Informazione creata ad arte (e cultura)

Il Circolo Culturale “L’Agorà” stila il bilancio del 2022 ed organizza il nuovo palinsesto

Il Circolo Culturale “L’Agorà” è comunque riuscito ad organizzare una serie di attività divulgative, alquanto eterogenee, rinnovando anche le nuove edizioni trattate dalla stessa Associazione, si vari temi, come quelle inerenti al periodo napoleonico ed al mito. Diversi confronti con vari Enti e Fondazioni della Penisola italiana, due installazioni multimediali, questi alcuni degli appuntamenti inseriti nello scorso palinsesto.
Foto

Il Circolo Culturale “L’Agorà” stila il bilancio del 2022 ed organizza il nuovo palinsesto

Foto
Il Circolo Culturale “L’Agorà” è comunque riuscito ad organizzare una serie di attività divulgative, alquanto eterogenee, rinnovando anche le nuove edizioni trattate dalla stessa Associazione, si vari temi, come quelle inerenti al periodo napoleonico ed al mito. Diversi confronti con vari Enti e Fondazioni della Penisola italiana, due installazioni multimediali, questi alcuni degli appuntamenti inseriti nello scorso palinsesto.

Quindi il venir meno della possibilità di realizzare eventi in presenza ha determinato la necessità di trasferirli sul digitale. Sono state quindi acquisite nuove competenze per realizzare eventi pubblici da remoto e poi visionabili sui vari canali social.

Nel corso dell’anno 2022 il Circolo Culturale “L’Agorà” si è confrontato, come istituzionalmente e storicamente dimostrato, con altre territorialità amministrative, quali Fondazioni, Comuni, Province, Città Metropolitane, ricevendo, a riguardo le iniziative il patrocinio morali di tali Enti, tenuto conto anche della valenza e bontà delle iniziative organizzate dal Circolo Culturale “L’Agorà”.
Infatti l’Associazione presieduta da Gianni Aiello si è confrontata con diverse Amministrazioni della Penisola italiana con le quali ha iniziato un percorso di collaborazione culturale, coinvolgendo anche sia la classe dirigenziale che politica dei vati Enti, e nel contempo organizzando conversazioni nel corso delle quali sono stati ricordati illustri personaggi di chiara fama internazionale e che hanno dato lustro alla cultura italiana ed ai territori di appartenenza.

Sono stati analizzati in apposite conversazioni i temi relativi a “Il soggiorno di Marco Tullio Cicerone nel territorio di Reggio Calabria” che ha ricevuto il patrocinio dell’Amministrazione Provinciale di Frosinone del Comune di Arpino, registrando i saluti istituzionali da parte del Vice-presidente dell’Amministrazione Provinciale di Frosinone Luigi Vacana (delega ai servizi culturali), del Sindaco di Arpino Renato Rea e dell’Assessore alla Cultura del Comune arpinate Niccolò Casinelli.

“Dino Buzzati nel cinquantesimo della morte” che per la valenza dell’argomento trattato il sodalizio culturale reggino, ha ricevuto un’attestazione di apprezzamento e riconoscimento morale da parte dell’Amministrazione Provinciale di Belluno che ha concesso di buon grado, come evidenziato nei saluti istituzionali da parte del Presidente Roberto Pedrin, il patrocinio dell’Ente.

Altro tema affrontato quello relativo a “La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro” è il titolo della giornata di studi, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà”.

La giornata di studi, organizzata dal sodalizio organizzatore reggino, rappresenta l’inizio di una collaborazione culturale con il Centro Regionale di Speleologia “Enzo dei Medici” alla presenza della dott.ssa Antonella Laino, archeologa e speleologa, attualmente specializzanda in Archeologia Classica presso la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università degli Studi della Basilicata con sede a Matera.

Con il patrocinio dell’Amministrazione di Cremona, il Circolo Culturale “L’Agorà” ha organizzato una conversazione sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Ugo Tognazzi”, che ha registrato i saluti istituzionali da parte del Presidente dell’Amministrazione Provinciale di Cremona Paolo Mirko Signoroni.

Con il patrocinio della Città Metropolitana e del Comune di Genova il Circolo Culturale “L’Agorà” ha organizzato una conversazione sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Vittorio Gassman” con i saluti del sindaco Marco Bucci.

Con il patrocinio della Città Metropolitana di Bologna, il Circolo Culturale “L’Agorà” ha organizzato una conversazione sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini”. Nel corso della giornata di studi si sono registrati i saluti istituzionali da parte della delegata alla Cultura del Comune di Bologna e della Città Metropolitana Elena Di Gioia, investita dal Sindaco Matteo Lepore.

Si è svolta giovedì 20 ottobre la nuova conversazione, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà” sul tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Renata Tebaldi”. L’iniziativa organizzata dal sodalizio culturale reggino ha ricevuto il patrocinio della Fondazione Museo “Renata Tebaldi”, dell’Amministrazione Provinciale di Pesaro-Urbino e del Comune di Pesaro. Registrando i saluti istituzionali da parte di Giovanna Colombo, Presidente della “Renata Tebaldi Fondazione Museo”, del Presidente dell’Amministrazione Provinciale di Pesaro-Urbino, Giuseppe Paolini e dell’Assessore alla Bellezza del Comune di Pesaro Daniele Vimini.

