Informazione creata ad arte (e cultura)

Mittelfest Cividale: Máté Mészáros, Meccanica della distanza

Al MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE, in prima nazionale, Sabato 22 Luglio 2023, ore 17:00. Progetto cultura: i primi 200 spettatori di Mechanics of Distance e di La fiera degli altri riceveranno in omaggio un biglietto per l’ingresso al Museo Archeologico Nazionale Cividale.
Foto

Mittelfest Cividale: Máté Mészáros, Meccanica della distanza

Foto
Al MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE, in prima nazionale, Sabato 22 Luglio 2023, ore 17:00. Progetto cultura: i primi 200 spettatori di Mechanics of Distance e di La fiera degli altri riceveranno in omaggio un biglietto per l’ingresso al Museo Archeologico Nazionale Cividale.

“Quanto la danza può esplorare uno spazio?”

Máté Mészáros (Meccanica della distanza, Ungheria, 2020) al MITTELFEST di Cividale del Friuli.

In Mechanics of Distance tre danzatori esplorano le sale del Museo Archeologico Nazionale Cividale attraverso una performance site-specific nella quale il pubblico può scegliere e misurare la distanza di osservazione.

I performers, con tre formazioni molto diverse tra loro come la danza classica, la contemporanea e quella popolare, accompagnati dalle musiche dal vivo di Áron Porteleki, intrecciano i loro corpi creando figure plastiche, giocano con la distanza e la prossimità, per poi, inevitabilmente, tornare a separarsi. La coreografia, firmata da Máté Mászáros, indaga il rapporto tra i corpi e le variazioni che possono crearsi a contatto con ambienti diversi, attraverso lo studio del gesto e l’evocazione di situazioni quotidiane.

Il trio di Máté Mészáros è un’indagine sull’ampia gamma di variazioni che possono creare corpi statici e in movimento in uno spazio aperto. Per illustrare l’astrazione di separazione, unione o intreccio di queste tre figure, il coreografo espone una serie di situazioni episodiche.

Abbracciati dalla musica dal vivo di Áron Porteleki, i tre artisti passano costantemente da accenni di assurdità della vita quotidiana a solenni routine strutturali, lasciandoti ipnotizzato dalla plasticità di Mechanics of Distance.

Máté Mészáros – diplomato all’Accademia di Danza Ungherese nel 1999. Dopo tre anni al Szeged Contemporary Ballet ha lavorato in varie compagnie europee: Carte Blanche (Norvegia), Lanònima Imperial (Spagna), Última Vez (Belgio).

Al suo ritorno in Ungheria nel 2014 ha creato il suo lavoro Hinoki, presentato in anteprima alla Trafó House of Contemporary Arts. Il suo prossimo spettacolo serale completo, intitolato United Space of Ambivalence, con cinque ballerini, è stato presentato in anteprima nel 2018 anche a Trafó. Il suo pezzo recente è un trio intitolato “Mechanics of Distance” con tre ballerini. È un coreografo ospite regolare di varie compagnie di danza e teatro europee e insegna in modo approfondito la collaborazione. Spingendo la fisicità ai suoi limiti nella sua coreografia, Mészáros considera il corpo come un fenomeno strutturale.

“MECHANICS of DISTANCE”
MÁTÉ MÉSZÁROS
Cividale, MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE

(Durata 50 minuti).

Sabato 22 Luglio 2023, ore 17:00
Prima nazionale

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giancarlo Garoia
ID: 380591
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.