Informazione creata ad arte (e cultura)

Insolita Comune è sbocciato a Nardò, nel cuore del Salento

Progetto originale e sfidante di uno spazio dedicato alle arti e alla creatività.
Foto

Insolita Comune è sbocciato a Nardò, nel cuore del Salento

Foto
Progetto originale e sfidante di uno spazio dedicato alle arti e alla creatività.

Di come si faccia esperienza dell’arte, Insolita Comune ha tracciato la propria via: dal 24 giugno 2023, data di inaugurazione, a fine settembre, la prima stagione di vita di Insolita assume l’identità della contaminazione costante fra forme d’arte: la letteratura, la scultura, l’artigianato, il design, il vino, il cibo… un mescolare i confini nei territori della bellezza, del gusto, della tradizione, della creatività, talvolta della provocazione. E’ stata, è e sarà anche una sfida imprenditoriale per QuattordiciA Comunicazione la società di Alessandra Martino e Silvia Priore, che ha dato vita al progetto.

Alessandra ne è l’anima, suo il recupero dei due piani con terrazza mozzafiato nel centro storico neretino e la gestione in loco. Alessandra conosce bene la propria terra d’origine ed ha lavorato e viaggiato nel mondo e anche per questo sa quanto il Salento possa dare a chi vi dedica passione ed energie.

1+1 fa 2 ma quando si condividono valori, obiettivi e qui anche amicizia e affetti, allora la somma fa 5, 10, 100 e più.

All’impresa del concept store hanno collaborato senza confini di competenza il direttore Artistico Alex Ezra Fornari, la solare, creativa e anima di INSOLITA sin dal primo minuto Antonella Zanti, costante sostenitrice e pronta a studiare nuove composizioni e temi, Stefania Martino in prima linea a ricevere i visitatori e a raccontare il nostro progetto, le organizzatrici Luciana Orlandi e Francesca Martino e la Cucina Itinerante di Silvia Rossitto. E naturalmente gli artisti che hanno trovato ad Insolita Comune un luogo e delle persone in sintonia con le loro creazioni. Per tutti coloro che la frequentano Insolita Comune è un centro vitale, un motore di stimoli, un incontrarsi e intessere relazioni attorno alla creatività e alla cultura come è stato nella prestigiosa rassegna letteraria di luglio.

L’impegno di Insolita Comune è in linea con la pratica dell’accoglienza turistica a Nardò, che si è sviluppata con il recupero e l’affitto di residenze di valore storico e culturale, da privato a privato, una modalità indispensabile per preservare la Regione dal prevalere eccessivo di strutture turistiche invadenti, moderne, in forma di villaggio turistico, o fuori contesto. Queste sono una risposta speculativa del tutto contraria all’ottica di conservare, valorizzare e del rispettare ciò che già esiste, insieme alla popolazione autoctona, che ne ricava lavoro e prosperità. Promuovere l’arte e la creatività locale mettendola in contatto con artisti e opere di diverso influsso è un progetto di qualità che manifesta l’amore per la terra salentina.

Artisti e creativi in questa stagione (in ordine alfabetico): Roberta Fracella, John & Pepe EcoArt, Madia Daniela Massagli, Mirto Ceramic, Rito Collection, Seggia, Dario Tarantino, i brand Creanto, borse di Stef, Suendo Handmade e Patrizia Esse

Roberta Fracella si dedica con ingegno e professionalità alla realizzazione di opere materiche. Il colore bianco è cromatismo primario ed esclusivo utilizzato nelle sue opere, plasma e modella con passione dando vita a figure geometriche, composizioni simmetriche oppure libere dal preordinato, coinvolgenti ed eleganti. Arte intesa come trasporto di sentimenti, ma vista anche come abile tecnica di rappresentazione. Non ci sono limiti allo scenario da rappresentare per riuscire a cogliere l’interesse degli osservatori e degli estimatori, esso infatti per l’artista deve sempre essere costituito da ricchi ed incommensurabili valori che solo un animo sensibile, quale é il suo, riesce a catalogare ed a fondere con il pensiero sempre rivolto verso la profondità dei valori dell’arte.
Instagram Robertafracella

John & Pepe EcoArt – Le cornici Arte di ricomposizione materica
Diamo eternità alla relazione tra carta, legno, gesso, tessuto e corda utilizzando ciò di cui c’è eccesso e
scarto, trattandolo come un materiale prezioso, nuovo, duttile, da reinventare. Attraverso materiali di riciclo, rappresentiamo quelli già esistenti in natura grazie ad antiche tecniche artigiane italiane del ‘700. Creiamo pezzi unici ecocompatibili, naturali e resistenti.
Instagram john_and_pepevintage_it

