Informazione creata ad arte (e cultura)

Le armi dei Templari

Armi, uniformi e insegne dei monaci-cavalieri secondo la Regola dell’Ordine del Tempio. A cura di Enzo Valentini

Le armi dei Templari

Armi, uniformi e insegne dei monaci-cavalieri secondo la Regola dell’Ordine del Tempio. A cura di Enzo Valentini

Le armi dei Templari
di Enzo Valentini
pp. 160, € 15,00
Penne & Papiri, 2023
ISBN: 9788889336892

La Regola è senza dubbio la migliore fonte per conoscere a fondo l’Ordine del Tempio, soprattutto per comprendere la sua duplice anima di organizzazione monastica e di struttura militare. Ecco quindi che nella Regola, insieme a preghiere, astinenze e digiuni, sono specificate anche le armi che ogni templare, cavaliere o sergente, riceve in dotazione, senza averne però la proprietà, per il principio di povertà individuale alla base dell’Ordine. Come pena accessoria di colpe commesse è previsto anche il divieto di toccare le armi per il periodo della punizione.D’altra parte le armi non sono solo un mezzo per combattere, come per gli altri, ma testimoniano l’appartenenza al Tempio e sono necessarie per la difesa della Terrasanta. Per estensione del concetto dell’ora et labora di San Benedetto, per i templari il combattere può essere considerato al pari della cura dei campi per i cistercensi o della copiatura dei codici negli scriptoria per i benedettini.

Enzo Valentini, vive e lavora nella città medievale di Tuscania (Viterbo). Dal 1985 è socio della LARTI (Libera Associazione Ricercatori Templari Italiani), e dal 1988 ne è Segretario Nazionale.
Autore di articoli per riviste di settore e di saggi sull’argomento.
Collabora anche con Keltia, Mattioli 1885, Edizioni Mediterranee e Newton Compton Editori. Con Penne e Papiri ha pubblicato “Cavalieri templari”, “I templari a Civitavecchia” e “Nel refettorio dei Templari”.

Fonte

Informazioni sulla pubblicazione

Picture of Associazione Culturale Italia Medievale

Associazione Culturale Italia Medievale

L’ACIM ha come principale obiettivo la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico e artistico del Medioevo italiano. Organizza eventi e manifestazioni, quali feste e rievocazioni storiche, conferenze, mostre, visite guidate, viaggi, corsi e banchetti.