Informazione creata ad arte (e cultura)

NICOLAS PARTY “QUANDO ARRIVA DOMANI” al Frieder Burda Musem, Baden Baden

L’artista svizzero Nicolas Party presenta la sua prima mostra museale in Germania al Museo Frieder Burda, QUANDO ARRIVA DOMANI (“When it comes tomorrow”), fino al 18 Febbraio 2024.
Foto

NICOLAS PARTY “QUANDO ARRIVA DOMANI” al Frieder Burda Musem, Baden Baden

Foto
L’artista svizzero Nicolas Party presenta la sua prima mostra museale in Germania al Museo Frieder Burda, QUANDO ARRIVA DOMANI (“When it comes tomorrow”), fino al 18 Febbraio 2024.

L’artista trasforma l’intero insieme spaziale dello straordinario edificio Richard Meier, situato nel mezzo di un parco, in un universo pittoresco e concettualmente pianificato da attraversare. Impressionanti gruppi di pastelli luminosi sotto forma di dipinti murali di grandi dimensioni e dipinti ad olio su rame di piccolo formato realizzano interventi architettonici nelle sale espositive del museo e creano un’attrazione magica per lo spettatore che è diventata rara.

Nicolas Party, classe 1980, è noto per concepire le sue mostre come produzioni complete, quasi immersive, in cui estende la tavolozza dei suoi dipinti, che riprendono citazioni storico-artistiche e stilistiche, sulle pareti bianche delle sale espositive. Il desiderio delle pareti fin troppo bianche di toccare sensualmente attraverso le opere d’arte si rivela in modo impressionante.

I dipinti dipinti direttamente sul muro mostrano una cascata, una foresta in fiamme, ariose formazioni nuvolose e panorami montani o un paesaggio di rovine. Contrastano con ritratti meticolosamente dipinti e dall’aspetto enigmatico di donne con fiori, nature morte con frutta o verdura non identificabili e miniature di dinosauri che esprimono il recente fascino dell’artista per le creature preistoriche.

Con la sua ampia mostra a Baden-Baden, l’artista ci permette di immergerci nella sua pratica visiva unica, nelle sue riflessioni visive sul rapporto tra la natura e l’uomo e sul corso del tempo nel mondo. Le sue opere suggeriscono connessioni e significati sempre più profondi. Attraverso il suo linguaggio visivo unico e il suo stile sovversivo, Nicolas Party condensa le sue immagini in un cosmo di immagini fantastico e prospettico che appare molto attuale.

L’artista una volta disse: “È interessante per me pensare all’apocalisse e alla storia dell’arte, a Sodoma e Gomorra e ad altri dipinti storici di incendi raffiguranti la fine del mondo. Ora crediamo e sentiamo di essere alla fine del nostro viaggio come esseri umani poiché il riscaldamento globale ci porta a una crisi ecologica, ma questa sensazione è una costante, dall’Arca di Noè ai vari racconti apocalittici della Bibbia fino ai bombardamenti atomici nella Seconda Guerra Mondiale”.

C’è un detto: “Tutto sarebbe potuto andare diversamente”. Con la sua mostra curata da Udo Kittelmann, Nicolas Party trasferisce questa consapevolezza in un ipotetico domani – pieno di speranza!

Nicolas Party è nato nel 1980 a Losanna, Svizzera e vive e lavora a New York. È rappresentato in numerose rinomate collezioni e ha tenuto importanti mostre personali museali negli Stati Uniti, in Europa e in Asia.

“E’ un po’ pazzesco. Ma se la follia fosse solo un’altra parola per indicare questo eterno desiderio di stupirsi di fronte all’inaspettatamente grande e inaspettatamente piccolo che la memoria conserva – chissà perché e come?” – Mondo

Per la mostra di Nicolas Party è stata realizzata un’audioguida trilingue che accompagna i visitatori alla scoperta del colorato universo dell’uomo svizzero. Le voci originali del curatore e dell’artista nell’audioguida sottolineano inoltre le sfide fondamentali che l’umanità deve affrontare, ma lasciano anche spazio per un futuro pieno di speranza, come suggerisce il titolo della mostra: “Quando arriverà il domani”.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giancarlo Garoia
ID: 391619
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.