Pisa in Arte

L'arte a Pisa e dintorni

LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte. Prorogata fino al 27 marzo

Si inaugurerà Sabato 2 Marzo 2024 alle ore 17,30, presso il GAMeC CentroArteModerna di Pisa (sul Lungarno Mediceo al numero 26) la mostra “LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte” che, ordinata e curata da Massimiliano Sbrana, vuole dare un breve ma significativo percorso della figura femminile così come gli artisti nel tempo, ma con particolare attenzione alla contemporaneità, l’hanno raffigurata.
Fabio Grillo

LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte. Prorogata fino al 27 marzo

Fabio Grillo
Si inaugurerà Sabato 2 Marzo 2024 alle ore 17,30, presso il GAMeC CentroArteModerna di Pisa (sul Lungarno Mediceo al numero 26) la mostra “LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte” che, ordinata e curata da Massimiliano Sbrana, vuole dare un breve ma significativo percorso della figura femminile così come gli artisti nel tempo, ma con particolare attenzione alla contemporaneità, l’hanno raffigurata.

La donna da secoli è infatti elemento fondante dell’arte. A partire dalle rappresentazioni e sculture della preistoria la donna è stata rappresentata nelle sue molteplici sfaccettature: donna come madre, donna come santa, donna come diavolo, donna come amante ecc. Una figura femminile dunque che nelle arti figurative, ha ricoperto di volta in volta una veste simbolica diversa nel corso dei secoli, di pari passo con l’evoluzione delle tecniche artistiche e degli stili, con il variare del gusto estetico e, elemento non meno importante, con il diverso modo di concepire il ruolo della donna nella società.

Fin dagli albori della civiltà la figura femminile, quindi, è stata protagonista della storia umana: gli archeologi hanno rinvenuto numerose sculture di divinità femminili, attribuite all’organizzazione delle tribù di stampo patriarcale, dell’era paleolitica. Presso molte antiche civiltà la donna era il perno della società, era depositaria del principio della vita, della fecondità e, come tale veniva rappresentata.


Per il pittore, però, la donna è anzitutto forma. E’ il simbolo della figurazione di tutti i tempi, è l’archetipo della dimensione umana, della sua trasparente profondità, del suo glorioso intelletto, della sua perfezione assoluta, sopra ogni altra forma vivente.  E’ alla forma della donna che l’artista consegna il giudizio estetico dell’arte. Un artista, inoltre, spesso cerca il suo ideale femminile nel corpo di una donna e lo confronta con le proprie lacune interiori, così da poter definire, attraverso una personale interpretazione, quella metà di sé che vuole trovare nell’oggetto del suo desiderio.

L’iconografia della “donna nell’arte” ha attraversato  quindi un percorso affascinante e simbolicamente significativo nel corso della storia. Dall’antichità fino ai giorni nostri, l’immagine femminile è stata rappresentata in modi diversi, riflettendo ogni volta sia le credenze culturali che gli ideali di bellezza di ogni epoca.

In esposizione, quindi, le opere di: Beccaro Bruno, Bernardini Paola, Berti Alberto, Cappellini Andrea, Carta Daniela, Castelli Graziella, Di Cocco Siberiana, Favilli Antonella, Grillo Antonino Fabio, Ilgeko (Rossi Elena), Mabel (Tarabella Marzia), Manzini Fiorella, Martin Mauro, Pannunzio Maria Teresa, Pecchia Lucia, Petrangolo Elsa, Protopapa Rosa Maria, Rivadossi Diana Carolina, Sabato Marialuisa, Santi Maria Agata, Tarabella Marzia.

 

LES FEMMES / La Figura Femminile nell’Arte
INAUGURAZIONE  Sabato 2 Marzo 2024 ore 17,30
dal 2 al 13 Marzo 2024
a cura di Massimiliano Sbrana

Orari: 10-12,30/16-18,30 (feriali); chiuso lunedì .

Apertura Straordinaria Domenica 3 e 10 Marzo 2024 con orario 16-18,30.

 

In collaborazione con la Collezione “Archivio d’Arte” del GAMeC CentroArteModerna di Pisa

Ingresso libero.

_______________________________________________________

Ufficio stampa GAMeC Pisa:
mobile +39 3393961536
e-mail mostre@centroartemoderna.com

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Massimiliano Sbrana
Fabio Grillo
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.