Informazione creata ad arte (e cultura)

La poesia dell’altrove: Gian Mario Villalta

Venerdì 10 novembre alle 17.30, Gian Mario Villalta, poeta, scrittore e direttore artistico del Festival Letterario Pordenonelegge, sarà ospite della Libreria Zabarella di Padova (Via Zabarella, 80) in occasione della presentazione del primo volume dell’Opera “Nord. I Poeti” edita dalla casa editrice Macabor (2022).
Foto

La poesia dell’altrove: Gian Mario Villalta

Foto
Venerdì 10 novembre alle 17.30, Gian Mario Villalta, poeta, scrittore e direttore artistico del Festival Letterario Pordenonelegge, sarà ospite della Libreria Zabarella di Padova (Via Zabarella, 80) in occasione della presentazione del primo volume dell’Opera “Nord. I Poeti” edita dalla casa editrice Macabor (2022).

Il volume, curato da Bonifacio Vincenzi e Marta Celio, presenta uno studio (con ampi contributi critici) della produzione dell’autore Gian Mario Villalta, nato a Visinale in provincia di Pordenone nel 1959 e laureato in Lettere moderne all’Università di Bologna.

Villalta segue da molti anni il panorama poetico italiano, con particolare attenzione all’opera di Andrea Zanzotto, per il quale ha collaborato al Meridiano Mondadori. Narratore, saggista e poeta. Facendo riferimento alla poesia, dunque, si ricorda, tra le molte sue pubblicazioni, Vanità della mente (Mondadori, 2011) che ha vinto il Premio Viareggio, e Telepatia (Lietocolle, 2016) che ha vinto il Premio Carducci.

«Villalta è un poeta che si affida spesso allo sguardo – scrive nell’introduzione al volume, Bonifacio Vincenzi, direttore editoriale di Macabor Editore, curatore di diverse antologie poetiche e collaboratore di quotidiani, settimanali e riviste specializzate – Appare il paesaggio. Appare la vita, sia nella luce che nell’oscurità. La realtà del poeta si deposita nella poesia e diventa un’altra cosa, diventa un mondo, reale o scomparso che sia, in cui la propria vita si specchia, in cui la vastità dell’Assenza fa meno paura, perché parliamo comunque della nostra casa, della nostra meta».

A presentare la produzione letteraria e poetica di Gian Mario Villalta saranno: Bonifacio Vincenzi, Marta Celio, Nella Cazzador, Luca Bianchin.

L’Opera “Nord. I Poeti” rientra nell’ambizioso progetto editoriale della Macabor: un viaggio nella Poesia italiana contemporanea. Partito con Sud I Poeti, di cui sono già usciti quattordici volumi dei venti previsti nel piano della mappatura, è seguito il percorso I Poeti del Centro Italia (sesto volume dei venti previsti) e contemporaneamente quello di Italia insulare I Poeti, percorso giunto al quinto dei dieci volumi previsti.

Se la parte monografica di questa prima raccolta è dedicata a Gian Mario Villalta, la seconda parte si concentra sui poeti del Nord scomparsi, in particolare Piera Oppezzo, Nadia Campana, Attilio Carminati, Ernesto Calzavara e Mario Stefani. Il volume si conclude con un’antologia poetica di autori viventi con un particolare riguardo anche ad autori sconosciuti o esordienti, sostenuti soltanto dal valore della propria opera: i lombardi Franca Grisoni e Luigi Cannillo, l’autrice ligure Giovanna Rosadini, Francesca Serragnoli (Emilia Romagna) e il veneto Alessandro Cabianca.

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

Per informazioni: libreriazabarella@gmail.com

Macabor Editore:

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giuseppe Bettiol
ID: 386465
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.