Informazione creata ad arte (e cultura)

Il Palazzo Topkapi. Museo a Istanbul

Come PALAZZO IMPERIALE OTTOMANO ospitò tutti i sultani ottomani fino al regno di Abdulmecid I (1839-1860), un periodo di quasi quattro secoli.
Foto di Carlos Delgado, CC BY-SA 3.0

Il Palazzo Topkapi. Museo a Istanbul

Foto di Carlos Delgado, CC BY-SA 3.0
Come PALAZZO IMPERIALE OTTOMANO ospitò tutti i sultani ottomani fino al regno di Abdulmecid I (1839-1860), un periodo di quasi quattro secoli.

Il Palazzo Topkapı e l’Harem (Topkapı Sarayı) hanno probabilmente storie più pittoresche della maggior parte dei musei del mondo messi insieme. Sultani libidinosi, cortigiani ambiziosi, bellissime concubine ed eunuchi intriganti vissero e lavorarono qui tra il XV e il XIX secolo, quando era la corte dell’impero ottomano. Una visita agli opulenti padiglioni del palazzo, al Tesoro pieno di gioielli e al vasto Harem offre uno sguardo affascinante sulle loro vite.

Ha molte sale espositive, una sezione del Tesoro e un Harem.

Mehmet il Conquistatore costruì la prima parte del palazzo poco dopo la Conquista nel 1453, e visse qui fino alla sua morte nel 1481. I sultani successivi vissero in questo ambiente rarefatto fino al XIX secolo, quando si trasferirono nei pomposi palazzi in stile europeo che costruirono. sulle rive del Bosforo. Prima di entrare nella Porta Imperiale del palazzo (Bab-ı Hümayun), dai un’occhiata alla struttura decorata nella piazza acciottolata appena fuori. Questa è la Fontana del Sultano Ahmet III in stile rococò, costruita nel 1728 dal sultano che prediligeva i tulipani. La biglietteria principale si trova nel Primo Cortile, appena prima del cancello del Secondo Cortile.

Il Palazzo Topkapi ospitò tutti i sultani ottomani fino al regno di Abdulmecid I (1839-1860), un periodo di quasi quattro secoli.

Prima Corte

Attraversa la Porta Imperiale nella Prima Corte, conosciuta come la Corte dei Giannizzeri o la Corte della Parata. Alla vostra sinistra il primo edificio è Konyali Lokantası (ristorante), poi il monumento successivo è il Museo di Hagia Irene , una chiesa bizantina di Hagia Eirene, più comunemente conosciuta come Aya İrini. La terza struttura è l’ex Zecca Imperiale (Darphane-i Âmire, costruita nel 1727) che chiamò Amministrazione Imperiale Ottomana della Valuta [Meskûkât-ı Şâhâne] dopo la Riforma Tanzimat.

Seconda Corte

La Porta Centrale (Ortakapı o Bab-üs Selâm) conduceva alla Seconda Corte del palazzo, utilizzata per le attività di gestione dell’impero. In epoca ottomana, solo al sultano e alla valide sultan (madre del sultano) era consentito attraversare la Porta Centrale a cavallo. Tutti gli altri, compreso il gran visir, dovettero smontare.

La Seconda Corte ha una bellissima cornice simile a un parco. A differenza dei tipici palazzi europei, che presentano un grande edificio con giardini periferici, Topkapı è una serie di padiglioni, cucine, caserme, sale delle udienze, chioschi e dormitori costruiti attorno a un recinto centrale. Le grandi cucine del palazzo sulla destra (est) quando entri incorporano un Helvahane dedicato (cucina di dolciumi). Contengono una piccola parte della vasta collezione di porcellana celadon cinese di Topkapi, apprezzata dai sultani per la sua bellezza ma anche perché si diceva che cambiasse colore se toccata da cibo avvelenato.

