Informazione creata ad arte (e cultura)

Il Museo Nazionale di Archeologia a La Valletta, Malta

La preistoria e la storia antica delle isole maltesi. Con reperti risalenti al periodo neolitico di Malta (5900-2500 a.C.) fino al primo periodo fenicio (VIII-VI secolo a.C.).
Foto

Il Museo Nazionale di Archeologia a La Valletta, Malta

Foto
La preistoria e la storia antica delle isole maltesi. Con reperti risalenti al periodo neolitico di Malta (5900-2500 a.C.) fino al primo periodo fenicio (VIII-VI secolo a.C.).

Gran Salone

Una collezione spettacolare e un’esperienza affascinante della preistoria e della storia antica delle isole maltesi. Con reperti risalenti al periodo neolitico di Malta (5900-2500 a.C.) fino al primo periodo fenicio (VIII-VI secolo a.C.), il Museo Nazionale di Archeologia è sicuramente il primo passo per comprendere la ricchezza della terra che calpesti, della sua gente e i loro antenati. Di grande rilievo La Signora Addormentata, il Sarcofago fenicio e dipinti di Mattia Preti e dei caravaggeschi.

Il piano terra, dedicato al periodo neolitico, espone i primi strumenti e vasi utilizzati dalle popolazioni preistoriche per facilitare le loro attività quotidiane. Le rappresentazioni di figure animali e umane non solo mostrano le avanzate capacità artistiche dei primi isolani, ma ci danno anche uno spaccato della loro vita quotidiana. Scavati dai rinomati siti maltesi del patrimonio mondiale dell’UNESCO, dai templi megalitici e dall’ipogeo di Ħal Saflieni, questi includono punti salienti come “La Signora addormentata”, La Venere di Malta e la statua colossale dei templi di Tarxien.

Il piano superiore attualmente ospita le sezioni dell’età del bronzo e del periodo fenicio. La maggior parte dei manufatti varia in dimensioni, da piccoli vasi rituali a urne funerarie e anfore. Manufatti fenici in vetro e oro insieme a un sarcofago di terracotta di dimensioni impressionanti occupano il posto d’onore in questa sezione.

Il Museo Nazionale di Archeologia è ospitato all’interno dell’Auberge de Provençe, un bell’esempio di barocco fiorito a Malta durante i Cavalieri dell’Ordine di San Giovanni. Risalente al 1571, ospitava la langue della Provenza, in Francia. Un’attrazione di per sé, il piano superiore ospita il Gran Salon, una sala dipinta di dimensioni uniche, con decorazioni risalenti ai primi dell’800. Attualmente viene utilizzato per mostre nazionali e una varietà di eventi come conferenze, sfilate di moda, servizi fotografici e riprese televisive.

Al Museo Nazionale di Archeologia anche mostre temporanee consecutive che normalmente espongono reperti della collezione della riserva .

Dal lunedì alla domenica (chiuso il Venerdì Santo, la vigilia e il giorno di Natale, la vigilia e il giorno di Capodanno): 10:00 – 18:00

L’ultimo ingresso è alle 17:30

Adulti (18+): € 5,00 – Ragazzi (12-17): € 3,50 – Anziani (60+): € 3,50 – Ridotto & Studenti: 3,50€ – Bambini (6-11): € 2,50 – Neonati (1-5): gratis

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giancarlo Garoia
ID: 384106
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.