Informazione creata ad arte (e cultura)

Due personaggi per Marianella Bargilli in Assassinio nella cattedrale

Due personaggi per Marianella Bargilli che torna nella sua amata Sicilia con Assassinio nella Cattedrale Venerdì 9 febbraio e Trapani Sabato 10 e domenica 11 Noto (SR). Il calendario completo del tour dello spettacolo.
Foto

Due personaggi per Marianella Bargilli in Assassinio nella cattedrale

Foto
Due personaggi per Marianella Bargilli che torna nella sua amata Sicilia con Assassinio nella Cattedrale Venerdì 9 febbraio e Trapani Sabato 10 e domenica 11 Noto (SR). Il calendario completo del tour dello spettacolo.

Dopo l’acclamato debutto al Teatro Olimpico di Vicenza per il 75° Ciclo di Spettacoli Classici Marianella Bargilli torna ad interpretare il suo doppio ruolo in Assassinio nella cattedrale che sbarcherà in Sicilia venerdì 9 febbraio al Teatro Tonino Pardo di Trapani. Sabato 10 febbraio ore 21,00 e domenica 11 ore 18,00 sarà invece in scena al Teatro Comunale Tina Di Lorenzo a Noto (SR).

“È un’emozione molto forte riprendere questo spettacolo dopo il recente successo e l’accoglienza tributata a Spose, le nozze del secolo che proprio in Sicilia ha visto sale piene – dichiara Bargilli – In quest’isola mi sento a casa e quando salgo sul palco mi sento sempre accolta e amata. Per questo ogni volta cerco di fare meglio e non deludere un pubblico abituato ad andare in teatro e che per giunta mi vuole bene”.

Alla talentuosa Marianella Bargilli nel dramma di Thomas Stearns Elliot sono affidati due personaggi, lei che non è nuova ad interpretare più ruoli in uno stesso spettacolo come in Uno, nessuno e centomila dove ne interpreta tre, sarà una corifea e il quarto visitatore, di fatto il Demonio.

“In entrambi i ruoli quello del coro e quello della tentazione -continua Bargilli- ad essere chiamata in causa è l’anima irrazionale, che trae la sua forza vitale dalle sensazioni epidermiche ed inspiegabili. E concordo con la scelta che solo una donna in bilico tra sensibilità e ragione può rappresentare bene questo luogo di confine”.

Mentre a Moni Ovadia, “è affidato il canto desolato dell’eroe inglese “invaso” dalla fede cristiana, il lamento assoluto di un uomo indeciso tra abnegazione e incarnazione del Cristo, tra smania di potere e fede assoluta in Dio”.

Assassinio nella cattedrale racconta dell’omicidio dell’arcivescovo di Canterbury, Thomas Beckett, il cui corpo senza vita viene ritrovato all’interno della cattedrale. L’arcivescovo è stato assassinato da quattro cavalieri mandati da re Enrico II. Ma il vero dramma che Thomas Stearns Eliot, mette in scena è quello che si svolge nella coscienza di Beckett, in lotta con le proprie convinzioni in un mondo che gli impone di rinunciare a tutto quello in cui crede.

Il dramma è del 1935, è costruito come una tragedia classica, in cui potere temporale e spirituale si scontrano.

Lo spettacolo è una produzione del Teatro ABC di Catania e del Teatro Olimpico di Vicenza, la regia è affidata a Guglielmo Ferro.

Prossime date

Da martedì 13 a domenica 18 Roma – Teatro Quirino
Martedì 20 Castelnuovo Garfagnana – Teatro Alfieri
Mercoledì 21 Sansepolcro -Teatro Dante
Giovedì 22 Cecina -Teatro De Filippo
Sabati 24 e domenica 25 Modica -Teatro Garibaldi
Da martedì 27 febbraio a domenica 3 marzo Brescia – Teatro Sociale

MARZO
Martedì 5 Verbania – Teatro Il Maggiore
Mercoledì 6 Sondrio – Teatro Sociale
Giovedì 7 Casalpusterlengo – Teatro Carlo Rossi
Da venerdì 8 a domenica 10 Ferrara – Teatro Comunale
Venerdì 15 Giarre – Teatro Garibaldi
Sabato 16 e domenica 17 Messina – Teatro Annibale di Francia
Sabato 23 domenica 24 Agrigento – Teatro Pirandello
Lunedì 25 doppia Capo D’Orlando – Teatro Rosso di San Secondo

Informazioni sulla pubblicazione

Testo inviato da Elena Torre
ID: 391462
Licenza di distribuzione:
Diana Millan

Diana Millan

Magistero in Scienze Religiose conseguito presso l'ISSR "Beato Niccolò Stenone" di Pisa, lavoro per comunicati-stampa.net e sono responsabile editoriale di LiquidArte.it. Appassionata di cinema e libri.