Sul lato sinistro (ovest) della Seconda Corte si trova la ricca Camera del Consiglio Imperiale (Dîvân-ı Hümâyûn). Il consiglio si riuniva qui per discutere questioni di stato, e il sultano a volte origliava attraverso la grata dorata in alto nel muro. La stanza a destra espone gli orologi della collezione del palazzo.

A nord della Camera del Consiglio Imperiale si trova il Tesoro Esterno, dove è esposta un’impressionante collezione di armi e armature ottomane ed europee.

Sezione dell’Harem

L’ingresso all’Harem si trova sotto la Torre di Giustizia, sul lato occidentale della Seconda Corte. Se decidi di visitarlo – e ti consigliamo vivamente di farlo – dovrai acquistare un biglietto dedicato. Il percorso del visitatore attraverso l’Harem cambia quando le stanze sono chiuse per restauro o stabilizzazione, quindi alcune delle aree qui menzionate potrebbero non essere aperte durante la visita.

Secondo la credenza popolare, l’Harem era un luogo in cui il sultano poteva dedicarsi alla dissolutezza a suo piacimento. Nella realtà più prosaica, questi erano i quartieri della famiglia imperiale, e ogni dettaglio della vita dell’Harem era governato da tradizione, obblighi e cerimonie. La parola “harem” significa letteralmente “proibito” o “privato”.

I sultani sostenevano fino a 300 concubine nell’Harem, sebbene il numero fosse solitamente inferiore. Entrando nell’Harem, le ragazze venivano istruite nell’Islam e nella cultura e lingua turca, così come nelle arti del trucco, dell’abbigliamento, del comportamento, della musica, della lettura, della scrittura, del ricamo e della danza. Entravano quindi in una meritocrazia, prima come dame di compagnia delle concubine e dei figli del sultano, poi del valide sultan e infine, se erano particolarmente attraenti e talentuose, del sultano stesso.

La legge islamica consentiva al sultano di avere quattro mogli legittime, che ricevevano il titolo di kadın (moglie). Se una moglie gli dava un figlio veniva chiamata haseki sultan; se gli avesse dato una figlia, haseki kadın. A governare l’Harem era la valide sultano, che spesso possedeva grandi proprietà terriere a suo nome e le controllava tramite servitori eunuchi neri. In grado di dare ordini direttamente al gran visir, la sua influenza sul sultano, sulle sue mogli e concubine e sulle questioni di stato era spesso profonda.

Le prime delle circa 300 stanze dell’Harem furono costruite durante il regno di Murat III (r 1574–95); gli harem dei precedenti sultani si trovavano nell’ormai demolito Eski Sarayı (Palazzo Vecchio), vicino all’attuale Beyazıt Meydanı.

Il complesso dell’Harem è composto da sei piani, ma solo uno di questi è visitabile. A questo si accede tramite il Cancello delle Carrozze. Accanto al cancello si trova il Dormitorio del Corpo delle Guardie del Palazzo, una struttura a due piani meticolosamente restaurata con fasce di magnifiche piastrelle di İznik del XVI e XVII secolo. All’interno del cancello si trova la Cupola con Armadi, la tesoreria dell’Harem dove venivano conservati i registri finanziari. Al di là si trova la Sala con la Fontana, rivestita con pregiate piastrelle Kütahya del XVII secolo con motivi botanici e iscrizioni del Corano e che ospita un blocco di marmo per la monta dei cavalli un tempo utilizzato dai sultani. Adiacente a questa c’è la Moschea degli Eunuchi Neri, che presenta raffigurazioni della Mecca sulle sue piastrelle del XVII secolo.

Al di là di questa stanza si trova il Cortile degli Eunuchi Neri, anch’esso decorato con piastrelle Kütahya. Dietro il colonnato di marmo a sinistra ci sono i Dormitori degli Eunuchi Neri. All’inizio venivano usati eunuchi bianchi, ma in seguito presero il controllo gli eunuchi neri inviati come regali dal governatore ottomano dell’Egitto. Qui vivevano circa 200 persone, a guardia delle porte e al servizio delle donne dell’Harem.

