Informazione creata ad arte (e cultura)

Giuseppe Ungaretti: tra i pilastri della Poetica e Letteratura italiana

Ricordo del grande poeta, scrittore, traduttore e giornalista
Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci

Giuseppe Ungaretti: tra i pilastri della Poetica e Letteratura italiana

Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
Ricordo del grande poeta, scrittore, traduttore e giornalista

Il giorno 8 febbraio 1888, ad Alessandria d’Egitto, nasceva il grande poeta Giuseppe Ungaretti, figlio di genitori originari della provincia di Lucca. La sua famiglia affrontò la perdita del padre, impegnato nei lavori del Canale di Suez, quando Giuseppe aveva soli due anni. Sua madre, gestendo un forno, lo sostenne negli studi. Ungaretti iniziò a scrivere poesie fin dalla giovane età e proseguì gli studi universitari alla Sorbona di Parigi. La sua carriera abbracciò diverse sfere, tra cui scrittura, traduzione e giornalismo, collaborando con riviste letterarie anche durante il servizio militare nella Prima Guerra Mondiale. Fu corrispondente per il quotidiano “Il Popolo d’Italia”.

Nel 1925, Ungaretti fu tra i firmatari del Manifesto degli Intellettuali Fascisti, ma la sua adesione al regime fu complessa e soggetta a revisioni critiche successive. La sua conversione al Cattolicesimo avvenne nel 1928. Le posizioni di Ungaretti nei confronti del Fascismo subirono evoluzioni e, dopo il conflitto, si trasferì in Brasile dove insegnò all’Università di San Paolo. Al suo ritorno in Italia, fu nominato Accademico d’Italia, un titolo che gli fu temporaneamente revocato al termine della guerra, ma fu successivamente reintegrato nell’ambito accademico, grazie agli interventi a suo favore, fino al suo ritiro nel 1958.

Ungaretti è considerato uno dei massimi esponenti della poesia e letteratura italiana del Novecento. La sua opera “Mattina”, contenente il celebre verso “M’illumino d’immenso”, rappresenta un caposaldo della sua produzione poetica. Giuseppe Ungaretti si spense a Milano nel 1970, lasciando un’impronta indelebile nella letteratura italiana.

Questa mia opera a carboncino che è stata esposta nella mia mostra personale allestita al “Museo della Grafica” di Pisa nel 2021 è in suo omaggio e memoria.

Bruno Pollacci
Direttore dell’Accademia d’Arte di Pisa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
ID: 391577
Licenza di distribuzione:
Picture of Bruno Pollacci

Bruno Pollacci

Pittore. Nato a Lucca nel 1954, vive e lavora a Pisa. Ha conseguito il Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lucca ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Maestro Fernando Farulli. Ha iniziato l'attività artistica nel 1968. Nel 1978, con il pittore Marco Menghelli, ha fondato l'Accademia d'Arte di Pisa, che tutt'ora dirige e nella quale insegna Pittura e Disegno.