Informazione creata ad arte (e cultura)

Museo della carta di Amalfi

Il Museo della carta di Amalfi, situato nella Valle dei Mulini, è un’ex cartiera trasformata in museo nel 1969.
Foto

Museo della carta di Amalfi

Foto
Il Museo della carta di Amalfi, situato nella Valle dei Mulini, è un’ex cartiera trasformata in museo nel 1969.

La Valle dei Mulini è stata descritta e raccontata da scrittori come Henry Longfellow, e ritratta da artisti di ogni tempo, come l’amalfitano Pietro Scoppetta, il cui acquarello si ammira nel museo di Capodimonte a Napoli.

Il museo ospita i macchinari e le attrezzature restaurati e perfettamente funzionanti, utilizzati nell’antica cartiera per realizzare la carta a mano. Questa struttura, unica al mondo, offre ai suoi visitatori la magia di tornare indietro nel tempo e di sperimentare, grazie al funzionamento delle macchine azionate durante la visita con la forza e la potenza delle acque del torrente Canneto, l’emozione di creare un foglio della pregiata carta a mano di Amalfi. Tra le prime città in cui è stata scoperta nei secoli XII e XIII l’esistenza della carta, ci sono , oltre ad Amalfi,gli altri territori delle Repubbliche Marinare, Pisa, Genova e Venezia che avevano magazzini, sia in Siria, sia sulla costa della Palestina, dove si trovavano i maggiori centri per la produzione della carta.

La scoperta della carta segnò un punto fondamentale per la storia della civiltà umana. Questa scoperta è universalmente attribuita ad un ministro cinese di nome Ts’ai Lun, nel 105 dopo Cristo. Si narra che Ts’ai Lun si trovava sulle rive di uno stagno accanto ad una lavandaia che stava sciacquando nell’acqua alcuni panni piuttosto logori. I panni, che venivano strofinati e sbattuti sulle rocce, si sfilacciavano e le fibrelle galleggianti sull’acqua andavano a riunirsi in una piccola insenatura ai piedi di Ts’ai Lun. Sul pelo dell’acqua si formò dopo qualche tempo, un velo di fibrelle ben feltrate che Ts’ai Lun osservò, raccolse con delicatezza e pose a seccare sull’erba. Il foglio secco e avente una certa consistenza, bianco, morbido, diede a Ts’ai Lun la grande idea, quel foglio poteva ricevere la scrittura.

Contatti
cell. 3404230980
whatsapp 3357851710
visitenapoli@gmail.com – www.naplesanditaly.com

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Barbara De Blasi
ID: 378146
Licenza di distribuzione:
Picture of Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.