All’estremità del cortile c’è il cancello principale dell’Harem, nonché una sala delle guardie con due giganteschi specchi dorati. Da qui, il Corridoio delle Concubine conduce a sinistra al Cortile delle Concubine e delle Consorti del Sultano. Questo è circondato da terme, una fontana lavatoio, una lavanderia, dormitori e appartamenti privati.

Attraverso il Corridoio delle Concubine dal cortile si trova una stanza decorata con un camino piastrellato, seguita dagli Appartamenti del Valide Sultan, il centro del potere nell’Harem. Da queste stanze riccamente ornate il valide sultano supervisionava e controllava la sua enorme “famiglia”. Di particolare rilievo è il Salon of the Valide Sultan con i suoi deliziosi murales del XIX secolo con vedute bucoliche di Istanbul e un grazioso doppio hamam risalente al 1585; le ringhiere in bronzo dorato sono un’aggiunta successiva.

Passato il cortile del Valide Sultan si trova uno splendido salone con un grande camino che conduce ad un vestibolo rivestito in piastrelle di Kütahya e İznik risalenti al XVII secolo. È qui che i principi, il valide sultano e le concubine anziane aspettavano prima di entrare nella bella Sala Imperiale per un’udienza con il sultano. Costruita durante il regno di Murat III, la sala fu ridecorata in stile barocco per ordine di Osman III (r 1754–57).

Nelle vicinanze si trova la Camera Privata di Murat III, una delle stanze più sontuose del palazzo. Risalente al 1578, praticamente tutta la sua decorazione è originale e si pensa sia opera di Sinan. La fontana in marmo restaurata a tre livelli è stata progettata per riprodurre il suono dell’acqua che scorre e per rendere difficile origliare le conversazioni del sultano. Le aree salotto con baldacchino dorato sono aggiunte successive del XVIII secolo.

Accanto si trova la Camera Privata di Ahmet III e l’attigua sala da pranzo costruita nel 1705. Quest’ultima è rivestita con pannelli di legno decorati con immagini di fiori e frutti dipinti in lacca.

Attraverso la Camera Privata di Murat III ci sono due delle stanze più belle dell’Harem: il Chiosco/Appartamento Gemello del Principe Ereditario. Queste due sale risalgono al 1600 circa; da notare la cupola in tela dipinta nella prima stanza e i pregiati pannelli di piastrelle di İznik sopra il camino nella seconda. Degna di nota è anche la vetrata. Oltre queste stanze c’è il Cortile dei Favoriti. Oltre il bordo del cortile (in realtà una terrazza) vedrai una grande piscina vuota. Sul cortile si affacciano le minuscole finestre delle tante piccole stanze buie che costituivano i kafes (gabbia) dove venivano imprigionati i fratelli o i figli del sultano. Adiacente si trova la Moschea Harem piastrellata con il suo mihrab barocco (nicchia in un minareto che indica la direzione della Mecca). Da qui puoi seguire il passaggio noto come la Strada d’Oro ed uscire nella Terza Corte del palazzo.

Terza Corte

Alla Terza Corte si accede attraverso la Porta della Felicità . Dominio privato del sultano, era presidiato e sorvegliato da eunuchi bianchi. All’interno si trova la Sala delle Udienze, costruita nel XVI secolo ma ristrutturata nel XVIII secolo. Importanti funzionari e ambasciatori stranieri venivano portati in questo piccolo chiosco per condurre gli alti affari di stato. Il sultano, seduto su un enorme divano, ispezionò i doni e le offerte degli ambasciatori mentre attraversavano la porta di sinistra. Proprio dietro la Sala delle Udienze si trova la graziosa Biblioteca di Ahmet III, costruita nel 1719.