Non per ordine d’importanza ma solo dal punto di vista cronologico, quelli relativi al tema “Nel ricordo di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia” che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Palermo e della Città Metropolitana di Palermo, con i saluti istituzionali da parte della dirigente Attività Culturale Città Metropolitana di Palermo, delegata dal Sindaco professore Roberto Lagalla, Rosa Maria Rosone e quelli dello scrittore Massimo Benenato, figlio di Franco Franchi.

Un’altra conversazione ha riguardato il tema “1922-2022: nel centenario della nascita di Adolfo Celi” che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Messina e della Città Metropolitana di Messina, registrando i saluti istituzionali da parte dell’Assessore alla Cultura e al Turismo Enzo Caruso del Comune di Messina, delegato dal Sindaco Federico Basile.

Altre interessanti iniziative sono state inserite nel calendario annuale del 2022 con argomentazioni alquanto eterogenee che hanno così arricchito il palinsesto allestito dal Circolo Culturale “L’Agorà”. Sono stati argomentati in diverse occasioni i temi relativi ai Bronzi di Riace con il supporto del prof. Riccardo Partinico (Direttore del Laboratorio di Anatomia Archeostatutaria di Reggio Calabria” che hanno registrato oltre mille visualizzazioni sul canale youtube.

Il tema della “Rivolta di Reggio” è stato affrontato in diverse occasioni, registrando la presenza di protagonisti dei “Moti del ‘70”, tra i quali l’onorevole Fortunato Aloi.

Altri temi affrontati sono stati quelli inerenti a “Guerre batteriologiche e pandemie tra storia, finanza, cinema, letteratura” è il filo conduttore che tutto il mese di marzo ha registrato nel corso di una serie di incontri diversi studiosi, tra i quali Francesco Labonia ed Alberto Leoncini.

Altra full immersion quella organizzata nel mese di settembre a riguardo la “Guerra Russia Ucraina: il nuovo scenario globale e le conseguenze per l’Europa” che ha registrato, tra gli altri gli interventi di Laura Schrader (giornalista, scrittrice, Membro del Comitato Internazionale Time Has Come –Freedom for Ocalan –Italia-, Presidente onoraria di Udik-Unione Donne Italiane e kurde) della ricercatrice toscana Elena Pierotti e dell’onorevole Michelangelo Tripodi.

Oltre alla presentazione di libri sono state organizzate la diciannovesima edizione del “5 maggio” e la XXVI edizione denominata “Gioacchino Murat: un Re tra storia e leggenda”.

Tra le altre attività associative, si segnalano quelle relative all’attenzionamento da parte del Circolo Culturale “L’Agorà” a riguardo il degrado urbano, il futuro del patrimonio artistico, alle varie proposte inoltrate all’Amministrazione comunale di Reggio Calabria, ma anche a doverose precisazioni, ricordando che in merito al monumento di Biagio Camagna, lo stesso sodalizio «si rese promotore di una petizione popolare, denominata “Un posto per Camagna” e che venne sostenuta da un migliaio di cittadini reggini», precisazioni necessarie per l’amore della verità, evitando così eventuali “paternità” a riguardo idee progettuali et similia. Tutto ciò per ricordare prima a noi stessi che agli altri, che tale offerta culturale, indirizzata al ritorno del monumento di Biagio Camagna nella piazza omonima a lui dedicata, è opera di una sola Associazione, il Circolo Culturale “L’Agorà” e non […] da numerose associazioni culturali cittadine […] come erroneamente riportato su qualche pagina istituzionale».

Piace ricordare altre due iniziative come la conversazione “2 agosto 1980 – 2 agosto 2022: la storia dimenticata di Francesco Antonio Lascala: il reggino morto nella strage di Bologna”, con Ivan Tripodi, già presidente della V Circoscrizione (Rione Ferrovieri, Stadio, Gebbione). A tal proposito il Circolo Culturale “L’Agorà” indirizzò una richiesta di intitolazione di luogo pubblico al Comune di Reggio Calabria, proposta acquisita d’ufficio al prot. 125802 del 6 agosto 2018 – indirizzata al sindaco, al segretario generale, al presidente della Commissione Toponomastica, al presidente del Consiglio, e a distanza di tempo attende ancora risposta in merito a quella istanza.

Altro gradito ospite è stato il prof. Giuseppe Caridi, accademico e noto studioso degli aspetti sociali, economici, religiosi e politico–amministrativi della Calabria, è autore di numerosi libri, monografie, saggi e articoli. Dal novembre 2000 ricopre l’incarico di Presidente della Deputazione di Storia Patria per la Calabria. Il gradito ospite è stato presente in diversi momenti culturali, tra i quali “Gli Aragonesi di Napoli. Una grande dinastia del Sud nell’Italia delle Signorie” che ha registrato oltre 4mila visualizzazioni sul canale youtube.

Anche per il 2023 le attività associative continueranno, pur se tra le tante difficoltà, con lo stesso entusiasmo che ha caratterizzato e caratterizza le linee programmatiche del Circolo Culturale “L’Agorà”. Proprio quest’anno il sodalizio reggino raggiunge un altro importante obiettivo: quello del trentennale di attività nel campo della cultura e della ricerca delle radici storiche del territorio. Un luogo di incontri di varie culture, aspetti questi dimenticati o poco conosciuti dal Palazzo e che invece il Circolo Culturale “L’Agorà” ricorda e fa ricordare con appositi incontri utili allo scopo.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Giovanni Aiello
ID: 372112
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.