Madia Daniela Massagli
Il processo creativo inizia lungo la riva del mare, durante lunghe passeggiate fatte con lo sguardo rivolto verso il basso e si concretizza all’interno di una piccola “suppinna”, dando vita ad assemblaggi polimaterici in cui il primo maestro è il mare, artefice di linee e curve, rugosità e levigatezza. In questa fase la mia arte è nella scelta, lenta e capillare, dei materiali che il mare restituisce, per poi coniugare tra loro forme, dimensioni, spessori, colori, in un personale concetto delle proporzioni e dei significati, all’insegna del recupero e del riuso.In questo percorso la sfida è trasformare i difetti in caratteristiche, le imperfezioni in bellezza. Ogni progetto, che sia “Paesi sotto il mare”, “Paesi sottosopra”, “Messapiche”, è la rappresentazione di una dimensione introspettiva dell’uomo, che non dice del male di vivere ma canta la gioia del presente. Mentre lavoro, infatti, non c’è passato da rimpiangere né futuro da rincorrere.
instagram madia_daniela_massagli

Mirto Ceramic
Mirto è un’isola sospesa a mezz’aria nel bel mezzo dal mar Mediterraneo. Piena di palme, è riempita dalle cose e creature che le correnti vi portano: mostri antichi, pesci e uccelli di ogni specie, burattini, babbucce, lampade ancora accese e talvolta interi libri di fiabe. Tra una tempesta e l’altra, il caldo sole dell’eterna estate. L’arsura, la contemplazione dell’ozio.
Instagram mirtoceramic

Enrica Marangio e Massimo Maci: Rito Collection
Rito Collection atelier è una piccola realtà artigianale specializzata nella vetrofusione attiva dal 2017 tra Lecce e Venezia; nata dalla collaborazione di Massimo Maci, artigiano con esperienza ventennale nella vetrofusione, ed Enrica Anastasia Marangio product e fashion designer. Le passioni dei due si fondono in una linea di gioielli ed una di complementi d’arredo, connessi all’artigianato del territorio salentino ma con uno spirito critico e innovativo. Oltre la loro produzione realizzano progetti tailor-made, collaborando anche con piccole aziende, designer, architetti ed artisti. Un lavoro legato alla piccola produzione, all’attenzione per i materiali e al processo di lavorazione, che fa emergere l’amore per la materia, la luce e le forme. Oggetti unici, che evocano riti estatici e quella dimensione magica tipica della terra da cui tutto ha origine.
instagram.com/__rito_collection_atelier/

SEGGIA di Stefania Martino
Dalla moda al design dei mobili il passo è stato breve. Avevo in mente gli accostamenti dei colori e il gusto dei pattern nei tessuti quando ho scoperto che intrecciare sedie era la stessa questione di mettere insieme trama e ordito, come in un telaio tessile. Arrivare dal mondo della moda dove tutto è già troppo tardi e scoprire l’arte zen di intrecciare le sedie a mano. Sbagliare, disfare e ricominciare fino ad un risultato voluto è il migliore esercizio zen di meditazione. Il gusto di recuperare qualcosa di vecchio, destinato a essere buttato via, per dargli una nuova vita. Sedie e poltroncine hanno così il sapore dell’antico in una nuova prospettiva moderna. il materiale di intreccio è un tecnicissimo polipropilene, che coniuga proprietà di resistenza e durevolezza, ma con tatto morbido ed opaco, ideale per arredare spazi contemporanei.
Instagram stefaniamartinoseggia

Dario Tarantino
Figlio del Salento. Figlio di padri che lavorano la pietra, da sempre. La plasmano, la trasformano e le restituiscono la vita. “In questo ambiente sono cresciuto ed è qui che ho incontrato l’arte. Quella stessa arte che ho studiato da ragazzo e che ora incarno, adulto, nella forma dell’argilla. Di quest’arte mi nutro e, attraverso quest’arte scopro la presenza di quello stesso mistero che tutto crea e che oggi guida le mie mani”.

Quando l’arte incontra la storia
La Storia delle Donne
Quelle che lottano e che rinascono
E volano
Ma hanno bisogno di una base solida da cui partire e una linea flessibile su cui appoggiarsi, giusto un po’.
Il grembo che fa da perno, vitale e che accoglie la vita.
Gambe flessuose e scattanti e braccia lunghe che diventano ali.
È una tensione placida e consapevole, finalmente!

