Informazione creata ad arte (e cultura)

La biblioteca tra passato e presente

“Le biblioteche fisiche continuano e continueranno anche in futuro a conservare il loro fascino e il loro valore storico e culturale”: l’articolo di Federico Motta Editore sulla nascita e diffusione delle biblioteche.
Vintage books on bookshelves in old library. Education and literature concept.

La biblioteca tra passato e presente

Vintage books on bookshelves in old library. Education and literature concept.
“Le biblioteche fisiche continuano e continueranno anche in futuro a conservare il loro fascino e il loro valore storico e culturale”: l’articolo di Federico Motta Editore sulla nascita e diffusione delle biblioteche.

Ricordando la biblioteca privata del semiologo, filosofo, scrittore e bibliofilo Umberto Eco, Federico Motta Editore ricorda la nascita di questi luoghi che ancora oggi rappresentano una fonte inesauribile di sapere e di conoscenza.

La nascita delle biblioteche
Una biblioteca rappresenta un vero e proprio tesoro, un patrimonio culturale che offre infinite possibilità di apprendimento, di sviluppo e di crescita personale. Come ricorda la Casa Editrice Federico Motta Editore, Umberto Eco lo sapeva bene, tanto che ne fece il fulcro del suo celebre romanzo Il nome della rosa. Ma la biblioteca non è solo un’idea romantica del passato: oggi, più che mai, è un luogo in cui la cultura e la conoscenza sono a portata di tutti. La loro nascita risale a secoli fa: questi luoghi, infatti, esistevano già ai tempi dei Babilonesi e della Grecia antica. Hanno rappresentato spazi di raccolta e conservazione del sapere, custodito e trasmesso di generazione in generazione. La biblioteca di Alessandria d’Egitto è stata la più famosa e prestigiosa biblioteca dell’antichità, con oltre 500.000 volumi. Con il passare dei secoli, sottolinea Federico Motta Editore, la biblioteca ha subito diverse trasformazioni, ma il suo valore è sempre rimasto intatto. Nel Medioevo, si sono diffuse nei monasteri come luoghi in cui conservare il sapere del passato. Nel Rinascimento sono invece nate le prime biblioteche laiche, mentre nel XX secolo si è generata la biblioteconomia e con essa la trasformazione delle biblioteche in istituzioni moderne, al passo con i tempi.

La biblioteca, una fonte di cultura indispensabile
Oggi le biblioteche sono anche digitali, grazie alla tecnologia e all’avvento di internet. Questo ha permesso di ampliare il loro raggio d’azione, consentendo a chiunque di accedere a una vastissima gamma di contenuti. Tuttavia, ricorda ancora Federico Motta Editore, le biblioteche fisiche continuano a conservare il loro fascino e il loro valore storico e culturale, offrendo un’esperienza unica di scoperta e di apprendimento. In Italia, abbiamo la fortuna di poter contare su numerose biblioteche, sia pubbliche sia private, che custodiscono un patrimonio culturale inestimabile. La biblioteca privata di Umberto Eco, ad esempio, era una delle più grandi e prestigiose d’Italia, con oltre 30.000 volumi moderni e 1.200 libri antichi e rari. Ogni biblioteca, grande o piccola che sia, rappresenta “una fonte di cultura indispensabile” per ogni casa e per ogni individuo, scrive Federico Motta Editore. Il valore dei libri è infatti insostituibile proprio perché costituisce una vera e propria finestra sul mondo, un’opportunità per imparare, per scoprire e per crescere.

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Edoardo Guerri
ID: 375354
Licenza di distribuzione:
Picture of Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.