Informazione creata ad arte (e cultura)

Il ponte delle spie (2015)

Il ponte delle spie (2015)

Basato su una vicenda realmente accaduta, la pellicola, ambientata al tempo della Guerra Fredda, racconta del processo contro la spia sovietica Rudolf Abel (Mark Rylance), la cui difesa viene affidata a James Donovan (Tom Hanks), un affermato avvocato inizialmente reticente ad assumere l’incarico.

Dopo iniziali tentennamenti, il rapporto tra l’avvocato e il suo cliente si fanno più confidenziali, tanto da convincere Donovan a puntare su una strenua difesa, convincendo la giuria dell’utilità di Abel come mezzo di scambio con una spia americana prigioniera in URSS. Abel viene condannato a 30 anni di reclusione, ma dopo alcuni anni dalla Germania dell’Est arriva una lettera con la richiesta di un negoziato, affidato allo stesso Donovan che si reca a Berlino allo scopo di scambiare Abel con il pilota americano Francis Gary Powers (Austin Stowell). Le trattative, però, non sono semplici e Donovan dovrà saper tirare fuori tutte le sue abilità diplomatiche per risolvere anche un’altra vicenda.

Esperto nel settore assicurativo, James Donovan è un affermato avvocato, partecipe a suo tempo nel collegio giudicante durante il Processo di Norimberga. A lui viene affidata la difesa di una spia russa catturata. Poco incline ad accettare il caso, viene spinto dalla famiglia a optare per una difesa di basso profilo. Dovan, però, impara a superare le differenze e si impegna a difendere al meglio il suo cliente, anche se questo provocherà non pochi problemi a lui e alla sua famiglia. Alcuni anni dopo la condanna di Abel, Donovan verrà incaricato del negoziato di scambio tra il suo cliente e un prigioniero americano catturato in Germania. Sarà proprio Donovan ad organizzare lo scambio, avvenuto presso il Ponte di Glienicke, soprannominato in seguito “Ponte delle Spie”.

Il vincitore dell’Oscar per la categoria Migliore attore non protagonista, Mark Rylance, veste i panni della spia russa catturata e condannata da un tribunale americano a 30 anni di carcere. Nel film il personaggio si rivela dapprincipio essere freddo e distaccato, quasi schivo, per poi lasciarsi andare e affidarsi alla difesa di Donovan, che gli eviterà la condanna a morte.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Telegram
Stampa
Picture of Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.