Informazione creata ad arte (e cultura)

LIVIN’ COLORS HIERBAS JESOLO – dal 7 Luglio al 24 Settembre 2023

Come da tradizione intrigante, coraggiosa, quasi trasgressiva, anche per l’estate 2023 lo Hierbas ospita una nuova esposizione fotografica, destinata ad arricchire le già rigogliose scenografie dell’amato dinner&dance jesolano. Livin’ colors: una mostra patinata, seducente, psichedelica come il locale che la ospita. Una mostra curata, ça va sans dire, ancora una volta da Alessandro Negrini, maestro di bellezza e veterano del vedo/non vedo artistico.
Alessandro Negrini
Photo credits: Alessandro Negrini

LIVIN’ COLORS HIERBAS JESOLO – dal 7 Luglio al 24 Settembre 2023

Alessandro Negrini
Photo credits: Alessandro Negrini
Come da tradizione intrigante, coraggiosa, quasi trasgressiva, anche per l’estate 2023 lo Hierbas ospita una nuova esposizione fotografica, destinata ad arricchire le già rigogliose scenografie dell’amato dinner&dance jesolano. Livin’ colors: una mostra patinata, seducente, psichedelica come il locale che la ospita. Una mostra curata, ça va sans dire, ancora una volta da Alessandro Negrini, maestro di bellezza e veterano del vedo/non vedo artistico.

Livin’ Colors celebra il colore e la naturale beltà della donna, vuoi quella classica, vuoi quella più alternativa, all’insegna di una collezione di immagini più varia che mai. Il suo suggestivo concept, infatti, introduce scatti sorprendentemente coraggiosi, dove l’uso del colore non è un mero graphic tool asservito al bilanciamento finale dell’immagine; ma ne diventa, viceversa, l’elemento centrale. Inesauribile fonte di creatività, Negrini gioca a sovvertire causa ed effetto, tanto per cambiare.

Caratterizzata da colori saturi e intensi, e temperature studiate ad hoc per ogni scatto, la mostra diventa così un’esperienza visivo-sensoriale capace di catturare l’attenzione in maniera inedita, suscitando sensazioni di meraviglia e ammirazione che vanno ben oltre il personale apprezzamento “di pancia” per soggetto, posa e luci.

Non a caso, le stesse fonti luminose che baciano corpi e visi delle modelle si basano sui colori primari, rosso, giallo e blu, e sul verde, tutti tarati ad un’intensità decisamente elevata per gli standard tipici: una tecnica sperimentale, grazie a cui il fotografo emiliano riesce a portare il soggetto in uno stato quasi di trans artistica. Sono ritratti che estremizzano la ricchezza cromatica degli abiti e del mondo circostante, ma anche della pelle, degli occhi, dei capelli e di quanti altri dettagli ciascuno di noi è in grado di cogliere.

Attenzione però: pur funzionale ad imbrigliare i colori delle luci e le forme di ogni modella, l’abbigliamento scelto stavolta non è, di per sé, così rilevante (a differenza, per esempio, di quanto accadeva nella celebre “Out of the Dark”). A contare, qui, è soprattutto lo sguardo, che cambiando prospettiva diventa via via più intenso, seduttivo ed empatico, ora sfidando, ora sfuggendo all’occhio della reflex negriniana.

A momenti, grazie anche ai tambureggianti sottofondi musicali dello Hierbas Jesolo, è come se i ritratti prendessero vita, in un caleidoscopio di gradienti e modelle, che danzano e vibrano difronte allo spettatore, illuminate dai colori della discoteca e dai neon della city-beach.

Accesi e vivaci, i Livin’ Colors esaltano la fluidità del posing delle modelle, come sempre capeggiate dalla conturbante Claudia Marazzato, in arte AgathaDe Vil, portabandiera jesolana di bellezza e musa ispiratrice del marito sul set, oltre che direttrice artistica assai stimata nei salotti buoni del lombardo-veneto e nelle gallerie di Bologna: la città d’arte e d’amore che 30 anni fa diede i natali al sentimento e al sodalizio con Alessandro Negrini.

Una fusione sempiterna, di cui oggi ammiriamo frutti e suggestioni nella nuova mostra dello Hierbas: al calar del sole, punta di diamante di una Jesolo più colorata e viva che mai.

A cura di Alvise Salice

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Alessandro Valeri
Photo credits: Alessandro Negrini
ID: 380082
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.