Informazione creata ad arte (e cultura)

Ettore Scola: regista con passione sociale e leggerezza

Ricordo del grande regista italiano
Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci

Ettore Scola: regista con passione sociale e leggerezza

Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
Ricordo del grande regista italiano

Il 10 maggio 1931 nasceva a Trevico (AV) il regista Ettore Scola. Trasferitosi a Roma, iniziò giovanissimo a disegnare vignette umoristiche per poi, dalla fine degli anni ’40, scrivere testi per programmi radiofonici e successivamente televisivi per la RAI. La sua carriera di regista prese avvio nel 1964, ma il successo arrivò nel 1968 con la direzione di “Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa?”, interpretato da Alberto Sordi e Nino Manfredi. Attraverso i suoi film, Scola ha ritratto un’Italia complessa e sfaccettata, spesso goffa e buffa nei suoi comportamenti, mostrando acume intellettuale, sensibilità e una marcata passione sociale, senza rinunciare a leggerezza e ironia. Tra le sue opere più note si annoverano: “C’eravamo tanto amati” (1974), “Brutti, sporchi e cattivi” (1976), “Una giornata particolare” (1977), “La terrazza” (1980) e “La famiglia” (1987). Ha vinto il Premio Flaiano, il Premio Efebo d’Oro e importanti riconoscimenti al Festival di Cannes, al Festival Cinematografico Internazionale di Mosca, al Torino Film Festival, e ha ricevuto più nomination come Miglior Film Straniero ai Premi Oscar nel 1978, 1979, 1984 e 1988. Scola morì a Roma nel 2016.

Questa è una mia opera realizzata a grafite in suo omaggio e memoria.

Bruno Pollacci
Direttore dell’Accademia d’Arte di Pisa

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Bruno Pollacci
Photo credits: Bruno Pollacci
ID: 397360
Licenza di distribuzione:
Picture of Bruno Pollacci

Bruno Pollacci

Pittore. Nato a Lucca nel 1954, vive e lavora a Pisa. Ha conseguito il Diploma di Maturità Artistica presso il Liceo Artistico Statale di Lucca ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida del Maestro Fernando Farulli. Ha iniziato l'attività artistica nel 1968. Nel 1978, con il pittore Marco Menghelli, ha fondato l'Accademia d'Arte di Pisa, che tutt'ora dirige e nella quale insegna Pittura e Disegno.