Sul bordo orientale della Terza Corte si trova il Dormitorio del Corpo di Spedizione, che al momento delle ricerche era chiuso per restauri. Quando riaprirà ospiterà la ricca collezione del palazzo di abiti imperiali, caftani e uniformi lavorate in fili d’argento e d’oro. Dall’altro lato della Terza Corte si trovano le Sacre Stanze della Custodia. Queste stanze, sontuosamente decorate con piastrelle di İznik, ospitano molte reliquie del Profeta. Quando qui vivevano i sultani, le stanze venivano aperte solo una volta all’anno, affinché la famiglia imperiale rendesse omaggio alla memoria del Profeta il 15° giorno del mese sacro di Ramazan. Accanto alle sacre Stanze di Custodia si trova il Dormitorio della Camera Privata, che ospita una mostra di ritratti di 36 sultani.

Tesoro Imperiale

Situato all’estremità orientale della Terza Corte, il Tesoro di Topkapı presenta un’incredibile collezione di oggetti realizzati o decorati con oro, argento, rubini, smeraldi, giada, perle e diamanti. L’edificio stesso fu costruito durante il regno di Maometto il Conquistatore nel 1460 e originariamente veniva utilizzato come sale di ricevimento. L’ultima volta che l’abbiamo visitato era chiuso per un importante restauro. Quando riaprirà, cerca la Spada di Solimano il Magnifico tempestata di gioielli e lo straordinario Trono di Ahmed I (noto anche come Trono di Arife), intarsiato di madreperla e progettato da Sedefhar Mehmet Ağa, architetto di la Moschea Blu. E non perderti il famoso pugnale Topkapı del Tesoro, oggetto della rapina criminale nel film Topkapı di Jules Dassin del 1964. Questo presenta tre enormi smeraldi sull’elsa e un orologio incastonato nel pomo. Vale la pena cercare anche il diamante Kasıkçı (fabbricante di cucchiai) , una roccia da 86 carati a forma di lacrima circondata da dozzine di pietre più piccole che fu indossata per la prima volta da Mehmet IV al momento della sua ascesa al trono nel 1648.

Quarta Corte

I padiglioni del piacere occupano la Quarta Corte del palazzo. Questi includono il chiosco Mecidiye, costruito da Abdül Mecit (r 1839–1861) secondo i modelli europei del XIX secolo. Sotto c’è il ristorante Konyalı, che offre splendide viste dalla sua terrazza ma è deluso dalla qualità e dal prezzo del suo cibo. A pochi passi dal chiosco Mecidiye c’è il padiglione del primario. È interessante notare che il primario era sempre uno dei sudditi ebrei del sultano. Su questa terrazza troverai anche il chiosco di Mustafa Pasha, a volte chiamato Divano Köşkü. Durante il regno di Ahmet III, il Giardino dei Tulipani fuori dal chiosco era pieno delle ultime varietà di fiori.

Salendo le scale alla fine del Giardino dei Tulipani si trova la Terrazza di Marmo, una piattaforma con una piscina decorativa, tre padiglioni e la stravagante İftariye Kameriyesi, una piccola struttura commissionata da İbrahim I (“il Pazzo”) nel 1640 come luogo pittoresco dove rompere il digiuno di Ramazan. Murat IV costruì il chiosco Revan nel 1636 dopo aver riconquistato la città di Yerevan (ora in Armenia) dalla Persia. Nel 1639 costruì il Baghdad Kiosk, uno degli ultimi esempi di architettura di palazzo classica, per commemorare la sua vittoria su quella città. Notate le sue superbe piastrelle di İznik, il soffitto dipinto e gli intarsi in madreperla e tartaruga. La piccola stanza della circoncisione (Sünnet Odası) veniva utilizzata per il rituale che ammette i ragazzi musulmani all’età adulta. Costruita da İbrahim I nel 1640, le pareti esterne della camera sono abbellite da pannelli di piastrelle particolarmente belli.

 

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giancarlo Garoia
Foto di Carlos Delgado, CC BY-SA 3.0
ID: 383568
Licenza di distribuzione:
Picture of Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.