Informazione creata ad arte (e cultura)

Il Museo Vichingo sotterraneo nel centro di Aarhus (DK)

Il Museo Vichingo di Aarhus non è solo un’attrazione turistica, ma un importante centro di ricerca e di educazione che permette ai visitatori di immergersi completamente nella storia vichinga.
Il Museo Vichingo sotterraneo nel centro di Aarhus
Leif Jørgensen – Own work, CC BY-SA 4.0

Il Museo Vichingo sotterraneo nel centro di Aarhus (DK)

Il Museo Vichingo sotterraneo nel centro di Aarhus
Leif Jørgensen – Own work, CC BY-SA 4.0
Il Museo Vichingo di Aarhus non è solo un’attrazione turistica, ma un importante centro di ricerca e di educazione che permette ai visitatori di immergersi completamente nella storia vichinga.

l Museo Vichingo di Aarhus, situato sotto l’edificio della banca Nordea nella piazza di San Clemente (Sankt Clemens Torv), nel cuore di Aarhus, Danimarca, è un luogo di notevole interesse storico e culturale. Fondato nel 1968 e amministrato dal Museo Moesgård, il museo beneficia del sostegno del Comune di Aarhus e della banca Nordea. La sua posizione unica, letteralmente sopra la città storica di Aros, permette ai visitatori di calarsi tre metri sotto il livello della strada moderna, viaggiando indietro nel tempo fino all’epoca vichinga.

Scoperta e Restauro del Sito

Le origini del Museo Vichingo risalgono agli scavi del 1963-1964, condotti durante la costruzione di un edificio per uffici, quando furono scoperte varie strutture, oggetti e persino resti umani risalenti all’età vichinga. Successivamente, nel 2008, il museo è stato oggetto di una significativa ristrutturazione, che ha migliorato l’accessibilità e l’esposizione delle collezioni.

La Mostra “RITORNO ALL’ERA VICHINGA”

La mostra principale, “Vikingernes Aros,” offre un’affascinante ricostruzione della città di Aros, basata sugli scavi archeologici condotti proprio nel sito del museo. I visitatori possono esplorare i resti di piccole case a fossa e di una strada in assi, scoprendo gli oggetti della vita quotidiana di oltre mille anni fa, conservati nei depositi di rifiuti accumulatisi nel corso dei secoli.

Dinamiche Urbane e Difensive

L’esposizione illumina anche sulle dinamiche difensive della città vichinga. Intorno all’anno 934, dopo l’attacco all’importante città commerciale di Hedeby, il re danese Gorm il Vecchio fortificò Aros con un bastione impressionante, successivamente rafforzato da Harald Blåtand verso la fine del X secolo. Questi sforzi difensivi sono documentati nella mostra, che rappresenta anche le attività commerciali e la vita quotidiana all’interno e all’esterno del bastione.

Interattività e Impatto Culturale

Un aspetto particolarmente coinvolgente del museo è la possibilità di seguire un attacco alla città attraverso una simulazione interattiva, che mostra una flotta di navi lunghe avvicinarsi da nord, con una catena di razzi che trasmette un segnale di allarme. All’interno del bastione, la mostra dettaglia la disposizione delle abitazioni residenziali e degli annessi, con reperti ben conservati esposti accanto ai contorni delle strutture abitative.

Il Museo Vichingo di Aarhus non è solo un’attrazione turistica, ma un importante centro di ricerca e di educazione che permette ai visitatori di immergersi completamente nella storia vichinga. Con le sue esibizioni dettagliate e il suo impegno nella conservazione storica, il museo serve come un prezioso custode del patrimonio culturale nordico, offrendo allo stesso tempo una finestra sul passato per comprendere meglio le origini della Scandinavia moderna.

INFO:

MUSEO VICHINGO, SOTTO NORDEA
SKT. CLEMENS TORV 6
8000 AARHUS

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giancarlo Garoia
Leif Jørgensen – Own work, CC BY-SA 4.0
ID: 395501
Licenza di distribuzione:
Picture of Emiliano Cecchi

Emiliano Cecchi

Web Designer per la PuntoWeb.Net sas, mi occupo anche di editoria online sin dal lontano 1996. Già ideatore e curatore di vari portali, sono il co-founder di LiquidArte.it dove svolgo anche il ruolo di content manager. Sono appassionato di storia e di tutto quanto può accrescere la mia cultura.