Informazione creata ad arte (e cultura)

“L’amore nella voce” di Antoine fuori il 12 giugno

Molti lo ricordano per la sua partecipazione al “Maurizio Costanzo Show” dove incantò la platea con la struggente “Gesù aiutame tu”, scritta per lui dall’amico di sempre Nino D’Angelo. Ma Antoine è stato spesso ospite nei collegamenti Rai da Napoli anche de “La vita in diretta”, è stato protagonista sul piccolo schermo delle serie tv targate Rai “La squadra”, “Un posto al sole” e, recentemente, “Il santone” al fianco di Francesco Paolantoni e Carlotta Natoli. Così come in teatro Antoine si ricorda per aver recitato con registi del calibro di Nino D’Angelo e Carlo Cerciello.
Foto

“L’amore nella voce” di Antoine fuori il 12 giugno

Foto
Molti lo ricordano per la sua partecipazione al “Maurizio Costanzo Show” dove incantò la platea con la struggente “Gesù aiutame tu”, scritta per lui dall’amico di sempre Nino D’Angelo. Ma Antoine è stato spesso ospite nei collegamenti Rai da Napoli anche de “La vita in diretta”, è stato protagonista sul piccolo schermo delle serie tv targate Rai “La squadra”, “Un posto al sole” e, recentemente, “Il santone” al fianco di Francesco Paolantoni e Carlotta Natoli. Così come in teatro Antoine si ricorda per aver recitato con registi del calibro di Nino D’Angelo e Carlo Cerciello.

Ma Antoine è soprattutto un artista meticoloso e innamorato della ricerca musicale. Non ama la popolarità, le luci dei riflettori, la mondanità. Anzi, preferisce molto raccogliersi per riscoprire tante canzoni della tradizione napoletana, come un vero filologo per fare tesoro di questa storia ed inventare qualcosa di nuovo. Un periodo di ricerca sulla canzone ha portato all’uscita di questo nuovo album, “L’amore nella voce”, prodotto dalla “Zeus Record” e in uscita il 12 giugno 2024: «Collaboro da circa 40 anni con la “Zeus Record”, questo album si configura come una antologia, a cui abbiamo dedicato tanto lavoro e tanta passione. “L’amore nella voce”, un lavoro che parla di oggi e di domani, proiettando al futuro speranza e sogni».

Una raccolta di brani – tutti a firma dello stesso artista – che raccontano mille sfaccettature della vita. Analitico ma anche leggero e spensierato che arriva sulla scena con il primo singolo “Staje dint’o core mio”.

Alla realizzazione dell’album hanno collaborato i musicisti Paki Palmieri (batteria), Leo Maddaloni (basso), Paolo Del Vecchio (chitarre elettriche, acustiche e bouzouki), Youssou Mami (percussioni), Nuccio Tortora (tastiere, produzione artistica e arrangiamenti). La tracklist completa è composta da “Staje dint’o core mio”, “Che fine avimma fa”, “Tengo voglia sulo ’e te”, “Tu sì ’na malafemmena”, “L’ammore d’a vita mia”, “E tu ’o ssaje”, “L’anema e ’o core”, “Te chiammo ancora amò”, “I so’ geluso” e “L’ultimo segreto”.

Di forte impatto, e con una melodia originale e incalzante, la voce di Antoine si snoda tra le note e tra le tante emozioni dei testi del suo ultimo album che spronano al coraggio per superare ogni difficoltà di questa vita, che parla d’amore e relazioni: «Questo lavoro per me è innanzitutto una grande passione, con amore scrivo e canto e mi dedico alla musica. Mi ritengo fortunato a poter fare ciò che amo ormai da quarant’anni. La musica per me è vita. È proprio vero che a volte cantando una canzone è possibile entrare in un mondo che ti assomiglia tanto, qualcosa che avevi dentro da sempre, ma che non sei mai riuscito a raccontare come volevi. Questo album è un racconto in musica».

Antoine ha una lunga storia ancorata alla tradizione musicale campana ma, allo stesso tempo, per l’uscita di questo lavoro fa i conti con la realtà che lo circonda: «La promozione dell’album avverrà quasi totalmente tramite social, questo mezzo così potente se utilizzato con efficacia può avere effetti sorprendenti. giustappunto fra le hit, ci sarà una canzone che canto in coppia con una nota Katia Zaia, è necessario stare al passo coi tempi. La canzone con la Zaia parla di gelosia e di rapporti particolari, un testo che vuole inviare un messaggio perche la musica e l’arte hanno anche questo ruolo divulgativo».

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Silvia De Cesare
ID: 399414
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.