NON TUTTI SANNO CHE:

  • MidaTicket, partner per il servizio di biglietteria, dona un contributo al Fondo Amici di Orticolario per ogni biglietto di ingresso venduto online.
  • Prendere parte alla Charity Dinner è un’esperienza unica e contribuisce in modo importante al Fondo Amici di Orticolario.
  • La partecipazione agli eventi culturali e ai laboratori pensati per i bambini supporta il Fondo Amici di Orticolario.
  • I contributi percepiti per la visita guidata alla Villa Antica sono destinati al Fondo Amici di Orticolario.
  • Il ricavato del tour virtuale della Villa Antica, importante progetto culturale, viene destinato al Fondo Amici di Orticolario.
  • Durante tutto l’anno Orticolario cura varie iniziative collaterali, tra cui la campagna natalizia, il cui ricavato va a sostegno del Fondo Amici di Orticolario.

SOSTENITORI E PATROCINI – Orticolario 2024 è realizzato con il sostegno di Mantero Seta e, in ordine alfabetico, con: il contributo di DoDo Boutique Como, Ethimo, Fondazione Banca Popolare di Milano, L’Erbolario, Mood e Valverde, Wide Group; il contributo tecnico di Bennet, Bianchi Group, Coplant, Grafiche Tassotti, Gruppo Carnini, Ideal Verde, Isella, Mida Ticket, Navigazione Laghi, Rotoduplex, Sheraton Lake Como Hotel, TiEvent, Vedetta 2 Mondialpol, Villa d’Este, Vivaio Central Park. L’evento, inoltre, ha ottenuto il contributo del Comune di Cernobbio, la collaborazione della Camera di Commercio di Como-Lecco e della Provincia di Como, il patrocinio dell’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali delle Province di Como, Lecco e Sondrio, e della Regione Lombardia che ha riconosciuto Orticolario come manifestazione di carattere internazionale anche già per il 2025.

Si ricorda, infine, la collaborazione con: AIAPP (Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio), Bric’s, Coin, FAI (Fondo Ambiente Italiano), Fondazione Minoprio, Grandi Giardini Italiani, Istituto “Gaetano Pessina”, Istituto San Vincenzo, Protezione Civile ANA Sezione di Como, Teatro Sociale di Como -AsLiCo, Villa Carlotta.

VALE IL VIAGGIO – Orticolario è un ottimo spunto per un weekend sul Lago di Como, decisamente suggestivo in autunno. E il modo più glamour per raggiungere l’evento è via lago: un viaggio nel paesaggio del primo bacino, fino all’approdo nel parco, direttamente sul pontile di Villa Erba. Il servizio di battello navetta da Como (incluso nel costo del biglietto) è attivo sabato 5 e domenica 6 ottobre.

Più info: https://www.orticolario.it/it/come-arrivare/

Sul fronte ospitalità, inoltre, a Cernobbio e dintorni c’è davvero l’imbarazzo della scelta: dai più esclusivi hotel in ville d’epoca a b&b per tutte le tasche. Nota importante: il biglietto è acquistabile sia online sia nelle biglietterie in loco. La biglietteria online apre il 24 giugno.

Più info: https://www.orticolario.it/it/info-utili-acquisto-biglietti/

COME DOVE QUANDO
Orticolario 2024
Dal 3 al 6 ottobre 2024, Villa Erba, Cernobbio (CO), sul Lago di Como

Informazioni dettagliate su Orticolario 2024 sul sito continuamente aggiornato:

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giovanni Ranghi
ID: 400088
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.