Informazione creata ad arte (e cultura)

IBLETO di CHALLANT

Sono due le presentazioni del volume “Ibleto di Challant”, scritto da Piero Venesia di Collaretto Giacosa, medico, scrittore e storico del Canavese e della Valle D’Aosta. La prima presentazione sarà a Ivrea (TO) mercoledì 29 novembre alle ore 18.00 presso il Polo Universitario Officina H, in via Monte Navale mentre il secondo è previsto per il 1° dicembre alla Maison La Tour di Verrès (AO).

IBLETO di CHALLANT

Sono due le presentazioni del volume “Ibleto di Challant”, scritto da Piero Venesia di Collaretto Giacosa, medico, scrittore e storico del Canavese e della Valle D’Aosta. La prima presentazione sarà a Ivrea (TO) mercoledì 29 novembre alle ore 18.00 presso il Polo Universitario Officina H, in via Monte Navale mentre il secondo è previsto per il 1° dicembre alla Maison La Tour di Verrès (AO).

L’evento di Ivrea sarà aperto dall’intervento del Sindaco della Città di Ivrea Matteo Chiantore. Vedrà la partecipazione di una delegazione del Comune di Verrès composta dal Sindaco Alessandro Giovenzi e dal suo vice Alessandro Rossi, il quale ricopre anche la posizione di Assessore al Turismo. Gli interventi previsti ad Ivrea includono la professoressa Eleonora Venesia – figlia dell’autore – la giornalista Ezia Bovo e lo storico eporediese Guglielmo Berattino, autore del libro “Un canavese di grandi doti umane e di cultura al servizio della Comunità”, edito dall’ASAC e dedicato a Pietro Venesia. L’appuntamento di Verrès (Ao) è per venerdì 1° dicembre intorno alle ore 18.00 alla Maison La Tour in piazza Renè de Challant. L’evento si avvale del patrocinio dell’Amministrazione Comunale e sarà preceduto dall’intervento del Sindaco Alessandro Giovenzi, seguito da Eleonora Venesia e dall’Editore Ennio Junior Pedrini. La scelta di organizzare due presentazioni a distanza ravvicinata sottolinea l’importanza e l’eccezionalità del volume. Edizioni Pedrini ha voluto rendere omaggio non solo alla figura di Piero Venesia – autore di spicco nel panorame culturale Canavese e Valdostano – dedicando un intero libro alla sua passione per la montagna e il lago di Lod, situato nel Comune di Chamois, anche ricordata come “Perla delle Alpi”. “Ibleto di Challant, il Capitano” – originariamente edito 40 anni fa dalla tipografia “Vittorio Ferraro Editrice” di Ivrea, ha esaurito la tiratura in pochi mesi. Oggi – considerato il suo elevato valore storiografico – Edizioni Pedrini ha deciso di ricomporre e mandare alle stampe il testo, mantenendone inalterata l’essenza. Il volume di Pietro Venesia è riconosciuto dagli storici contemporanei come il più completo ed esaustivo sulla figura di Ibleto, grazie a una attenta ricostruzione della sua vita e dell’epoca in cui si svolgono i fatti. Tutto questo basato  su una meticolosa ricerca documentale. La nuova edizione è arricchita da un saggio letterario della professoressa Bovo – esperta del Casato degli Challant – e corredato da fotografie che arricchiscono il lavoro di Piero Venesia. “Ibleto” offre una profonda conoscenza di un uomo straordinario  per quell’epoca, Capitano Generale e Governatore del Piemonte dal 1379 al 1494, il libro attraversa la sua carriera militare e diplomatica. Dalle battaglie nel lontano Oriente a quelle più vicine di Asti e il Canavese, affrontando tematiche come la questione dei “Fieschi”, l’investitura di Issogne, la pace di Torino, la spedizione “Napoletana” e tantissimi altri eventi. Si spense nel suo Castello di Verrès. La presentazione di questo lavoro di ricerca storica è un’opportunità per immergersi nella vita e nelle gesta di “Ibleto di Challant”: personaggio straordinario che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia del Canavese e della Valle D’Aosta.

 

Per ulteriori informazioni contattare l’editore Pedrini 3939988875

Staff Comunicazione Edizioni Pedrini
eventistampa@gmail.com – 3334309709

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da: Edizioni Pedrini
Picture of Associazione Culturale Italia Medievale

Associazione Culturale Italia Medievale

L’ACIM ha come principale obiettivo la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico e artistico del Medioevo italiano. Organizza eventi e manifestazioni, quali feste e rievocazioni storiche, conferenze, mostre, visite guidate, viaggi, corsi e banchetti.