Informazione creata ad arte (e cultura)

I Servitori dell’Arte: una compagnia di giovani per il teatro tradizionale

Alla scoperta della storia e dell’attività di questa compagnia teatrale che da poco ha festeggiato i quindici anni di attività.

I Servitori dell’Arte: una compagnia di giovani per il teatro tradizionale

Alla scoperta della storia e dell’attività di questa compagnia teatrale che da poco ha festeggiato i quindici anni di attività.

La compagnia teatrale I Servitori dell’Arte, è stata fondata a Ladispoli nell’ottobre del 2008 dal regista e attore Manuel D’Aleo, oggi trentacinquenne, laureato, come altri componenti della compagnia stessa, in Disciplina delle Arti, Musica e Spettacolo con 110/110.

Nel 2009 la compagnia debutta a Ladispoli con la sua prima rappresentazione: “La Locandiera” di Goldoni. Durante le prove c’era la necessità di trovare un attore che potesse interpretare il ruolo di un servitore e da qui è nato il nome I Servitori dell’Arte.

Bisogna ammettere che in questi quindici anni di attività, i Servitori, l’arte l’hanno servita veramente, dedicandosi all’allestimento di lavori teatrali di vario genere, sempre curando i minimi particolari, perché nel Teatro niente deve essere lasciato al caso e, questo, Manuel D’Aleo lo sa bene.

Nella stagione 2009/2010, i Servitori allestiscono la loro seconda commedia: “Non tutti i ladri vengono per nuocere” di Dario Fo, con la quale debuttano nella Capitale ed hanno così modo di farsi conoscere dal grande pubblico. Da questo momento in poi, gli allestimenti si susseguono a ritmo serrato per i quindici anni successivi fino ad oggi.

I lavori presentati da “I Servitori dell’Arte” sono decine di commedie teatrali da nord a sud del nostro paese, repliche per migliaia di spettatori e spettacoli di ogni tipo: dalle fortunate commedie con clamoroso successo di pubblico, fino agli spettacoli di “Sketch…si ride!”, passando per le teatralizzazioni in spazi aperti con attività di visite guidate, Cene con delitto ed organizzazioni di eventi di ogni genere.

I Servitori propongono, fra l’altro, un nuovo format dal titolo “A spasso con i fantasmi di Roma” e “A spasso con i fantasmi di Cagliari”, che hanno luogo per le strade di queste due città. Tra i titoli delle commedie rappresentate dai Servitori, oltre a quelli già citati, troviamo “47 morto che parla”, “Cento de ‘sti giorni”, “Astuto…ma non troppo”, “La buonanima di mammà” ed altri ancora.

Per qualche anno, la compagnia ha gestito lo spazio comunale Arena dell’Arte La Grottaccia. Attualmente la compagnia ha una nuova sede, sempre a Ladispoli, La Casa dell’Arte, spazio di formazione e allestimento di nuovi eventi e allestimenti teatrali.

La Compagnia, dopo aver festeggiato da poco i 15 anni di attività, continua la missione iniziale di portare l’Arte al Servizio della stessa e lo fa con la tenacia, la passione e la grande responsabilità che ormai sa di avere nei confronti del pubblico che non ha mai smesso di seguire le vicende di questa piccola ma grande realtà. La peculiarità di ogni organizzazione de “I Servitori dell’Arte” è la cura quasi maniacale di ogni aspetto dello spettacolo, dalla creazione e scrittura di un testo fino alla distribuzione e messa in scena, passando per la logistica, la scenografia e le attente coreografie. Il Consiglio Direttivo attuale, formato da Manuel, Giada D’Aleo e Sara Urdis, studia chirurgicamente ogni attività e i miglioramenti che questi possano portare, con attente valutazioni sul presente e il futuro di questa realtà.

Le città in cui “I Servitori dell’Arte” sono andati in scena più volte in assoluto sono Roma, Livorno, Pisa, Piombino, Grosseto, Firenze, Siena, Regione Marche, Regione Sardegna e tanti altri luoghi dal Lazio alla Lombardia.

Ogni informazione o dettaglio aggiuntivo è possibile conoscerlo sul sito ufficiale della Compagnia, sotto riportato, o pagina Facebook/Instagram “I Servitori dell’Arte”. I Servitori vi invitano a richiedere la loro tessera associativa così da sostenere le loro attività autofinanziate al 100% per far in modo che questa Arte così artigianale possa continuare ad esistere.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Raimondo Banchetti
Picture of Raimondo Banchetti

Raimondo Banchetti

Laureato in lettere ad indirizzo storico-artistico, appassionato di musica, ha studiato diversi strumenti, sia a fiato che a corda.