Informazione creata ad arte (e cultura)

IL CINEMA DI MICHAEL CIMINO di Giampiero Frasca

In concomitanza con l’uscita in sala della versione restaurata del film “Il cacciatore”, Gremese ripropone in libreria il saggio dedicato ad un regista dalla fugace e osteggiata carriera.
fonte ufficio stampa Grenese
Photo credits: fonte ufficio stampa Grenese

IL CINEMA DI MICHAEL CIMINO di Giampiero Frasca

fonte ufficio stampa Grenese
Photo credits: fonte ufficio stampa Grenese
In concomitanza con l’uscita in sala della versione restaurata del film “Il cacciatore”, Gremese ripropone in libreria il saggio dedicato ad un regista dalla fugace e osteggiata carriera.

Sempre disponibile in libreria e nei negozi online il saggio scritto da Giampiero Frasca e pubblicato da Gremese su uno dei più celebri registi del cinema americano a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta: Michael Cimino. Una lettura consigliata in concomitanza con l’uscita nelle sale cinematografiche, a 45 anni di distanza, della versione restaurata di uno dei suoi film più premiati e discussi: “Il cacciatore”.

Il cinema di Michael Cimino è una completa monografia dedicata ad un artista colto e ambizioso – che con il suo cinema ha suscitato aspri dibattiti – e che ha avuto, nell’arco di un paio di anni, tanto una rapidissima ascesa quanto un’altrettanto repentina caduta: dai cinque Oscar de Il Cacciatore al flop commerciale de I cancelli del cielo, che ha sancito simbolicamente la chiusura di un’epoca, causando all’autore un ostracismo inflessibile da parte dei produttori e accelerando la fine della sua carriera.

Cimino incarnava una figura di artista molto particolare, colto e visionario, un perfezionista che sconfinava nella paranoia, fautore di un cinema che era frutto di una sintesi suprema tra l’enfasi spettacolare della Hollywood classica e una concezione personale di grandissima originalità. Eccentrico e testardo, Cimino ha fallito per la sua diversità rispetto ai grandi nomi della New Hollywood: isolato e ambizioso, arrogante perché orgogliosamente convinto dei propri mezzi, ossessivo al punto da rasentare la patologia. Il suo cinema candidamente anacronistico, fatto di ampie strutture narrative e di una maniacale direzione di attori e comparse, non ha lasciato mai indifferenti ma ha determinato sempre aspri dibattiti e polemiche, perfino nei pochi anni del grande successo internazionale.

Il volume – arricchito da numerose illustrazioni e concluso da un’intervista al regista, inedita in volume – si pone l’obiettivo di analizzarne accuratamente l’opera, oltrepassando l’aneddotica scandalistica che ha condizionato l’obiettività di molti giudizi sul suo cinema e sulla sua vita.

GIAMPIERO FRASCA scrive di cinema, tiene corsi, cura rassegne. Su Cimino, per questa casa editrice ha già pubblicato – nella collana “I migliori film della nostra vita” – una monografia dedicata a I cancelli del cielo. Tra gli altri suoi libri: Road Movie (2001), C’era una volta il western (2007), Il cinema va a scuola (2011), Storia e storie del cinema americano (2013) e La suspense (2015).

 

SCHEDA
Il cinema di Michael Cimino
di Giampiero Frasca
Casa editrice: Gremese
Collana: Cinealbum
Volume: brossura
Formato: 17 X 24
Pagine: 160
ISBN: 978-88-6692-058-8
Prezzo: € 24,00

 

GREMESE EDITORE
Via Virginia Agnelli, 88
00151 Roma – Italy
Tel: +39 06 65740507
Sito web: gremese.com

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Mariella Belloni
ID: 390817
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.