Informazione creata ad arte (e cultura)

L’oro di Parma

da Mariella Belloni
fonte Ella Studio
Photo credits: fonte Ella Studio
Le mille bellezze della città di Parma, tra castelli maestosi, arte termale e gioielli gastronomici, un itinerario possibile per lasciarsi incantare da una provincia col dono del gusto. In tutti i sensi.

Per andare alla scoperta di Parma, abbracciandone idealmente la ricchezza con uno sguardo panoramico, non esiste forse punto di partenza e di vista migliore di quello del Castello di Tabiano, edificato più di mille anni fa come fortezza militare dai marchesi Pallavicino per controllare la via Emilia, la via Francigena e il prezioso sale, ingrediente fondamentale per la nascita di alcune specialità gastronomiche del territorio. Oggi abitazione privata visitabile solo accompagnati da guide che introducono il pubblico in una dimensione spazio-temporale suggerita da antiche cantine, meravigliosi saloni decorati con stucchi e affreschi, scaloni e terrazze affacciate su un paesaggio verde e sterminato, il maniero offre anche la possibilità di soggiornare nelle case dell’Antico Borgo medievale, trasformate nel Relais de Charme Tabiano Castello, e di fermarsi a pranzo o a cena nel ristorante il Caseificio.

Home

Se si ha poco tempo, ma non si vuole rinunciare all’idea di poterlo dominare scegliendo di viaggiare tra un’epoca e l’altra, il consiglio è quello di assicurarsi un’esperienza on the road noleggiando una delle sofisticate vetture vintage di Slow Drive – www.classiccartour.eu: in questo modo, 48 ore possono rivelarsi sufficienti per attraversare la galleria della storia e passare dal Medioevo alla Belle Époque a bordo di un mezzo che evoca leggendarie pellicole del secolo scorso.

Tra le mille destinazioni possibili, la deviazione da scegliere in questo itinerario nel cuore dell’Emilia – www.visitemilia.com – indica Salsomaggiore con le magnifiche Terme Berzieri, che quest’anno celebrano il centenario dell’inaugurazione con un grande evento espositivo e una serie di iniziative che da maggio a dicembre 2023 coinvolgeranno tutta la città. Emblema del termalismo europeo ed esempio unico di art déco termale, la struttura realizzata a partire dal 1914 dall’architetto Ugo Giusti e decorata dall’artista fiorentino Galileo Chini – che interpretò l’occasione come un’opportunità di esprimere le proprie influenze orientali – sarà il cuore di un programma diffuso, incentrato sulla figura dello stesso Chini, nato 150 anni fa. La mostra Galileo Chini. Oro ed Oriente. Alchimie decorative per “Le più belle Terme del mondo”, che svela la monumentalità artistica di Salsomaggiore, a cura di Maurizia Bonatti Bacchini e Valerio Terraroli, si terrà dal 26 maggio al 24 settembre 2023 e racconterà il genio di Chini attraverso grandi dipinti, disegni preparatori, oggetti ceramici. Oltre alle Terme Berzieri, luogo fortemente caratterizzato dai richiami all’oro, saranno coinvolti altri edifici monumentali della città, come il Palazzo dei Congressi, la Corte Civica Tommasini, e Villa Fonio, che verrà aperta per la prima volta al pubblico.

https://visitsalsomaggiore.it/it/

Dai tesori dell’arte a quelli della tavola. Da questa terra non si può andare via senza aver prima omaggiato con un inchino gastronomico e un assaggio uno dei simboli della Food Valley: il Parmigiano Reggiano. A 15 minuti da Salsomaggiore c’è Fidenza, dove il caseificio Parma2064, proprio di fianco al Fidenza Village, produce oltre 30mila forme l’anno di un pluripremiato Parmigiano Reggiano. Grazie alle visite guidate è possibile conoscere, direttamente dalla voce del casaro, l’intero processo di produzione e ammirare le alte scalere nei magazzini di stagionatura.

Visite

Il percorso poi vira poi verso Polesine Parmense, regno del Culatello, da assaporare all’Antica Corte Pallavicina dei fratelli Massimo e Luciano Spigaroli, originariamente castello trecentesco sulla golena del Grande Fiume, famosa per l’omonimo ristorante, per il bistrot Hosteria del Maiale, per il Museo del Culatello e del Masalèn e per le storiche cantine di stagionatura, le più antiche al mondo ancora attive, del 1320. In un luogo che è di fatto un sogno di famiglia divenuto realtà, è anche possibile pernottare: il relais offre agli ospiti undici camere eleganti, con tutti i comfort e l’attenzione per i dettagli, dove lo stile moderno inserito durante i lavori di ristrutturazione si sposa piacevolmente con gli arredi d’epoca e il magnifico soffitto a cassettoni del XVI secolo

Home

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp
Telegram
Stampa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Mariella Belloni
Photo credits: fonte Ella Studio
ID: 374633
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.