Informazione creata ad arte (e cultura)

John Malkovich: una “maschera” di grande talento

I settant’anni del grande attore americano
Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci

John Malkovich: una “maschera” di grande talento

Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
I settant’anni del grande attore americano

Oggi è il 9 Dicembre ed in questo giorno, nel 1953, a Christopher, nell’Illinois, U.S.A., nasceva il grande attore John Malkovich. Oltre ad essere un bravissimo attore, John Malkovich opera anche come regista, produttore teatrale, televisivo e cinematografico e stilista. Frequentò i corsi di recitazione all’Università Statale dell’Illinois e durante la permanenza all’Università (che non finì) ebbe la prima esperienza teatrale. Nel 1976 si trasferì a Chicago dove insieme ad altri sette attori fondò una compagnia teatrale con la quale partecipò ad oltre cinquanta spettacoli teatrali. Nel 1983 si trasferì a New York e nel 1984 debuttò a Broadway con Dustin Hoffman in “Morte di Un Commesso Viaggiatore”. Vinse subito il prestigioso “Emmy Award” quando lo spettacolo venne trasposto in film per la TV. Dopo varie esperienze in film televisivi debuttò nel cinema con la partecipazione al film “Le Stagioni del Cuore”, per il quale venne subito candidato all’Oscar come migliore attore non protagonista. Da quel momento fu un susseguirsi di importanti ruoli e di grande successo, venendo candidato all’Oscar più volte e lavorando con i più grandi attori e registi internazionali. Nel 2002 iniziò anche la sua attività di regista. Viene considerato come uno dei più prestigiosi e bravi attori a livello mondiale. Possiamo ricordare le sue partecipazioni a film come “Lo Zoodi Vetro” (regia di Paul Newman), “L’Impero del Sole” (Steven Spielberg), “Il Tè Nel Deserto” (Bernardo Bertolucci), “Ombre e Nebbia” (Woody Allen), “Al di Là Delle Nuvole” (Michelangelo Antonioni e Wim Wenders), “Il Gioco di Ripley” (Liliana Cavani), “La Leggenda di Beowulf” (Robert Zemeckis), “Changeling” (Clint Eastwood), “Educazione Siberiana” (Gabriele Salvatores), “Shattered – L’Inganno” (Louis Prieto)m, “White Elephant – Codice Criminale” (Jesse V. Johnson).

Questa mia opera a carboncino è in suo omaggio.

Bruno Pollacci
Direttore dell’Accademia d’Arte di Pisa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
ID: 388558
Licenza di distribuzione:
Picture of Bruno Pollacci

Bruno Pollacci

Pittore. Nato a Lucca nel 1954, vive e lavora a Pisa. Ha conseguito il Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lucca ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Maestro Fernando Farulli. Ha iniziato l'attività artistica nel 1968. Nel 1978, con il pittore Marco Menghelli, ha fondato l'Accademia d'Arte di Pisa, che tutt'ora dirige e nella quale insegna Pittura e Disegno.