L’artista Dario Tarantino così le vede e così le rappresenta.
Non le intrappola, le libera e dà loro la possibilità di prendere nuove forme.
Tienimi e non Trattienimi!
Sono mani rispettose quelle che plasmano queste figure.
Il messaggio arriva forte e chiaro
https://www.dariotarantinogallery.com/project – SOStienimi – https://www.dariotarantino.comhttps://www.instagram.com/dario.tarantino.arte/

Le borse di Stef
Io e la mia vecchia Singer JA81674 B qualche anno fa abbiamo iniziato una nuova avventura, immaginiamo, creiamo realizziamo “Le borse di Stef”. Gioco, ricerca, struttura, colore, insomma un caos di pensieri si rincorrono in nuove idee e magie. Le borse di Stef contengono momenti di vita che ci appartengono e portiamo con noi.
Instagram @le_borse_di-stef

Patrizia Esse
Patrizia è una infaticabile creatrice di nuove forme di manufatti, realizzati in tessuto e non. Per lei ogni materiale è fonte di ispirazione, il filo per creare con i ferri o all’uncinetto o addirittura a macchina per maglieria, ogni tipo di tessuto, il ricamo; è sempre una nova sfida. Che sia per la persona o per la casa. L’unicità della sua ricerca la unisce alla filosofia di INSOLITA che in questo vede il grande valore della sua esposizione.

Suendo Handmade: Mariapia, Monica e Veronica
Suendo handmade con amore (e qualche errore). Suendo, dal latino suere che significa cucire. Nasce dalla passione per colori, filati, knitting e crochet di tre generazioni di donne: Mariapia, la nonna, che ha trasmesso tutte le sue conoscenze su lane, cotoni, ferri e uncinetti; Monica, la figlia, una vita dedicata alla comunicazione e all’organizzazione di eventi; Veronica, laureanda di Medicina. Come dicono sempre, dopo avere riempito gli armadi di parenti e amici con i loro lavori, hanno deciso di mettere a frutto le loro abilità, iniziando una produzione di accessori per l’abbigliamento e la casa. Una garanzia: ogni capo ed ogni oggetto che prendono vita dalle loro mani sono sicuramente un pezzo unico.
Instagram suendo_handmade

CREANTO di Antonella Zanti
Linea di manufatti in tessuto creati da Antonella; la sua continua ricerca di stoffe vintage e non, per realizzare borse, cuscini e altri complementi d’arredo. Per Antonella è fondamentale realizzare pezzi unici, e quella dell’esclusività e precisamente la sua filosofia. Dalla nuova interpretazione del mobiletto classico in velluto, rielaborato con stoffe anni 50 ai cuscini in pregiato velluto dévoré. I tessuti sono il suo paradiso gelosamente custoditi nell’ “armadio delle meraviglie” all’interno di Insolita. Pochi fortunati sono riusciti a sbirciare il suo tesoro.
Instagram Creanto.re
Zantonella58

Nardò è una cittadina situata in Salento. Siamo nel tacco d’Italia, una lingua di terra che comprende interamente la provincia di Lecce e parte di quella di Brindisi e Taranto; si affaccia su due mari: l’Adriatico a levante, lo Ionio a ponente. Il clima è mite durante l’inverno, con temperature che raramente scendono sotto i 10 gradi centigradi ed estive da aprile a fine ottobre. Nel Salento il turismo inizia a svilupparsi in tutte le sue forme: culturale, balneare, enogastronomico, ecc. Ma uno degli aspetti più interessanti è la sua tradizione e cultura, straordinariamente preservata dal fatto che non è una terra di passaggio. In Salento finisce la terra, Santa Maria di Leuca è “finibus terrae”, in Salento non passi per caso, ci arrivi solo perché vuoi farlo.

Alessandra Martino è originaria di Lecce, laurea al DAMS in cinema e teatro. Ama la musica che ha vissuto anche direttamente come batterista, si è occupata professionalmente di moda, ufficio stampa prevalentemente nel settore del turismo, organizzatrice con capacità di relazione, comunicative e creative. Silvia Priore ha origini pugliesi tra Bari e Taranto, una vita in Emilia Romagna, assieme ad Alessandra da 20 anni si occupa di comunicazione, ufficio stampa, progettazione e realizzazione di eventi. La loro attività ha sede a Bologna e a Nardò.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Silvia Priore
ID: 383015
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.